A Catania il murale queer di Magiò per il collettivo Open. «È un atto politico»

«Per me avere un lavoro queer in questa città è molto importante, ma in questa zona è anche un atto politico». Si chiama Magiò, è originario di Catania, vive a Berlino e ha realizzato un murale per Open, collettivo queer legato ad Arci Catania. Il termine queer indica le persone non eterosessuali e quelle che non vogliono definire o precisare la propria identità di genere. La sede di Open si trova nella primissima parte di via Antico Corso, dove quest’arteria tocca via Plebiscito. «Sono stato qui due settimane in gonna e scarpe col tacco, alcune volte terrorizzato, altre volte molto fiero. Via Plebiscito ha la sua storia», dice l’artista a MeridioNews. Un’opera, quella di Magiò, che vuole rappresentare «un mondo queer sereno, allegro, pieno d’amore. Non volevo concentrarmi su immaginari già conosciuti, volevo qualcosa che andasse oltre la lotta».

Una lotta «contro la società patriarcale e la mascolinità tossica» che comunque l’artista porta avanti «tramite l’arte e il mio modo di vestire». L’idea di Magiò – che dal collettivo ha avuto carta bianca dal punto di vista creativo – era quella di «rappresentare la gioia attraverso lo scambio di gioielli, usando colori coccolosi, i colori pastello, che mi rappresentano». «La nostra non è una richiesta di spazio, ma un’affermazione di spazio: noi non chiediamo di essere liberi, noi siamo liberi», dice al nostro giornale Alessandro Motta, presidente di Open. «Quello del collettivo è un presidio – continua Motta – e poniamo istanze di liberazione dei corpi. L’opera di Magiò è politica e fare pratica politica queer vuol dire rendersi conto di cosa il patriarcato ha creato: una società fortemente maschilista».

Uno degli obiettivi di Open è «decostruire e deporre il maschile – dice Motta – dando così un’altra visione del mondo. Sappiamo che è un processo lungo, politico e culturale, perché serve scardinare delle stratificazioni radicate nel tempo e nella cultura». Un altro obiettivo è «raggiungere più persone possibile – continua – anche se a volte non c’è modo per sensibilizzare chi non vuole ascoltare». In questi anni però qualcosa si è mosso. «In vent’anni sono cambiate molte cose: al primo Pride di Catania c’erano 100 persone, all’ultimo erano 20mila. Un miglioramento della situazione generale c’è stato, ma ci sono ancora le aggressioni. C’è molto da fare», conclude il presidente di Open. «Io sono partito 14 anni fa: la Catania di oggi è gay ma non abbastanza queer. Però vedo che la nuova generazione queer si sta rimboccando le maniche e sta facendo molto – dice Magiò – Adesso vedo un interesse e un’apertura che dieci anni fa non esistevano».


Dalla stessa categoria

I più letti

«Per me avere un lavoro queer in questa città è molto importante, ma in questa zona è anche un atto politico». Si chiama Magiò, è originario di Catania, vive a Berlino e ha realizzato un murale per Open, collettivo queer legato ad Arci Catania. Il termine queer indica le persone non eterosessuali e quelle che […]

«Per me avere un lavoro queer in questa città è molto importante, ma in questa zona è anche un atto politico». Si chiama Magiò, è originario di Catania, vive a Berlino e ha realizzato un murale per Open, collettivo queer legato ad Arci Catania. Il termine queer indica le persone non eterosessuali e quelle che […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]