Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'ordinanza di De Luca tinge Messina di rosso porpora
«Vietato l'asporto, viene usato per frequentare i locali»

Dopo avere ottenuto il riconoscimento della zona rossa da parte del governo regionale, il primo cittadino peloritano ha deciso di adottare restrizioni ancora maggiori. Nel mirino sono finite le attività comprese nell'allegato 23 del Dpcm del 3 dicembre. I dettagli

Redazione

Messina rosso porpora. L'ordinanza con cui il sindaco Cateno De Luca ha deciso di dare una mandata in più alle restrizioni già decise dal governo regionale per il capoluogo peloritano ha creato qualche apprensione in città. Non tanto per le ulteriori limitazioni, che di fatto riportano tutto all'epoca del primo lockdown, ma per una svista nella redazione del testo. Il punto 11 dell'ordinanza, infatti, disponendo a partire da venerdì la chiusura delle attività - concesse invece dall'ordinanza di Nello Musumeci, a sua volta basata sull'allegato 23 del Dpcm del 3 dicembre firmato dal premier Giuseppe Conte - non ha previsto apparentemente eccezioni in materia di cibi e bevande nel caso di esercizi commerciali della media e grande distribuzione. Un passaggio del testo che ha portato il Comune a chiarirne i contenuti.

«Con riferimento alle chiusure al pubblico che entrano in vigore da venerdì 15 gennaio precisiamo che il primo punto dell’art. 11 dell'ordinanza fa riferimento alle attività all’interno di ipermercati, supermercati, discount alimentari, mini-mercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari, per vietare la vendita al pubblico di prodotti diversi dai generi alimentari - ha scritto De Luca su Facebook - Per intenderci, da venerdì 15 gennaio all’interno degli ipermercati non potranno essere venduti quegli articoli, diversi dai generi alimentari, per i quali abbiamo disposto la sospensione dell’attività al pubblico». 

La misura voluta dal primo cittadino messinese, che già in primavera più volte è stato protagonista di iniziative in chiave restrittive poi impugnate dalla prefettura, è stata difesa questa mattina anche ai microfoni di Radio Fantastica. «Sono dell'idea che chi amministra deve fare le cose senza se e senza ma, si prendono decisioni e basta - ha detto De Luca, intervenendo telefonicamente - Io sono stato già minacciato a Messina perché ho fatto un'ordinanza che porta a ulteriori restrizioni che sono di gran lunga superiori a quelle previste. Da venerdì non è più previsto l'asporto e, udite udite, il governo sta pensando che una delle restrizioni che possono essere introdotte è proprio il divieto d'asporto». Per il sindaco messinese, l'asporto finora è stato usato soltanto come pretesto per uscire di casa e frequentare i locali. «Al cospetto delle scuole chiuse, pensate sia serio che il governo si debba chiedere se vietarlo dalle 18 o dalle 20? L'asporto non funziona».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×