Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ragusa, uccide la madre picchiandola a mani nude
Era rimasto chiuso fuori e lei non lo aveva sentito

Agghiacciante la storia che arriva dal capoluogo ibleo: un 48enne ha picchiato la madre in preda a un raptus. La donna è morta dopo venti giorni di coma. La violenza nata da un banale motivo

Salvo Catalano

L'ha uccisa a mani nude perché lui era rimasto chiuso fuori sul balcone e lei, davanti alla televisione, non sentiva le sue richieste di aiuto. È la storia agghiacciante che arriva da Ragusa. Ancora più aberrante se si pensa che la vittima è l'anziana madre dell'uomo che l'ha brutalmente aggredita. I carabinieri della compagnia di Ragusa hanno arrestato Carmelo Chessari, 48 anni. Deve rispondere di omicidio con l'aggravante di aver agito contro un genitore. 

La violenza è scattata la sera del 20 aprile 2019. Al pronto soccorso Giovanni Paolo II di Ragusa arriva Santa Trovato, 79 anni, in stato di coma con il volo tumefatto e una gravissima emorragia celebrale. A richiedere l'intervento del 118 era stato proprio il figlio, l'unico a convivere con la donna. I due vivevano grazie alla pensione di lei. Mentre una seconda figlia abita al Nord.

Di fronte alle domande dei sanitari e dei carabinieri, Chessari non dà alcuna spiegazione. Dal sopralluogo dei militari nell'abitazione, emerge che sulla porta d'ingresso non c'è alcun segno di effrazione. Dentro viene trovato un grande disordine, ma nessuna traccia di sangue. Incalzato dalle domande degli investigatori, il 48enne alla fine cede e confessa di avere picchiato la madre in preda a un raptus. L'uomo era infatti rimasto accidentalmente chiuso fuori e aveva chiesto alla madre di aprire la porta. La donna, però, intenta a guardare la televisione, non aveva sentito. Quando Chessari è riuscito a rientrare in casa, si è scatenata la violenza contro la madre, colpita più volte alla testa a mani nude. Nonostante tutto, la donna si è rimessa a letto dove l'indomani il figlio l'ha trovata in stato di coma. 

I carabinieri hanno poi ricostruito, attraverso alcune testimonianze, che i maltrattamenti sulla donna duravano da tempo ma l'anziana non aveva mai denunciato il figlio. Troppa la paura, o forse anche la vergogna. 

Al pronto soccorso le condizioni della 79enne sono apparse subito disperate. È stata trasferita all'ospedale Cannizzaro di Catania, dove è stata sottoposta d'urgenza a un delicatissimo intervento chirurgico. Successivamente è stata ricoverata al reparto di Rianimazione dell'ospedale Garibaldi Centro, dove è morta dopo venti giorni di agonia, l'11 maggio 2019, senza avere mai ripreso coscienza. L’autopsia ha accertato che le cause del decesso sono compatibili con il grave trauma cranico subito la sera dell’aggressione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews