Amministrative, ascesa e caduta del Movimento 5 stelle Da protagonisti a comparse. «Ripartiamo dalla base»

Quattro anni, poco meno di una legislatura, un tempo lungo ma non lunghissimo, abbastanza lungo però per un’apocalisse elettorale. In fin dei conti, osservato con occhio poco attento, il risultato del Movimento 5 stelle a Palermo potrebbe sembrare tutto sommato accettabile: sbarramento superato con facilità, secondo partito della coalizione uscita sconfitta dalla tornata elettorale dietro a un Partito democratico che perde da primo partito cittadino. Se poi si guardano anche gli altri risultati siciliani, col fronte progressista mai così ininfluente nella sua pur giovane vita in questa composizione, mai in partita a Messina, mai in partita in tanti degli altri Comuni al voto. Se poi so guarda anche Genova, Taranto, Padova, Catanzaro, sempre sotto lo sbarramento, ecco che il risultato di Palermo sembra addirittura più che dignitoso. Se però si prova ad andare ancora più a fondo nell’analisi, guardando indietro di quattro anni, per esempio, ci si imbatterebbe in un Movimento 5 stelle che a Palermo fa razzia di preferenze nelle politiche del 2018, quando portò a casa un sontuoso 44 e rotti per cento

La stessa Palermo dove l’anno prima, da solo in sostegno di Ugo Forello, all’epoca candidato sindaco pentastellato, il Movimento aveva ottenuto un 13 per cento che gli aveva consegnato il gruppo più numeroso di sala delle Lapidi, con sei consiglieri. Alla luce, dunque della recente storia, allora sì che per i Cinquestelle il risultato di Palermo di domenica suona come una pesante batosta, con i voti di lista dimezzati rispetto alle precedenti amministrative e Forello che da par suo ha di che festeggiare, con la sua nuova lista, Azione/+Europa, che agguanta alla sua prima assoluta un onorevolissomo 8 per cento, staccando il Movimento di due punti percentuali. «In tutte le amministrative per il Movimento 5 stelle non è mai andata bene – dice il neo nominato referente dei pentastellati in Sicilia, Nuccio Di Paola intervenuto ai microfoni di Direttora d’aria su Radio Fantastica Rmb e Sestarete tv– anche se nell’ottobre 2021 avevamo fatto risultati importanti con dei candidati sindaco movimentisti. Ci aspettavamo che questa fosse una tornata molto più difficile delle precedenti, abbiamo visto i risultati, che non premiano la coalizione progressista e il Movimento 5 stelle, ma era un passaggio che andava fatto. Un passaggio fondamentale per dimostrare di voler creare un gruppo che andrà a proporsi come alternativa al governo delle destre e al governo Musumeci».

Da forza trainante della coalizione ad anello debole è un attimo, nel gioco della politica è contemplato, quello che cambia sono le posizioni di forza, i crediti necessari per poter dettare l’agenda, o quanto meno per mettere qualche veto. E il Pd, che pure non gode di splendida salute, si sente più che mai in diritto di ricominciare quello che negli ultimi mesi è stato il suo gioco preferito: la corsa alla definizione del perimetro della coalizione. Un allargamento che potrebbe coinvolgere, o forse vorrebbe coinvolgere, proprio Azione di Carlo Calenda e +Europa e non si escludono sorprese ancora più ardite, con lo sguardo dei leader progressisti che potrebbe persino volgere verso Italia Viva, se non addirittura verso una strana intesa con Gianfranco Miccichè, sempre più intenzionato a disfarsi di Nello Musumeci alla guida della Regione. «Paghiamo il sostegno al governo Draghi» dice Giuseppe Conte, leader del Movimento. In realtà il problema appare molto più ampio e riguarda la presenza e ancor di più l’appeal del Movimento sui territori. «Stiamo partendo dai gruppi territoriali – continua Di Paola – Quello che è mancato, che è quello che ci hanno chiesto i cittadini e gli iscritti, è la riconoscibilità di questi gruppi. Il dare la possibilità a cittadini che non sono nelle istituzioni, che non hanno cariche, di potere fare politica attiva e di potere intervenire anche a nome del Movimento 5 stelle all’interno dei Comuni ed essere anche riconosciuti da parte del Movimento. Siamo nati dalla spinta dei Meetup, ma se c’è stata una nostra pecca è quella di non organizzare la base, di non dare la possibilità ai cittadini di eleggere un proprio referente all’interno dei Comuni per portare la nostra voce anche in quei posti dove non abbiamo consiglieri comunali. Una proposta non si costruisce in pochi mesi, ma nel tempo. Sono convinto che così il Movimento 5 stelle avrà una sua svolta, anche in Sicilia».

Qualcosa dunque si muove, anzitutto a Roma, con Conte che annuncia la Fase 2, con novità come appunto la nomina dei referenti regionali e si sta studiando anche il modo per sopperire al limite dato dal tetto dei due mandati per gli eletti grillini, anche per far fronte alla perdita di fascino registrata negli ultimi tempi nei confronti degli aspiranti candidati. «A me la storia dei terzi mandati non appassiona molto – conclude Di Paola – Il presidente Giuseppe Conte ha detto che ci sarà una votazione nei prossimi giorni, noi abbiamo delle risorse importanti all’interno del Movimento che certamente cercheremo sempre di valorizzare. Poi saranno gli iscritti a decidere come. Se c’è qualcosa da modificare per non perdere quelle risorse e quell’esperienza accumulata nel tempo, la metteremo al voto e ci atterremo alla volontà dei nostri iscritti». E sul futuro dei Cinquestelle nel campo largo Di Paola ha le idee chiare: «Ci si unisce sui programmi e sulla visione che abbiamo della Sicilia e che costruiamo insieme. I risultati di oggi ci spingono a trovare ancora di più a trovare dei metodi per avvicinarci ai siciliani, perché il vero vincitore oggi è l’astensionismo, quindi dobbiamo cercare di trovare un percorso di partecipazione massima, perché altrimenti sarà una sconfitta per tutti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]