Agenzia Entrate di Agrigento, storie di ordinaria razzia Dai certificati medici falsi ai corsi universitari regalati

Inverosimili attestazioni di frequenza a corsi universitari online, ricevute fittizie per buoni pasto, certificati medici falsi, generi alimentari. All’Agenzia delle Entrate di Agrigento, stando a quanto emerso dalle indagini della Guardia di Finanza, “entrava” proprio di tutto. Nell’operazione che ieri ha portato all’arresto di 15 persone, oltre ai reati dalle grandi cifre, c’è spazio per una serie di illeciti minori e piccoli privilegi che offre uno spaccato dell’insalubre orticello che certa burocrazia locale riesce a coltivare nei gangli istituzionali e sociali.

Il dossier degli investigatori offre elementi utili non solo a ricostruire il perimetro giuridico delle violazioni, ma anche a fotografare i comportamenti dei protagonisti di questa ennesima storia di illegalità. È così possibile immaginare Giuseppe Cumbo e Angelo Pagliarello, entrambi funzionari dell’agenzia, mentre passano dallo studio del commercialista Antonio Vetro e dal ristorante “Buca di San Francesco” di Salvatore e Giuseppe Costanza per ritirare le false ricevute fiscali che sarebbero servite ai due per comprovare i costi di pasti mai consumati e chiedere i relativi rimborsi. Per ricambiare la cortesia, Cumbo avrebbe dovuto semplicemente informare Vetro dell’eventualità di ricevere verifiche fiscali.

Ma a sorprendere ancor di più è l’ammontare che i due avrebbero ottenuto dall’amministrazione di appartenenza come ristoro delle proprie peregrinazioni: ben 50 euro. Benzina esclusa. Tutto ciò mentre, tra le mura domestiche, Giuseppe Castronovo, addetto all’ufficio legale dell’agenzia, e la consorte Piera Callea discutono, magari a tavola, sulla propria preparazione in inglese o informatica in vista degli esami da sostenere presso la Unipegaso, salvo poi essere tranquillizzati dal numero uno dell’università telematica: avrebbero superato le prove senza nemmeno sostenerle, grazie anche all’aiuto dei suoi collaboratori Salvatore Trupia e Vincenza Rubino. In cambio? Soltanto il passaggio di informazioni riservate sulle vertenze tributarie della società e dei soci della Pegaso Servizi, alcune indebite interrogazioni presso le banche dati dell’agenzia o l’insabbiamento di fascicoli a carico del responsabile dell’Associazione IUSEG – Istituto Universitario delle Scienze Economico-Giuridiche di Agrigento.

Nel frattempo Giuseppe Castronovo ha anche il tempo per preoccuparsi della propria salute, chiedendosi se non abbia, per caso, contratto una cervicobrachialgia. E nonostante non vi sia alcuna traccia di questa patologia nel suo organismo, puntuale si strizza l’occhio del dottor Giovanni Crapanzano, il quale gliela diagnostica nella sua qualità di medico di base convenzionato con il servizio sanitario nazionale. Come Santo Pitruzzella, l’altro professionista che forniva a Castronovo, malato immaginario scrupoloso al punto da non bastargli un solo medico curante, un ulteriore certificato falso per la medesima patologia di fatto mai riscontrata sebbene foriera di emolumenti da parte dell’amministrazione di riferimento.

Insomma, storie di ordinaria razzia della cosa pubblica che in questo caso hanno anche del grottesco, ossia l’esiguità materiale dei benefici ottenuti attraverso i comportamenti illeciti. Saranno i tribunali a decretare o meno la colpevolezza dei protagonisti. Nell’attesa, agli abitanti dell’Agrigentino non rimane che l’amarezza.

Aggiornamento del 13 dicembre 2019
L’avvocato Vincenzo Salvago precisa che Dario Peretti, Salvatore Trupia e Vincenza Rubino «sono stati assolti con formula piena e senza irrevocabile».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]