Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Le sardine anti-Salvini si organizzano anche in Sicilia
«L'obiettivo è una grande manifestazione a Palermo»

Con lo spirito del movimento che ha riempito le piazze di Bologna e Modena, tre giovani trapanesi hanno creato un gruppo per manifestare contro le politiche del segretario della Lega. «Si è passato il limite, ognuno deve metterci la faccia»

Salvo Catalano

L'onda lunga è arrivata anche nella nostra Isola. Oggi è nato il gruppo Facebook Sardine Sicilia, che in poche ore ha superato gli ottocento iscritti e che cresce col passare dei minuti. Tutti accomunati, come nel resto d'Italia, dalla volontà di manifestare il proprio no alle politiche di Matteo Salvini. «La Sicilia non si Lega», è lo slogan guida. L'obiettivo: organizzare una grande manifestazione di piazza a Palermo. Il confronto è partito ma servirà del tempo per mettere insieme tutte le realtà interessate. 

A lanciare il gruppo sono stati tre giovani trapanesi. «L’idea mi è venuta oggi guardando la piazza di Bologna - spiega Peppe, 38enne ex magazziniere al momento in cerca di un'occupazione - da anni sono vicino al Movimento 5 stelle ma le sardine sono un'altra cosa. Le manifestazioni devono essere senza bandiera, il nostro obiettivo è fare da argine a questa ondata di odio e fascismo». Insieme al 38enne in prima fila ci sono Valentina, da pochi mesi tornata in Sicilia dopo anni di permanenza a Londra, e Daniela, una giovane artista trapanese. In queste ore stanno nascendo anche altri gruppi sui social, al momento meno numerosi. 

Le sardine siciliane proveranno dunque a replicare quanto organizzato in Emilia, dove le piazze si sono riempite a Modena e Bologna. Ma il tam tam è ormai lanciato e diverse altre città si stanno organizzando per manifestare contro Salvini, nelle giornate in cui nelle stesse città è prevista la visita del segretario della Lega.

«Perché adesso? - risponde Lombardo - Perché si è passato il limite, gli insulti alla Segre di queste ultime settimane sono un campanello d’allarme, non si può restare con le mani in mano. Ognuno è chiamato a metterci la faccia e a ribadire pubblicamente il nostro no all’odio». Gli amministratori del gruppo aspettano di «capire se i siciliani ci sosterranno» per poi decidere dove e quando scendere in piazza. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews