Agrigento, cucciolo delfino trovato morto in spiaggia Comune: «Asp ha detto solo di smaltire la carcassa»

«Senza esami specifici è impossibile stabilire perché sia morto». A parlare è Jessica Alessi, la biologa marina che ieri sera ha recuperato un piccolo delfino trovato morto sulla spiaggia di Maddalusa, ad Agrigento. L’animale, di circa dieci chilogrammi e di sesso femminile, è stato avvistato da alcun bagnanti. «Ad alcuni era sembrato addirittura il corpo di una persona e invece era una cucciola – commenta la studiosa, che con la propria associazione Me.ri.s quest’estate ha avviato un monitoraggio dei cetacei al largo delle coste agrigentine -. Era già morta, e insieme alla mia collaboratrice Valentina Cafaro non abbiamo potuto fare altro che fare i rilevamenti necessari a compilare la scheda che viene inviata alla banca dati del ministero».

Dall’ispezione esterna della carcassa, tuttavia, non è possibile risalire alle cause della morte. «Ci vogliono analisi interne per poterle determinare con esattezza. Da un controllo esterno non è emerso nulla di preciso», aggiunge Alessi. Gli esami supplementari, tuttavia, non ci saranno: già ieri, infatti, il Comune di Agrigento si è mosso per contattare la ditta che si occupa dello smaltimento delle carcasse. «Non so per quale motivo sia stato deciso così – ammette la biologa -. I tecnici del Comune hanno contattato il veterinario dell’Asp che ha detto loro di agire in questa direzione».

La conferma, in tal senso, arriva dagli stessi uffici comunali. «Ci siamo mossi seguendo le direttive dell’Azienda sanitaria provinciale perché è quanto ci compete – spiega Domenico Lo Presti del settore Ecologia -. Nel momento in cui il veterinario ci dice che l’animale va smaltito, noi non possiamo fare altro». Nessun commento sui motivi di tale decisione. «Non siamo noi ad avere le competenze per scegliere come comportarsi, è evidente che non è stato reputato necessario un intervento del medico».

Ricostruzione, quella del Comune di Agrigento, che fa il paio con la posizione della Capitaneria di porto, anch’essa intervenuta ieri sulla spiaggia di Maddalusa. «L’intervento è avvenuto intorno alle 18 – commentano -. In questi casi noi comunichiamo sia con il Comune di competenza che con l’Asp, che ha deciso che non c’era bisogno di inviare un veterinario né di trasferire il corpo dell’animale per ulteriori approfondimenti». La Capitaneria smentisce la voce secondo cui si tratterebbe soltanto l’ultimo di una serie di cuccioli di delfino trovati morti nel mare di Agrigento. «Epidemia? Non ci risulta – proseguono -. Anzi, a memoria credo che si tratti del primo o al massimo del secondo caso dell’anno».

Poche settimane fa ad Avola, in provincia di Siracusa, un altro delfino è morto. In quel caso, l’animale, di età maggiore, è stato ripreso mentre nuotava tra i bagnanti. Una scena che a molti ha suscitato emozione, ma che poco dopo ha rivelato i motivi di quella particolare situazione: l’esemplare aveva ingerito diversi ami e si era avvicinato alla spiaggia perché già morente. Fatto questo avvenuto poco dopo il recupero da parte della Capitaneria di porto. In quella circostanza, le autorità hanno predisposto il trasferimento della carcassa all’Istituto zooprofilattico di Palermo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]