Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pantalica, la magia delle escursioni estive al tramonto
«Combinazione tra vita e morte, natura e archeologia»

La necropoli rupestre della Valle dell'Anapo è un sito tutelato dall'Unesco. Oltre cinquemila tombe incastonate nei canyon scavati dai torrenti. «Dall'alto - spiega la guida a MeridioNews - colpisce che nella cava la vegetazione sia verde pure d'estate» Guarda le foto

Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

«Ciò che è scolpito nella roccia resta per sempre». Non sono parole sdolcinate che si possono leggere sull'involucro di un cioccolatino. Ma il motivo per cui oggi in Sicilia è possibile andare alla scoperta di un villaggio risalente al periodo precedente alla nascita delle città della Grecia classica, quando l'innovazione tecnologica del momento era il bronzo e il ferro era ancora un materiale sconosciuto. È la necropoli rupestre di Pantalica che, dal 2005, è anche un sito naturalistico e archeologico tutelato dall'Unesco. Dall'alto si vedono cave punteggiate da grotte. Sono oltre cinquemila tombe - realizzate tra il XII e l'VIII secolo a.C - incastonate nelle pareti dei canyon di roccia calcarea scavati dai fiumi Anapo e Calcinara. Il fascino degli antichi insediamenti fa il paio con la natura selvaggia e incontaminata dei monti Iblei, tra Ferla e Sortino. 

«Pantalica è un mix perfetto tra natura e archeologia - riassume Paolo Cavarra, guida naturalistica e turistica - Durante le escursioni attraversiamo sentieri che appartengono alla Riserva naturale della Valle dell'Anapo». Canyon che i torrenti hanno disegnato in milioni di anni rappresentano il contesto più tipico delle cave iblee. 

Le escursioni estive a Pantalica spesso si fanno al tramonto. «Sono percorsi di media difficoltà, facilmente accessibili - spiega Cavarra - quindi l'ideale è che la risalita venga fatta nel momento in cui il sole è già calato, c'è più di fresco e una bella luce». Il colpo d'occhio, a Pantalica, è a metà del percorso. «Dall'alto la cosa che colpisce subito è il fatto che il canyon è un evergreen - spiega ironico Cavarra - nel senso che la vegetazione è tutta verde anche in piena estate, grazie al microclima che si crea all'interno della cava». Flora e fauna vengono preservate dal rovescio della montagna. «In questo periodo, per esempio, si può osservare il Trachelio siciliano in fiore con tutta la corolla di un viola bellissimo». 

La vita da una parte, la morte dall'altra. «Le tombe a grotticella formano la necropoli preistorica - precisa la guida - e anche da lontano si riconoscono perché sono le grotte con la cavità più piccola. I bizantini, poi, alcune le hanno riadattate per farne case o le hanno utilizzate come finestre». Il villaggio bizantino, anche quello totalmente ricavato nella roccia, era un baluardo difensivo strategico dell'acropoli sicula-sicana. «Durante le escursioni visitiamo la grotta dei pipistrelli (la cavità più grande di Pantalica, ndr) e ci fermiamo nell'Anaktoron a osservare i resti del Palazzo del principe formato da grossi blocchi megalitici e, lungo il percorso - racconta - si incontrano anche chiese bizantine come quelle di San Micidiario e di San Nicolicchio in cui ancora è possibile vedere tracce di affreschi sulle pareti». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews