Suicidio assistito, annullata la condanna del presidente di Exit. Aveva informato sul fine vita una maestra di Paternò

Ancora un rimbalzo giudiziario. Assolto in primo grado e condannato in appello, adesso i giudici della Corte di Cassazione hanno annullato con rinvio la sentenza di condanna a tre anni e quattro mesi di carcere per Emilio Coveri. Il presidente dell’associazione Exit-Italia accusato dell’istigazione al suicidio di di Alessandra Giordano, l’insegnante 47enne di Paternò morta il 27 marzo del 2019 a Forch, paesino svizzero nel cantone di Zurigo, nella struttura Dignitas, autorizzata a praticare il suicidio assistito. «È una decisione giusta, di cui siamo molto soddisfatti – commenta a MeridioNews l’avvocata Arianna Corcelli che difende CoveriLa giustizia ha trionfato di nuovo». Nell’attesa delle motivazioni che verranno depositate, come previsto, entro novanta giorni.

La vicenda inizia quando i familiari della donna presentano un esposto e la procura apre un’inchiesta per istigazione al suicidio. L’indagato è il presidente di Exit: «Determinava o comunque rafforzava il proposito di suicidio […] – si legge nel documento del rinvio a giudizio – Intratteneva con Giordano plurimi rapporti e conversazioni telefoniche, via sms e posta elettronica dal 2017 e ininterrottamente sino al 2019; induceva Giordano, sofferente per forme depressive e sindrome di Eagle (una nevralgia facciale atipica, ndr), a iscriversi all’associazione Exit. Condotte accompagnate da sollecitazioni e argomentazioni in ordine alla legittimità, anche etica, della scelta suicidiaria». 

Coveri ha sempre negato sia l’istigazione che le sollecitazioni nei confronti della donna che avrebbe compiuto la scelta del fine vita di sua spontanea iniziativa. Tanto da contattare l’associazione e il suo presidente proprio alla ricerca di informazioni. «Alessandra non l’avevo mai vista e non la sentivo più dall’agosto del 2018», spiegava Coveri in una intervista rilasciata a MeridioNews. Precisando, peraltro, come i toni delle conversazioni e dei messaggi sarebbero sempre stati neutri. Le mail a cui si fa riferimento «sono quelle con i bollettini informativi che inviamo a tutti i soci». Una newsletter con le attività dell’associazione, le storie delle persone, le novità normative sull’argomento. Informazioni, insomma, che chiunque può facilmente reperire facendo una ricerca sul web e che Giordano aveva anche chiesto per mail direttamente alla clinica Dignitas.

Lo stesso giorno della partenza della 47enne per la Svizzera, i familiari presentano una segnalazione di allontanamento volontario che, qualche giorno dopo, viene integrata con la denuncia per istigazione al suicidio. Il fratello della donna, nel frattempo, invia una mail alla struttura svizzera con una diffida a portare a termine il suicidio assistito della sorella che, già da giorni, non risponde più né alle chiamate né ai messaggi dei parenti. Tre ore prima di morire, Alessandra Giordano parla con il fratello e «lo rassicura che era una sua libera scelta e gli chiede di accettarla». Poi manda anche un ultimo messaggio ai familiari: «Vi prego di rispettare la mia decisione, comprendo il vostro stato d’animo e mi dispiace, ma non sono in condizione di sopportare ancora dolori e sofferenze».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ancora un rimbalzo giudiziario. Assolto in primo grado e condannato in appello, adesso i giudici della Corte di Cassazione hanno annullato con rinvio la sentenza di condanna a tre anni e quattro mesi di carcere per Emilio Coveri. Il presidente dell’associazione Exit-Italia accusato dell’istigazione al suicidio di di Alessandra Giordano, l’insegnante 47enne di Paternò morta il 27 […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]