Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, migliaia in piazza per salutare il vincitore di Amici
Alberto Urso torna nella sua città: «Confuso ed emozionato»

Dopo il successo dello scorso sabato, il giovane cantante è tornato nella sua Messina e ad attenderlo c'erano migliaia di fan che da stamattina hanno presidiato l’ingresso di Palazzo Zanca. Guarda le foto

Simona Arena

Bagno di folla per Alberto Urso, vincitore del talent Amici di Maria De Filippi. Dopo il successo dello scorso sabato, è tornato nella sua Messina e ad attenderlo c'erano migliaia di fan che da stamattina hanno presidiato l’ingresso di Palazzo Zanca pur di riuscire a incontrarlo e a farsi firmare una copia del suo album Solo. Come Sara, 16 anni, che dalle 8.30 davanti alle transenne ha atteso un «ragazzo umile, con la faccia pulita e una bellissima voce». Ad accompagnarla la mamma Lucia che con la figlia condivide la passione per Alberto: «È un bravo ragazzo. Lo abbiamo seguito in questi mesi durante le puntate di e mi ha sorpreso la sua grande educazione ancor prima della sua splendida voce». 

E a dimostrazione di ciò, quando è arrivato in ritardo si è subito scusato con i suoi tanti fan. «Sono a casa - ha detto il giovane tenore -, sono ancora confuso e sicuramente molto emozionato. Questa è solo la prima tappa, certamente tornerò qui a Messina per una esibizione durante il mio tour». Non ha mai dimenticato la sua città e anche durante l’ultima puntata del talent, alla De Filippi che gli chiedeva cosa avrebbe fatto per prima cosa una volta tornato alla sua vita, ha subito risposto: «Mangiare una granita caffè con panna e una brioches». 

Inizialmente Alberto avrebbe dovuto incontrare i fan al centro commerciale Tremestieri, ma tutto è stato spostato al Comune per il gran numero di persone atteso. E che effettivamente ha invaso piazza Unione europea. Anche oggi, tra un autografo e l’altro, il giovane vincitore ha voluto ringraziare Maria De Filippi, «grazie alla quale ho ottenuto questo risultato». Ad aspettarlo più di 2.500 persone. E tra ragazzine che a squarciagola intonavano i successi di Alberto aspettando di farsi autografare il cd e farsi una foto insieme al loro beniamino, c’erano anche tante mamme, come Gabriella che lo conosce da quando è piccolo. «Siamo vicini di casa e ho seguito Alberto fin da piccolo. Ha sempre avuto questa passione e ha studiato tanto per arrivare a questo risultato che oggi lo ha portato al successo». Sono in tanti a pensarla come lei. «Se lo merita tutto perché è un esempio di gioventù positiva che valorizza gli studi che ha fatto», le fa eco Donatella, un’altra mamma che ha accompagnato le due figlie. «Se penso ad altri artisti amati dai giovani, sicuramente Alberto porta un messaggio diverso - prosegue Gabriella - e poi ha il grande merito di aver fatto avvicinare tanti giovani alla musica lirica».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews