Amministrative, tutti i Comuni al voto nel 2020 Centrodestra sparpagliato. In campo Firrarello?

Ben nove Comuni del Catanese potrebbero avere un nuovo sindaco nel 2020. La roulette elettorale è già in movimento alle falde dell’Etna, fra grandi e piccoli centri che fanno ognuno storia a sé. Complicato tastare il polso di centrodestra o centrosinistra, se si utilizzano gli schemi più tradizionali. Anche perché proprio la coalizione che governa il capoluogo con Salvo Pogliese e la Regione con Nello Musumeci fatica a riconoscersi una volta superato il casello autostradale di San Gregorio. Dall’altra parte, nel guazzabuglio Pd, c’è chi vede nella scissione renziana un potenziale elemento di riordino delle cose. Fuoriusciti Luca Sammartino e Valeria Sudano, anche sui territori sono iniziate le prese di distanza dei luogotenenti ex Articolo 4 dal sempre maldigerito boccone dem.

E su uno dei Comuni al voto più significativi per peso demografico, Tremestieri Etneo, proprio i renziani vivono buone sensazioni. L’uscente Santi Rando, sammartiniano che governa col centrodestra, sembra avere la strada spianata verso la riconferma. Toccherà al Pd – non è chiaro se il consigliere Sebastiano Di Stefano ci riproverà ancora – e al Movimento 5 stelle, rappresentato in aula da Simona Pulvirenti, esprimere delle alternative che si troveranno la strada in salita.

Lo scenario cambia totalmente a San Giovanni La Punta, altro centro sopra i 20mila abitati. Nino Bellia, eletto col centrosinistra in versione Pd + moderati, ha governato fianco a fianco con l’ingombrante ex sindaco Andrea Messina che, oggi, guarderebbe più al centrodestra forzista che ai vecchi sodali di Sicilia Futura. Proprio Messina potrebbe chiedere al delfino di lasciargli strada, in una battaglia che lo vedrebbe sfidare alcuni suoi ex alleati come Giuseppe Toscano. Il consigliere – già candidato alle Regionali – punta a guidare l’area autonomista, forte dell’accordo con l’avvocato Mario Brancato. Altri due pezzi di centrodestra paiono pronti a fare strada da soli: la Lega, con il salviniano della prima ora Lorenzo Seminerio, e il partito di Fratelli d’Italia che si è affidato all’intramontabile Santo Trovato, sindaco del paese ai tempi dello scioglimento per mafia, nel 2003, e oggi uomo di Pogliese. Il M5s, inoltre, sarebbe pronto a entrare in partita, riproponendo la consigliera comunale Giusy Rannone. Alla finestra, per il momento, i sammartiniani e il Pd, in cerca di nomi competitivi. 

Spostandosi verso il vulcano, ecco le piazze di Bronte e Pedara. Test fondamentali incrociati da un lato per l’onorevole dem Anthony Barbagallo, dall’altro per la ditta Pino Firrarello-Giuseppe Castiglione in cerca di nuova vita politica dopo aver riabbracciato Forza Italia. E proprio l’80enne ex senatore sarebbe pronto all’ennesima sfida elettorale. Per riprendersi la poltrona di sindaco lasciata nel 2015, dopo due mandati, a Graziano Calanna, alfiere dell’area Barbagallo. Ammaccato, a sua volta, dall’inchiesta Aetna della procura di Catania, che per più di cento giorni lo costrinse ai domiciliari, eppure ancora in sella e pronto a ricandidarsi. 

Per un fedelissimo da rilanciare, ce n’è uno (ormai ex) da buttare giù. Nella sua Pedara, Barbagallo lavora a una candidatura Pd alternativa all’attuale sindaco Antonio Fallica. Cinque anni fa era lui l’uomo della sintesi addirittura fra dem e Forza Italia. Poi la frattura, insanabile, con il deputato regionale che in paese conta su un corposo consenso. Adesso dovrebbe sostenerlo, nell’eventuale ricandidatura, il centrodestra che però vede anche l’attivismo del vicesindaco Francesco Laudani, vicino a Pogliese ma anche al deputato Giuseppe Zitelli di Diventerà bellissima. Si vedrà.

Nell’area jonica, a Mascali Luigi Messina, oggi in Forza Italia, cerca il secondo mandato ma dovrà tenere d’occhio i movimenti dell’ex alleato autonomista Giuseppe Cardillo e la voglia di rivincita del penalista Ernesto Pino, anche lui di centrodestra. Più delineato, sembrerebbe, il quadro nel piccolo centro di Milo: Alfio Cosentino, area dem-Cgil, sarà probabilmente chiamato alla resa dei conti finale con il suo predecessore, nonché ex alleato, Giuseppe Messina

C’è poi il folto capitolo delle amministrazioni in bilico. Non è chiaro se si voterà a Trecastagni, Comune sciolto per infiltrazioni mafiose nel 2018 il cui commissariamento è stato di recente prorogato, mentre a Maniace l’ombra di un analogo intervento del ministero – da qualche settimana è iniziata l’attività ispettiva – potrebbe impedire al sindaco Antonino Cantali di correre ancora. Più semplice, invece, che le urne si riaprano a San Pietro Clarenza, Comune commissariato dopo l’arresto e le dimissioni del sindaco Giuseppe Bandieramonte


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]