Alluvione nel Calatino, cinque Comuni sono sott’acqua A Mineo in 24 ore caduta metà della pioggia di un anno

Nel triangolo Ramacca-Scordia-Mineo, questa notte, «è venuto giù il cielo». È l’area del Calatino la più colpita dal nubifragio che ha avuto il suo picco fra l’una e le tre del mattino. I dati del Sias (Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano) danno un’idea dell’entità delle precipitazioni avvenute: nell’arco di 24 ore la stazione meteo nel Comune di Mineo – anche se più vicina geograficamente a Palagonia, un altro dei centri sott’acqua – ha registrato il valore più elevato dal 2002, l’anno di avvio dei rilevamenti: 234 millimetri di pioggia. La media annuale, in quel territorio, è di circa 550 millimetri. Il record precedente nelle 24 ore, 210 millimetri totali, era stato registrato nel dicembre 2005. Nella vicina Militello in Val di Catania si scende a 185 millimetri nell’ultimo giorno, di cui ben 124 piovuti nelle ore della tempesta. 

«Nel nostro territorio si è verificato un evento temporalesco eccezionale per intensità e durata, siamo quasi del tutto isolati», commenta telefonicamente a MeridioNews  il sindaco di Mineo Giuseppe Mistretta. Impraticabili le fondamentali strade provinciali 86, 31 e 181 che conducono verso Catania, Militello e Vizzini. Su quest’ultima arteria hanno ceduto le spallette di un ponte, nei pressi della strada statale per Caltagirone. Sempre nel territorio di Mineo, vicino il parco archeologico di Palikè una camion dei vigili del fuoco e alcune auto sono state sollevate e portate fuoristrada dall’ondata di piena. I quattro pompieri della squadra sono rimasti bloccati per oltre tre ore, per poi essere soccorsi dai colleghi e tornare a lavoro. «Ci sono inoltre numerose abitazioni nelle nostre campagne che sono irraggiungibili – aggiunge Mistretta – e cerchiamo di raggiungerle per come possiamo. Diversi torrenti sono esondati, non ci aspettavamo una situazione così grave».

Tra i centri alluvionati ci sono anche Ramacca, Palagonia, Scordia e Agira (Enna). Viabilità nel caos per la chiusura di vari tratti travolti dalle ondate di piena lungo la strada statale 417 Catania-Gela, sempre in territorio di Mineo. A causa dello straripamento del torrente Gornalunga si registrano difficoltà anche nei pressi della base militare di Sigonella. Zona in cui ci sono a lavoro anche gli uomini dell’esercito. L’acqua ha invaso anche la statale 385 di Palagonia, e la statale 280 Catania-Enna. Al momento non ci sono feriti. In azione numerose squadre di vigili del fuoco da tutta la provincia catanese e da Siracusa e Messina, compreso il nucleo sommozzatori da Palermo. Circa duecento i pompieri in campo. Da ieri sono già stati espletati 78 interventi di soccorso. In zona Masserie, vicino la base di Sigonellasette persone rimaste intrappolate all’interno di automezzi bloccati per lo straripamento di alcuni torrenti, sono state soccorse e salvate con un elicottero Drago. Il fiume Simeto è esondato allagando ampie porzioni di campagne e strade, fino all’autostrada Catania-Siracusa.

La circolazione ferroviaria è stata sospesa dalle 9.45 sulla linea Catania-Siracusa per l’allagamento dei binari fra Lentini e Agnone. Attivo un servizio sostitutivo con bus fra le stazioni di Catania e Augusta. I tecnici di Rete ferroviaria italiana sono al lavoro per verificare le condizioni dell’infrastruttura. La statale 192 del Dittaino è chiusa dal km 8 al km 43, fra Enna e Castel di Judica. Traffico rallentato anche sulla statale 194. In territorio di Caltagirone, a causa di uno smottamento, resterà chiusa al transito la strada provinciale 63, che mette in collegamento la frazione di Granieri con il comune di Mazzarone, nel tratto compreso fra il bivio Caudarella e l’innesto con l’ex trazzera Favara Favarella. Potranno continuare a transitare, a una velocità massima di 20 chilometri orari, i residenti e i proprietari dei fondi agricoli. La statale 288 di Aidone è stata riaperta al traffico alle 13. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]