Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rifiuti e mazzette, chi sono gli imprenditori arrestati
In Sicilia puntano a diventare i re del compostaggio

Emanuele Caruso e Daniela Pisasale sono stati catturati insieme a un funzionario della discarica di Bellolampo. Dall'altra parte della Sicilia hanno da poco avuto l'ok per realizzare un megaimpianto. In passato Caruso è stato accusato di essere vicino a Cosa nostra

Simone Olivelli

Nell'auto dei coniugi Emanuele Caruso e Daniela Pisasale, gli uomini della Direzione investigativa antimafia di Palermo hanno trovato oltre 13mila euro. Altri cinquemila, invece, Caruso li aveva in una busta che aveva consegnato a Vincenzo Bonanno, direttore della discarica pubblica di Bellolampo. I tre sono stati arrestati con l'accusa di corruzione. Marito e moglie, Caruso e Pisasale sono imprenditori attivi nel settore dei rifiuti. Il primo direttore tecnico e la seconda legale rappresentante, sono i volti della società Realizzazioni e Montaggi. Un nome che per esteso dice poco, ma che come acronimo - Rem - rappresenta la realtà che in Sicilia ha deciso di puntare in maniera più massiccia sul compostaggio. Ovvero il settore che, con i dati della differenziata in ascesa, potrà rappresentare il business di domani per chi riesce a trasformare i rifiuti in denaro

La Rem, a fine 2019, ha ottenuto infatti dalla Regione l'autorizzazione per realizzare un grosso impianto nella piana di Catania. A poche centinaia di metri dall'Oasi del Simeto. Il progetto prevede di trasformare un vecchio stabilimento, che un tempo ospitava un mattatoio. L'iter per il via libera negli anni passati è stato segnato da una prima opposizione da parte del Comune di Catania, all'epoca guidato dal sindaco Enzo Bianco, per una serie di rilievi riguardanti anche la zona di influenza dell'impianto aeroportuale di Sigonella e l'eccessiva vicinanza al fiume Simeto. La situazione, che ha visto anche una disputa tra uffici e privati sull'esigenza di effettuare il cambio di destinazione d'uso, si è sbloccata qualche tempo dopo, a inizio della sindacatura Pogliese. I due coniugi, che gestiscono anche un impianto di compostaggio nel Ragusano, a Bellolampo con la società Ecoambiente hanno gestito i rifiuti della provincia affiancando la Rap nella fase del trattamento meccanico-biologico l'impianto pubblico

Ma nel passato di Emanuele Caruso ci sono state anche ombre riguardanti presunti rapporti con la criminalità organizzata catanese. L'uomo, a inizio anni Duemila, fu arrestato nell'operazione Obelisco con l'accusa di associazione mafiosa, poi dal Riesame derubricata a concorso esterno. Nell'inchiesta venne coinvolto anche il fratello Gaetano. Nel 2009 entrambi furono assolti in abbreviato, in virtù del ruolo di vittima riconosciutogli dal tribunale. Per la procura, invece, i Caruso sarebbero stati a disposizione della famiglia catanaese di Costa nostra dei Santapaola-Ercolano. Una vicinanza dovuta anche alla parentela con il boss Pippo Mirenna. I Caruso, nel periodo delle indagini, furono anche destinatari di un maxi-sequestro dei beni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×