Amministrative in provincia di Catania. Dalle divisioni del centrodestra ai guai giudiziari. Dove si vota

Catania e non solo. Il prossimo 28 e 29 maggio saranno 19 i Comuni al voto nella provincia etnea. Quella del capoluogo è naturalmente la partita più importante, non solo a livello regionale ma anche in chiave nazionale. I riflettori della politica, però, sono puntati anche su due grossi centri urbani come quelli di Acireale e Mascalucia. Nella città dei cento campanili il sindaco uscente, il pentastellato Stefano Alì, ha deciso di non ricandidarsi. Così a sfidarsi ad Acireale sono in quattro tra cui tre ex primi cittadini. Insieme al candidato di un pezzo del centrodestra, l’avvocato Antonio Garozzo, ci sono in corsa Antonio Nicotra, Roberto Barbagallo e per il centrosinistra Francesco Fichera. Barbagallo è stato sindaco per quattro anni con il mandato interrotto nel 2018 dai guai giudiziari e l’arresto in esecuzione di un ordinanza di custodia cautelare nell’ambito di un’inchiesta che lo ha visto condannato in primo grado, con pena sospesa, a un anno e quattro mesi. Più recente la notifica di un avviso di garanzia, nelle vesti di ingegnere per una storia che riguarda dei campi da padel, con l’ipotesi di reato di rivelazione e utilizzazione di segreti di ufficio in concorso. Ma a tenere banco è la questione della condanna e l’eventuale applicabilità della legge Severino in caso di elezione di Barbagallo. L’ex sindaco, intanto, ha ottenuto l’appoggio di Forza Italia con in prima linea il deputato regionale Nicola D’Agostino e l’imprenditore Salvo Tomarchio, candidato alle ultime Regionali con gli azzurri e più volte in corsa, senza successo, ad Aci Bonaccorsi.

Altra sfida da tenere d’occhio è quella di Mascalucia. Il sindaco uscente Vincenzo Magra andrà a caccia del secondo mandato con il sostegno del centrodestra e della lista Quadrifoglio del duo Valeria Sudano-Luca Sammartino, Prima L’Italia, Forza Italia e quattro civiche. Dovrà vedersela con l’ex primo cittadino Salvatore Maugeri, sostenuto dal movimento politico di Cateno De Luca, e con il candidato di Fratellli d’Italia Francesco D’Urso Somma, quest’ultimo era stato già candidato nel 2018 fermandosi a poco più dell’8 per cento dei consensi. A completare la rosa degli aspiranti primi cittadini c’è il candidato del Movimento 5 stelle Sebastiano Catania, negli ultimi cinque anni consigliere comunale di minoranza per i pentastellati.

Da Mascalucia a Belpasso dove torna in corsa l’ex sindaco ed ex presidente del Parco dell’Etna Carlo Caputo. Niente bis quindi per l’uscente Daniele Motta. Caputo ha incassato il sostegno di un pezzo di centrodestra – che anche in questo Comune si presenta spaccato – con in prima linea la Democrazia Cristiana, Fratelli d’Italia e ciò che resta di Diventerà Bellissima, movimento politico di riferimento dell’ex presidente della Regione Nello Musumeci. Altro sfidante di area centrodestra Salvo Licandri, appoggiato da Lega e lista Quadrifoglio, Forza Italia – senza il deputato regionale Alfio Papale – e Sud chiama Nord di De Luca. Ambiscono alla fascia tricolore anche il pentastellato Danilo Rossetti e Giuseppe Lucio Piana per il centrosinistra.

Soltanto due candidati a sindaco a Biancavilla. L’uscente Antonio Bonanno si presenta con otto liste. Tra queste i Popolari e Autonomisti di Raffaele Lombardo, Fratelli d’Italia e la Lega con il simbolo di Prima l’Italia. Lo sfidante è l’avvocato Andrea Ingiulla sostenuto dal Partito democratico. Più complessa, almeno sulla carta, la partita a Gravina di Catania. Il sindaco uscente Massimiliano Giammusso cercherà il bis con il sostegno del proprio partito, Fratelli d’Italia. Tra le liste anche quella del Quadrifoglio e il movimento Sud chiama Nord di De Luca. E, proprio nei giorni scorsi, l’ex sindaco di Messina ha raggiunto Gravina per affiancare Giammusso nella presentazione in piazza dei candidati della lista. Il sindaco uscente dovrà vedersela con il suo ex vicesindaco Rosario Condorelli e con il consigliere comunale uscente del Movimento 5 stelle Stefano Longhitano. Non potrà cercare il rinnovo della carica poiché ha esaurito due mandati consecutivi il sindaco uscente di Aci Sant’Antonio, Santo Caruso. Il suo successore verrà scelto tra cinque pretendenti. Si tratta di Quintino Rocca, espressione del centrosinistra e assessore uscente con deleghe al Verde pubblico e all’Ecologia; Giuseppe Santamaria, vicesindaco uscente sostenuto da Democrazia Cristiana e Forza Italia; Giuseppe Finocchiaro, consigliere comunale uscente eletto nel 2018 con il Movimento 5 stelle; Antonio Di Stefano, già candidato a sindaco cinque anni fa e sostenuto da Fratelli d’Italia; e infine Antonio Scuderi, pure lui assessore uscente con delega ai Servizi sociali.

Gli altri Comuni al voto sono Camporotondo Etneo, candidati Filippo Rapisarda e Alberto Giuseppe Cardillo, e Castel di Iudica. In quest’ultimo Comune cerca il bis il sindaco uscente Ruggero Strano, a sfidarlo è Giusy Basilotta. A Maletto corrono il primo cittadino uscente Pippo De Luca e i candidati Antonio Mazzeo e Giuseppe Capizzi. Si vota pure a Mineo con le candidature dell’uscente Giuseppe Mistretta e di Paolo Ragusa, ex presidente del consorzio Sol.Calatino finito a processo per il caso Cara di Mineo. Appuntamento alle urne anche a Piedimonte Etneo e Riposto. Nel primo Comune si candida l’uscente Ignazio Puglisi che dovrà vedersela con Giuseppe Pidoto. A Riposto, invece, provano la corsa a sindaco Claudia D’Aità e il deputato regionale di Sud chiama Nord Davide Vasta. A San Cono sfida tra Nuccio Caliciura e Nuccio Barbera, mentre a San Gregorio di Catania è corsa a due tra Sebastiano Sgroi e Eleonora Suizzo, ex consigliera comunale dal 2013 al 2018 e poi assessora. A Santa Venerina sfida tra Sandra Patanè e Santo Raciti, mentre a Sant’Alfio ci sono le candidature di Alfio La Spina e Alfio Caltabiano. Si chiude con Valverde con le candidature di Angelo Spina, Rosario Scandurra e Domenico Caggegi, e Viagrande con Piero Coco, Oscar Licciardello, Rosario Vinciullo e Salvo Faro.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]