Andrea Nizza, il giovane latitante di Cosa nostra Summit, armi, Gomorra e monopolio della droga

Sulle sue spalle ha il peso di una stirpe di trafficanti di droga e di affari a sei zeri da gestire tra le strade di Librino, San Cristoforo e San Giovanni Galermo. Andrea Nizza, 30 anni, latitante da due, è considerato l’ultimo capomafia di spessore rimasto in libertà a Catania. Sulle sue tracce da dicembre 2014, mese in cui è stato condannato a sei anni e otto mesi di carcere nel processo Fiori bianchi, ci sono i carabinieri. Negli ultimi mesi l’emergente ha collezionato altre pene per tentata estorsione, usura, lesionitraffico di droga omicidio. Un pedigree che – stando alle sentenze, ancora non definitive – ammonta già a più di 50 anni di detenzione da scontare. Le ricerche però non sono semplici, perché il boss godrebbe di una fitta rete di fedelissimi che gli garantirebbero l’irreperibilità dalle forze dell’ordine. 

Nel suo passato c’è un cognome che dentro Cosa nostra conta, ma anche alcuni tratti che lo distinguono dai fratelli più grandi Daniele e Fabrizio. Tra questi c’è l’ostentazione del potere, che per certi versi fa rima con alcune immagini della serie tv Gomorra. Messaggi chiari da mandare ad abitanti e soldati dei clan rivali. Andrea Nizza spesso si sarebbe mosso per Librino armato, con tanto di giubbotto antiproiettile, con attorno una truppa composta da decine di motorini. Dimostrazioni di forza per ritagliarsi il ruolo di successore dei suoi parenti più noti. Daniele e Fabrizio entrano dentro Cosa nostra nel 2008 con il rito della punciuta celebrato in un appartamento di San Giovanni Galermo. Una cerimonia mafiosa arcaica che viene officiata dagli allora vertici della famiglia Santapaola: Santo La Causa, Enzo Aiello, Benedetto Cocimano, Orazio Magrì e Ignazio Barbagallo. Ai due trafficanti vengono affidati le due più grandi piazze di spaccio della città: San Cristoforo e Librino. Dalla loro c’è un’esperienza decennale con la droga, importata già negli anni ’90 dall’Albania e dalla Calabria. Andrea, negli anni, secondo gli inquirenti, sarebbe diventato il dominus della cocaina a Catania.

In prima fila ad accusarlo c’è proprio il fratello Fabrizioche ha deciso di collaborare ormai da diversi mesi con i magistrati. A quest’ultimo si è aggiunto Davide Seminara, uno dei suoi uomini più fidati. I due non si sono risparmiati e hanno puntato più volte il dito contro Andrea e non solo. Nelle maglie della giustizia, con l’operazione Carthago, è finito anche Giuseppe Privitera, fedelissimo dei Nizza nella zona di viale Moncada 10. Negli ultimi anni, il più giovane dei Nizza avrebbe scalato tutte le gerarchie tanto da tenere alcuni summit di mafia proprio a Librino. L’argomento di uno di questi, nel 2014 in viale Moncada, è stato il mercato ortofrutticolo etneo. «Disse che il suo gruppo, in accordo con i Cappello e in particolare con Massimo detto u carrozziere, voleva mettere sotto estorsione tutto il mercato e voleva che partecipassero anche i Mazzei», spiega ai magistrati Seminara.

Una pax mafiosa tra clan che si è instaurata anche per lo spaccio di droga. I Nizza, secondo quanto emerso nell’ultima inchiesta, avrebbero consentito ai gruppi avversi di spacciare in alcune zone in cambio dell’appalto sul rifornimento di stupefacenti. Tra coloro che avrebbero siglato gli accordi ci sarebbero anche gli Arena, altra storica famiglia della mafia etnea. Massimiliano, insieme al fratello Maurizio, avrebbe avuto campo libero in viale San Teodoro; i Marino avrebbero controllato viale Librino e i fratelli Dario e Giovanni Caruana viale Grimaldi. Nonostante gli arresti, il presunto vuoto di gestione dello spaccio sarebbe stato già colmato da nuovi pusher e vedette, senza aprire spazi agli interessi di altri clan.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]