Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Forza Italia, possibile intesa Lombardo-Berlusconi
E Papale farà da pontiere tra Miccichè e Pogliese

Mentre tra i forzisti c'è chi spera di ricucire lo strappo voluto dal sindaco di Catania, il Cavaliere avrebbe sondato il terreno per conquistare la preferenza degli autonomisti. Intanto, Diventerà bellissima potrebbe decidere di sostenere la Lega di Salvini

Miriam Di Peri

Salvo Pogliese da una parte, Gianfranco Miccichè dall'altra. Le vecchie glorie del partito non perdono occasione per sottolineare come in politica due parole non esistano: sempre e mai. Però aggiungono che sarà difficile immaginare, in futuro, una convivenza tra i due. Certo, non che non ci sia chi in questa profonda frattura consumata in Forza Italia stia tentando di ricucire lo strappo. Un «pontiere», tra la fronda catanese e quella palermitana del partito, che risponde al momento al nome di Alfio Papale, deputato di lungo corso che, nonostante i rumors su una possibile fuoriuscita dal partito, non perde occasione per ribadire come i suoi elettori lo abbiano votato «all’interno di un progetto politico che è quello di Forza Italia, ragione per cui farò di tutto per cercare di far restare tutti insieme».

Ma a guardare con interesse e preoccupazione a questo divorzio alla siciliana sarebbe anche Silvio Berlusconi, che nella disputa tra le due fronde, almeno nei pronostici a un mese dal voto, rischia di arrivare terzo nel collegio Isole. Un’ipotesi rispetto alla quale il Cavaliere starebbe già correndo ai ripari: non sono poche, infatti, le voci che sussurrano di un incontro che sarebbe avvenuto negli scorsi giorni proprio tra il fondatore di Forza Italia e l’ex governatore Raffaele Lombardo. L'orientamento degli autonomisti, che finora non hanno dichiarato ufficialmente chi sosterranno alle Europee, che potrebbe portare a una preferenza secca proprio in favore di Berlusconi, anche se non si esclude un secondo nome, verosimilmente femminile.

L’ufficialità potrebbe arrivare in un paio di giorni, a inizio della prossima settimana, quando gli autonomisti si riuniranno per decidere la linea, dopo il divorzio da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che ha deciso di puntare su Raffaele Stancanelli. Sull’avvocato ex sindaco di Catania potrebbe confluire un buon numero di voti da parte dei separatisti in casa Forza Italia, probabilmente più per mandare un segnale, che per una reale condivisione d’intenti futura.

Così come un segnale potrebbe arrivare da Diventerà Bellissima, la cui massiccia presenza attorno a Matteo Salvini in visita in Sicilia non è passata inosservata. «Ci stava - osserva qualcuno dalle retrovie - che il presidente della Regione fosse presente in veste istituzionale. Certo, la presenza di Ruggero Razza o di Alessandro Aricò, non era affatto scontata». Segnali, appunto. Che potrebbero concretizzarsi in un sostegno elettorale al vicepremier, oppure no. Di certo, la resa dei conti arriverà dopo il voto per il rinnovo del parlamento di Bruxelles, il prossimo 26 maggio. Che rischierà di cambiare radicalmente anche il volto della geografia politica di Palazzo dei Normanni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.