Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'Ars approva il secondo collegato e va in vacanza
Micciché: «Ho sbagliato, norme sono state una follia»

Fumata bianca a Sala d'Ercole per la seconda norma, esitata dalla Commissione Affari Istituzionali. Figuccia parla di «marchettificio», mentre secondo i 5 Stelle «la Sicilia resta in attesa di risposte e a farne le spese saranno come sempre i siciliani»

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

L’Assemblea regionale approva il secondo testo collegato alla Finanziaria e va in vacanza. Finisce con un nulla di fatto, dopo un pomeriggio fatto più da sospensioni che da lavori d’Aula, l’esame degli altri testi collegati alla Finanziaria. Tutti al mare, mentre l’attività parlamentare riprenderà soltanto il prossimo 2 settembre (la seduta a Sala d’Ercole è stata aggiornata al 10).

Approvato dunque, con 33 voti favorevoli, anche il secondo collegato, quello a cui ha lavorato la Commissione Affari Istituzionali e che contiene la norma «salva Catania»: una norma che accorda al Comune fino a quaranta milioni di euro di anticipazione, restituibile in cinque anni, utile a fronteggiare il dissesto dell'ente e a pagare gli stipendi dei dipendenti.

Ma all'ordine del giorno di Sala d’Ercole era previsto inoltre l’esame del collegato esitato dalla Commissione Cultura: una coperta troppo corta che conteneva soltanto alcuni dei provvedimenti una volta inseriti nella ex tabella H e che lasciava troppi scontenti tra i deputati. È per questa ragione che il presidente dell’Assemblea, Gianfranco Micciché, ha convocato la conferenza dei capigruppo per proporre l’esame di alcune norme, da presentare sotto forma di emendamento. Ma chiedeva a tutti i gruppi l’unanimità sul voto ai provvedimenti che sarebbero stati concertati in capigruppo. Tra questi, la norma sullo Iacp, quella sull’Irfis, una su Trenitalia. E ancora, una norma sulla Protezione Civile, una sul personale Asu, i fondi all’assessorato al Turismo. Ma l’accordo, in capigruppo, non c’è stato. Così, non senza rammarico, Micciché ha rimandato tutti negli spogliatoi.

«Non essendoci unanimità sulla mia proposta di rimandare a domani le norme principali contenute nel collegato della quinta commissione - ha detto il primo inquilino di sala d’Ercole in Aula - oggi l'Ars chiude per la pausa estiva. Mi faccio carico - ha aggiunto - di dire che ho sbagliato, i collegati sono stati una follia. Bisogna sapere imparare dall’esperienza».

Ma Micciché avverte anche: «Non possiamo riaprire il 2 settembre nelle stesse condizioni di adesso: si devono prendere le norme principali contenute nei vari collegati attualmente all'esame del parlamento e inserirle in un unico testo». Una visione condivisa anche dal capogruppo di Ora Sicilia, Luigi Genovese, secondo cui «l’unica via resta quella di una proposta di sintesi».

La cabina di regia che si occuperà di lavorare a una sintesi sarà composta da Micciché, dal presidente della commissione Bilancio, Riccardo Savona, dall’assessore al Territorio, Toto Cordaro, e dai capigruppo all’Ars.

A gioire è invece l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, per la norma «salva Catania» che ha ottenuto il semaforo verde insieme al secondo collegato. «A dispetto dei tanti che non ci credevano - ha detto Falcone - questa sera l'Ars ha approvato la legge salva Catania. Portiamo a casa un risultato prezioso e vitale per la città, un impegno preso e mantenuto da Forza Italia che consentirà all'ente comunale dissestato di rialzare la testa e ritrovare serenità».

Parla di «marchettificio» il deputato centrista Vincenzo Figuccia, secondo cui «l'idea di creare collegati su collegati che altro non erano che la sommatoria di microinteressi di parte, si è rilevata assolutamente fallimentare. Una lasagna infinita dove il marchettificio che ha spadroneggiato, è crollato su se stesso e sull'incapacità di trovare la quadra».

Critiche dalle opposizioni: secondo il capogruppo di Sicilia Futura, Nicola D’Agostino, «ancora una volta la maggioranza si conferma inconsistente tanto sul piano quantitativo, tanto su quello qualitativo». Secondo Giuseppe Lupo (Pd), invece, «siamo di fronte all’esito di un disastro annunciato: il Parlamento chiude in anticipo perché ostaggio dell’inconcludenza e della tracotanza del governo e della maggioranza».

«Il presidente dell’Ars - attacca infine la pentastellata Valentina Palmeri - ha chiuso in fretta e furia i lavori e ha mandato tutti in vacanza senza dare a nessuno la possibilità di parlare. La produttività di questo Parlamento resta ancora una volta ferma al palo, la Sicilia resta in attesa di risposte e a farne le spese saranno come sempre i siciliani».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews