Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Periferie, governo fa marcia indietro: 200 milioni in Sicilia
Via a progetti per strade, parchi, caserme e reti fognarie

Accordo raggiunto ieri sera tra governo, Regioni, associazione dei Comuni e Unione delle Province. Semaforo verde per 40 milioni per ciascuna delle tre aree metropolitane, più i fondi per le singole città. Risorse saranno volàno economico per le aree degradate

Miriam Di Peri

Boccata d'ossigeno per i Comuni di Palermo, Catania, Enna, Caltanissetta, Agrigento, Ragusa, Siracusa e Trapani e le città metropolitane di Palermo, Catania e Messina. Sbloccato ieri sera il piano periferie che il decreto Milleproproghe aveva posticipato di un paio d'anni. Via libera dunque ai circa 200 milioni di euro destinati alle periferie siciliane per la realizzazione di numerosi interventi, da nuove linee tramviarie alle reti fognarie, passando per caserme, parchi urbani, spazi verdi. Nel dettaglio, la Sicilia potrà contare su 40 milioni di euro per ciascuna delle tre aree Metropolitane di Palermo, Catania e Messina, 18 milioni per i Comuni di Palermo e Ragusa, 16 per Catania e Agrigento, 13 Siracusa, circa otto milioni a Caltanissetta, oltre 4,5 milioni ciascuno per Trapani ed Enna.

Già nel 2019 partiranno i primi interventi, mentre per i Comuni che avevano già anticipato alcune risorse per i progetti sulle periferie arriva dalla Conferenza unificata l'ok alla copertura delle cifre. I dettagli sono definiti nell'accordo siglato tra il governo, le Regioni, l’Associazione nazionale dei Comuni e l'Unione delle province, che consente la prosecuzione «degli interventi - si legge nel documento - previsti nelle convenzioni e ai fini dell’erogazione degli stanziamenti relativi al Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle Città metropolitane e dei Comuni Capoluogo di Provincia».

Secondo il presidente dell'Anci Sicilia, Leoluca Orlando, si tratta di «un’importante vittoria per cui esprimiamo grande soddisfazione e per cui ringraziamo i tanti sindaci italiani che nei giorni scorsi a Palermo, durante la manifestazione Milleperiferie, in rappresentanza dei propri cittadini e dei loro interessi, hanno sottoscritto un documento condiviso contro il blocco dei fondi per le periferie».

«Un traguardo rilevante per tutte le amministrazioni comunali - prosegue Orlando - che potranno continuare a pianificare investimenti con effetti a lungo termine e con un occhio attento allo sviluppo sostenibile, migliorando la qualità della vita dei cittadini, creando opportunità di impresa e occupazione e coprendo anche le spese che hanno già sostenuto o si sono impegnati a sostenere nel 2018».

Piena soddisfazione anche da parte del deputato forzista Tommaso Calderone, convinto che grazie all'accesso a 1,6 milioni di euro (per tutti i 96 Comuni beneficiari), sarà possibile «riqualificare i nostri tessuti comunali, i quali necessitano di sostanziali interventi di bonifica. Le attività imprenditoriali che nasceranno - conclude Calderone -, faranno da volano per l'economia isolana, creando nuova occupazione e migliorando la qualità dei residenti».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×