Ambelia, società vince appalti per due anni di fila La denuncia: «Invitano sempre le stesse imprese»

«Ci sentiamo presi in giro, non bisogna essere professori di matematica per notare certe assurdità». A contattare la redazione di MeridioNews sono due imprenditori della costa ionica, poche settimane dopo l’articolo sulle gare d’appalto indette (e alcune già aggiudicate) per i lavori ad Ambelia, la tenuta di Militello in Val di Catania che l’anno scorso ha riaperto al pubblico per la prima edizione della Fiera mediterranea del cavallo. «Dicono che fanno i sorteggi, ma è mai possibile che ci sono sempre gli stessi a partecipare?».

La telefonata è tutt’altro che casuale, a spingere gli imprenditori a comporre il numero è stato il nome di una delle ditte che si sono aggiudicate gli appalti con la procedura ristretta. Ovvero la modalità che prevede sia la stazione appaltante, in questo caso il Genio civile di Catania, a selezionare le imprese a cui chiedere di fare un’offerta. «Quando ho visto che Rico ha vinto l’appalto, non ci volevo credere – continua uno dei due imprenditori -. E sa perché? Perché anche l’anno scorso ha avuto un lavoro sempre lì».

Dalle verifiche fatte da MeridioNews, risulta che ad aprile 2019 Rico si è aggiudicata una gara per il rifacimento di una porzione della copertura dell’edificio e riadattamento della sala eventi della tenuta Ambelia. L’impresa ha sede a Maniace ed è di Francesco Conti Taguali, 38enne nativo di Bronte che attende di essere processato per truffa per una vicenda legata alla gestione di un locale ai piedi dell’Etna che negli anni scorsi ha usufruito di un finanziamento di circa 200mila euro dalla Regione Siciliana. Conti Taguali, il cui padre a metà anni Duemila fu arrestato in un’operazione antimafia per poi essere assolto in secondo grado, nei mesi scorsi ha vinto la gara per il rifacimento della stradella interna alla tenuta Ambelia. Una procedura, gestita dall Genio Civile, del valore poco sotto il milione di euro. Quasi quattro volte quella vinta l’anno passato, quando la gara era stata indetta dalla Protezione civile per conto dell’assessorato ai Beni culturali.

I due appalti non hanno in comune soltanto il fatto di riguardare la tenuta cara al presidente della Regione Nello Musumeci, ma anche la modalità con cui sono stati aggiudicati: gare a inviti. «Ci piacerebbe sapere come sia possibile che dai registri delle imprese di fiducia, che contengono centinaia di ditte, si possa essere selezionati due volte in meno di dodici mesi», commentano i due imprenditori al telefono. A indispettirli, però, è anche un altro fatto. «Da anni assistiamo a uno strano fenomeno – spiegano gli imprenditori – quando si indicono gare aperte sono centinaia le imprese che partecipano, quando invece si tratta di procedure a inviti finisce che larga parte degli invitati non fa alcuna offerta».

Un fatto che interessa entrambe le gare vinte da Rico. Quest’anno a fronte di 15 imprese invitate, quella di Conti Taguali ha dovuto superare la concorrenza di appena cinque pretendenti. I restanti nove, infatti, non hanno presentato la busta. Situazione ancora più estrema un anno fa: delle dieci imprese chiamate a fare un’offerta per lavorare alla copertura della tenuta ben otto hanno disertato la gara. Ma a destare la curiosità di addetti ai lavori e di chi semplicemente mastica un po’ il calcolo delle probabilità è un altro dato: sono cinque le ditte compaiono in entrambe le liste. Oltre a Rico, quindi altri quattro imprenditori hanno avuto la possibilità di contendersi i lavori per Ambelia. Per tre di loro, tuttavia, allestire i cantieri nella tenuta evidentemente non è stato giudicato conveniente, al punto di preferire non fare offerte.

«Al Genio Civile di Catania gli inviti avvengono tramite un sorteggio con tre bussolotti numerati la cui combinazione determina la posizione dell’azienda nel registro delle imprese di fiducia. Il sorteggio avviene in forma riservata», replica a MeridioNews l’ingegnere capo Natale Zuccarello. Dalle parti della Protezione Civile regionale, invece, ai sorteggi si preferisce altro. «Gli inviti da noi vengono fatti su base discrezionale», rivela un funzionario. Per poi subito aggiungere: «Ma adottiamo principi che possano favorire la più ampia partecipazione come il principio di rotazione per cui non si può essere invitati più di una volta in un anno solare». Un proposito che guardando a quanto accaduto ad Ambelia verrebbe da dire che non è stato rispettato. Ma non sarebbe corretto. «Genio Civile e Protezione Civile sono due stazioni appaltanti diverse, il principio vale per la singola stazione», taglia corto il funzionario. 

Sul tema delle stazioni appaltanti a fine 2018 si è soffermata anche la giunta Musumeci con un ddl che prevede l’ampliamento delle competenze della Centrale unica di committenza, che finora si è occupata di beni e servizi, includendo anche le gare d’appalto per i lavori. Un’iniziativa che, nella consapevolezza della pluralità di stazioni appaltanti presenti in Sicilia, punta a trovare la quadra in vista del momento in cui a livello nazionale vedrà la luce l’albo delle stazioni appaltanti qualificate e bisognerà accreditarsi a livello regionale con un singolo soggetto. 

Tornando invece alle cose già accadute, e in particolare all’appalto dell’anno scorso ad Ambelia, dai documenti post-gara emerge che, pochi mesi dopo l’aggiudicazione, la Protezione Civile propose, e ottenne, dall’assessorato l’approvazione di una perizia di variante del valore netto di centomila euro. «Per lavori supplementari necessari per dare maggiore funzionalità all’intervento», la motivazione. La modifica al progetto, che passò anche da una diversa gestione delle somme a disposizione della Regione, fece lievitare l’importo del contratto firmato da Rico da 213mila a quasi 320mila euro

Se pur a posteriori non si può stabilire se l’aumento contrattuale abbia fatto pentire le ditte che hanno rinunciato alla gara, è sicuro che a desiderare di poter fare un’offerta sono gli imprenditori non invitati. La telefonata alla redazione si conclude con un aneddoto. «Sa che cosa ha risposto un dirigente regionale quando, un giorno, gli è stato chiesto che cosa bisognava fare per essere invitati alle gare? “Abbiate fede”». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]