Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Spese pazze Ars, pm chiede condanna per sei deputati
Quattro anni per Pogliese. Replica: «Fatti ben diversi»

La Procura di Palermo ha chiesto di condannare Cataldo Fiorenza, Giulia Adamo, Giambattista Bufardeci, Rudi Maira e l'attuale sindaco di Catania, per la gestione dei fondi destinati alle attività istituzionali dei gruppi parlamentari

Redazione

Il pm di Palermo Laura Siani, a conclusione della sua arringa, ha chiesto la condanna dei sei imputati per peculato al processo sulle spese pazze all'Assemblea regionale siciliana, gli ex deputati Cataldo Fiorenza (4 anni e 3 mesi), Giulia Adamo (3 anni e 9 mesi ), Giambattista Bufardeci (3 anni), Rudi Maira (3 anni e 6 mesi), Livio Marrocco (3 anni e 6 mesi) e Salvo Pogliese (4 anni e 3 mesi). Il collegio è presieduto da Fabrizio La Cascia. 

Lo scrive Livesicilia.it. Il processo è una tranche dell'inchiesta che nel 2014 vide coinvolti una ottantina tra deputati e impiegati (due le condanne in abbreviato e alcuni patteggiamenti di pena) di vari gruppi parlamentari, accusati di aver impiegato per fini personali i soldi assegnati per l'attività istituzionale dei gruppi. Per alcuni la procura ha chiesto e ottenuto l'archiviazione; altri sono stati prosciolti, mentre la Corte dei conti ha emesso condanne per danno erariale. A novembre ci saranno due udienze dedicate ai difensori. Poi la sentenza. Oggi Marrocco ha reso dichiarazioni spontanee per respingere le accuse.

«Non stupisce più di tanto che la pubblica accusa abbia confermato un orientamento che peraltro persegue da quasi dieci anni - replica il sindaco di Catania, Salvo Pogliese - Sono fiducioso che si affermerà la mia correttezza rispetto ai fatti, che sono ben diversi da quelli teorizzati dalla Procura, che per dovere d'ufficio è chiamata a svolgere proprio questa funzione di sostenere la tesi accusatoria. Spiace, semmai, constatare - aggiunge Pogliese - che nonostante le evidenze dibattimentali lo abbiano dimostrato con chiarezza, si sia deciso di non tenere conto che i rimborsi sono stati da me anticipati, per pagare contributi previdenziali e stipendi ai dipendenti del gruppo parlamentare dell'Ars, e quelli spesi per fatti personali, in realtà, ne sono solo un parziale recupero dell'onerosa anticipazione effettuata. Caso assolutamente unico nella storia parlamentare; una circostanza - conclude - di cui non si può non tenere conto in un giudizio della magistratura giudicante che sono certo sarà sereno, trasparente e ancorato alla realtà oggettiva».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews