Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ars, Laccoto vince il ricorso contro De Domenico
Ma l'appello sospende gli effetti della sentenza

Una poltrona per due a Sala d'Ercole: l'ex presidente della commissione Sanità vince il ricorso elettorale contro il rivale, ma il ricorso di quest'ultimo all'appello lascia in sospeso una vicenda destinata ad andare avanti a colpi di carte bollate

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Il ricorso elettorale andava avanti da inizio legislatura. A presentarlo era stato Giuseppe Laccoto, ex presidente della commissione Sanità all’Ars e primo dei non eletti nella lista del Pd a Messina. Si era scagliato contro l’elezione di Franco De Domenico, sostenendone l’illegittimità a causa del precedente incarico (direttore generale dell’Università di Messina) ricoperto da De Domenico al momento dell’accettazione della candidatura.

Di udienza in udienza (compresa una richiesta di parere alla Corte Costituzionale, che però non è entrata nel merito rimandando alla legge regionale) l’iter è andato avanti per quasi due anni, fino a oggi, quando il tribunale di Palermo si è espresso a favore del ricorso di Laccoto, che ad aprile di quest'anno è stato eletto sindaco di Brolo. Con il pronunciamento di oggi di fatto De Domenico finisce negli spogliatoi.

Ma il parlamentare regionale non getta la spugna e al contrario annuncia di volersi appellare alla sentenza di primo grado. Aggiungendo anche che, come sancito da un decreto legislativo del 2011, «l’efficacia esecutiva dell’ordinanza pronunciata dal tribunale è sospesa in pendenza di appello».

«Prendo atto - dichiara De Domenico - della sentenza del Tribunale di Palermo e non intendo commentarla, perché ritengo che le decisioni delle istituzioni giudiziarie vadano rispettate. Tuttavia proprio nel rispetto dei valori istituzionali, nella convinzione della legittimità del mio percorso e della correttezza delle mie ragioni, proporrò appello. Ritengo pertanto - continua il deputato dem - che la vicenda non sia assolutamente conclusa e finché ciò non avverrà continuerò a garantire il mio impegno al servizio dei cittadini della mia provincia sui banchi dell’Ars».

Immediata la controreplica di Laccoto, che considera il ricorso in appello «strumentale» e aggiunge di sentirsi «legittimato a chiedere i danni nelle sedi opportune». Insomma, la vicenda è destinata a durare ancora a lungo. Qualora effettivamente Laccoto, che ha già aderito a Italia Viva di Matteo Renzi, dovesse insediarsi, il gruppo del Partito democratico in Assemblea perderebbe un altro deputato, che si aggiungerebbe ai quattro che compongono già il gruppo dei renziani a Sala d’Ercole.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews