Ars, verso il voto della Finanziaria. Perché la maggioranza potrebbe approvare tutto e perché non accadrà

Di manovrina in manovra, la stagione dei conti dell’Assemblea regionale siciliana deve ancora entrare nel vivo, con il Collegato Ter, integrazione alla Finanziaria dello scorso anno, che è stato solo un antipasto rinforzato di quello che sarà la maratona per l’approvazione di Bilancio e nuova manovra finanziaria. Alla vigilia dell’approdo dei documenti contabili in Aula, tuttavia, la strada sembra già tracciata. Lo sembra per le indicazioni fin troppo chiare consegnate all’opinione pubblica dal voto del Collegato: undici ore di discussioni, sedute d’Aula aperte e chiuse dopo pochi minuti, bilaterali, trilaterali, capigruppo a profusione, un susseguirsi talmente rapido di versioni diverse del maxiemendamento proposto dal governo che non pochi avranno fatto confusione su quali fogli effettivamente considerare e quali no. E sul piatto ballavano solo diciotto milioni. Euro più, euro meno.

Alla fine l’approvazione è arrivata senza intoppi, così come senza intoppi arriverà l’approvazione – in straordinario anticipo, se si guarda agli anni passati – di Bilancio e Finanziaria. Ma non senza soffrire. Perché quello che è chiaro a tutti è che questo governo, questa maggioranza di governo, può davvero fare quello che vuole. Se volesse potrebbe anche approvare tutto in mezza giornata e tutti a casa a pensare alle festività natalizie. Per fortuna della democrazia, però, c’è l’opposizione. Non quella nominale, composta da Partito democratico, Movimento 5 stelle, Cateno De Luca and friends, ma quella interna alla maggioranza. O meglio, quella voglia atavica di primeggiare sugli alleati che alla fine porta a una lotta senza quartiere e al rallentamento della macchina.

E la minoranza? Tolte le battaglie solitarie di qualche deputato, della minoranza a palazzo dei Normanni si percepiscono ben poche tracce. Ancora una volta, la cartina di tornasole è stata quella del Collegato Ter. Una volta promesso lo stralcio della norma salva-ineleggibili, il Partito democratico ha tirato i remi in barca: non una parola su quanto si stava consumando, non una nota, una presa di posizione. E alla fine la richiesta di togliere dalla discussione gli ordinamentali, cioè tutte quelle norme di carattere legislativo, infilate dentro al calderone degli atti da votare, tra cui appunto il salva-ineleggibili è arrivata da quello che quando ci si mette – più o meno sempre – è il primo tra i partiti d’opposizione: Fratelli d’Italia. Una richiesta accolta, ma non del tutto, non dal governo, quanto meno, che è riuscito in silenzio a togliersi di mezzo la rogna della distanza minima delle discariche dai centri abitati, grande intoppo verso la realizzazione dei termovalorizzatori.

Una mossa che ha destato l’indignazione del Movimento 5 stelle, che si legge tutta nelle parole del capogruppo Antonio De Luca: «L’abolizione della distanza minima degli impianti di rifiuti dai centri abitati è inaccettabile – dice – Ci siamo opposti energicamente in tutte le sedi per farla stralciare, ma gli altri partiti non hanno avuto il coraggio di prendere una posizione chiara. Si poteva modificare, l’abolizione tout court rischia di farci buttare il bambino con l’acqua sporca. Nel testo non ci dovevano essere norme ordinamentali, come stabilito in capigruppo, ma le regole di ingaggio devono essere osservate anche dal governo, non solo dall’Aula».

E ancora De Luca: «Per questo collegato noi abbiamo dato il nostro contributo, rimanendo in commissione Bilancio fino all’ultimo per migliorare un testo che comunque è rimasto non condivisibile e per questo abbiamo votato contro». Chi di selfie ferisce di selfie perisce, viene da dire, pensando alla foto dei deputati festanti dopo che l’articolato ha superato lo scoglio della commissione. Passando invece di De Luca in De Luca, la foga rivoluzionaria di Cateno, sindaco di Taormina, leader maximo del suo gruppo di minoranza, sembra essersi spenta, con le invettive rimaste in capo solo al povero Ismaele La Vardera, sempre presente, sempre in vena di contestazione, spesso solitario predicatore nel deserto. E proprio mentre il Collegato Ter diventa realtà, Cateno De Luca esce con una nota furente. Ma nei confronti di Matteo Renzi. Poi però corregge il tiro e torna tra i banchi di sala d’Ercole: «Oggi abbiamo graziato il governo Schifani con questa variazione di bilancio perché siamo una forza politica responsabile che non ha voluto far perdere alla Sicilia i 300 milioni di euro».

Di grazia in grazia, dall’elezione del presidente dell’Ars Gaetano Galvagno in poi sono state tante le volte che i deluchiani hanno offerto il proprio voto al governo regionale. Ma, al momento, il sindaco di Taormina ha pure altri problemi, visto che dopo lo scippo subito – neanche a dirlo – da Matteo Renzi, che ha sottratto al partito l’unica senatrice, Dafne Musolino, De Luca ha qualche difficoltà a tenere chiuso il recinto, viste le insistenti voci di corridoio che vedrebbero più di un paio dei suoi deputati regionali con la smania di transitare in qualche gruppo di maggioranza. Insomma, alla fine con una minoranza così, davvero è lecito pensare che il governo possa avere via facile verso l’approvazione dei documenti finanziari in tempi oltre che ragionevoli. Meno male che c’è la maggioranza a tenere alta la bandiera dell’opposizione.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Di manovrina in manovra, la stagione dei conti dell’Assemblea regionale siciliana deve ancora entrare nel vivo, con il Collegato Ter, integrazione alla Finanziaria dello scorso anno, che è stato solo un antipasto rinforzato di quello che sarà la maratona per l’approvazione di Bilancio e nuova manovra finanziaria. Alla vigilia dell’approdo dei documenti contabili in Aula, […]

Di manovrina in manovra, la stagione dei conti dell’Assemblea regionale siciliana deve ancora entrare nel vivo, con il Collegato Ter, integrazione alla Finanziaria dello scorso anno, che è stato solo un antipasto rinforzato di quello che sarà la maratona per l’approvazione di Bilancio e nuova manovra finanziaria. Alla vigilia dell’approdo dei documenti contabili in Aula, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]