Agata Arena, dal neomelodico alla missione per Dio: «Il mio cognome è pesante, ma non posso pagarlo ancora»

«“Mamma, ma tu sei mafiosa?”. Me lo hanno chiesto i miei figli, un giorno, tornati da scuola». Agata Arena, 29 anni, tre bambini e un matrimonio archiviato definitivamente, giura che con il mondo della musica neomelodica ha chiuso per sempre. Niente più canzoni sul quartiere dormitorio Librino. Basta ai video con pistole finte, mitra e inseguimenti modello Gomorra. Per affrontare la sua nuova vita ha scelto di trasferirsi, insieme ai genitori, a Belpasso, nel Catanese. «Adesso mi occupo di fare la missionaria di Dio e di trasmettere la sua parola – spiega con convinzione – Da Librino nemmeno voglio passarci in macchina». Quattro anni fa gli obiettivi erano altri: il sogno di sfondare nel mondo della musica, la prima canzone dal titolo Io voglio a tte, seguita da Donna d’onore e Sexy mafia. In mezzo, le polemiche per un cognome «effettivamente pesante», riconosce lei stessa, e con una storia particolare. Agata è la nipote di Giovanni Arena, boss arrestato nel 2011 dopo una latitanza durata 18 anni, quando scattò il blitz Orsa maggiore sui Santapaola. Lo zio aveva trasformato il palazzo di cemento di Librino in una centrale dello spaccio ed è nella torre di fronte, al viale San Teodoro, che è nata e cresciuta la nipote appassionata di musica. «Io non ho mai fatto un giorno di carcere nella mia vita – racconta – e lo stesso vale per mio papà Alessandro, che mi seguiva nel mio percorso artistico ed è sempre accanto a me. A mio zio, nonostante le accuse, voglio bene perché credo ci sia anche un tribunale celeste oltre a quello terreno».

Una storia familiare e un percorso musicale che hanno presto segnato la fama di Agata Arena. «Io rappresentavo nei testi soltanto quello che vedevo ogni giorno sotto casa. Arresti, inseguimenti e continui blitz delle forze dell’ordine – spiega – Mi ero creata un personaggio». Prima di chiudere con il mondo della musica neomelodica, però, è arrivata anche l’accusa di truffa ai danni dello Stato per indebita percezione del reddito di cittadinanza. Soldi che poi, secondo la polizia, sarebbero serviti per pagare le spese di pubblicazione del primo cd. Arena, secondo gli inquirenti, non aveva dichiarato di essere dipendente di un sorta di mini market, gestito dai suoi familiari a Librino. L’attività, però, come emerso durante il processo, non esisteva. «Si trattava di un garage adibito a magazzino in cui c’erano dei prodotti alimentari per il consumo familiare. Mancavano, contrariamente a quanto c’è in un negozio, i prezzi esposti, un registratore di cassa ma anche i clienti», spiega a MeridioNews l’avvocato Alfonso Abate. Il 29 novembre scorso la donna è stata assolta con formula piena «perché il fatto non sussiste» dalla giudice monocratica Elena Maria Teresa Calamita. «Ma come hanno potuto pensare che con un mese di reddito potessi pagarmi il cd?», si domanda l’ex cantante.

Nei giorni scorsi per lei è arrivata anche una seconda assoluzione, questa volta per una presunta occupazione abusiva di un alloggio al primo piano del viale Moncada 18. «Era il 2014, mi ero separata da poco e andai in quella casa insieme ai miei figli – racconta – Poi, quando arrivarono le forze dell’ordine con il proprietario, una persona che io conoscevo, sono andata via senza fare alcuna resistenza». Destino opposto, almeno sul fronte giudiziario, quello del fratello, Agatino Arena. «È un picciriddu e basta, faceva il pescatore ma per il giudice è un pusher», dice sicura la sorella. Condannato in via definitiva per spaccio di droga, dopo il verdetto della Cassazione: sette anni e sei mesi di carcere in parte già scontati, tra custodia cautelare e arresti domiciliari. A lui la donna ha dedicato la canzone Nu frat carcerat. «Sono arrivata a un punto in cui sentivo la mia vita distrutta. Domande, allusioni, forze dell’ordine a casa ma anche articoli e trasmissioni televisive – racconta – Venivo dipinta come una mafiosa perché ho un cognome pesante e per questo, secondo alcuni, dovevo pagare. Io ammetto di avere sbagliato a rappresentare quelle cose nelle mie canzoni e per questo ho chiesto scusa». E adesso? «Dal 2021 frequento un gruppo di adoratori evangelici guidati da Massimiliano Vassallo – spiega – Ci riuniamo, preghiamo e aiutiamo il prossimo. Io ero atea, non credevo in nulla. Una mattina avevo anche deciso di suicidarmi. In quel momento ho sentito una forte presenza dentro di me e ho capito che potevo riscattarmi. Oggi sono una persona completamente diversa».

Che racconta di volere una vita altrettanto diversa. «I miei figli li immagino lontani dal quartiere. Voglio farli studiare, magari andranno all’università. Ora li porto con me nella chiesa evangelica ma senza obbligarli, dovranno essere loro a scegliere cosa fare da grandi». Agata Arena con la musica, però, non ha chiuso del tutto. «Ho abbandonato il mondo neomelodico, fatto di persone false e cose brutte. Mettersi contro lo Stato non porta a nulla e io ho deciso di smettere, nonostante le richieste e il successo che avrei sicuramente raggiunto». Adesso Agata Arena vuole cantare solo per Dio. «Anche se alcuni dicono che io mi nascondo dietro il Signore… Un giorno magari mi sposerò di nuovo, ma mio marito sarà un uomo di Chiesa, un lavoratore. In futuro vorrò organizzare anche un concerto evangelico, insieme a mio padre e al mio amico Maurizio Russo. Ci saranno cavalli e una carrozza, una cosa bella. Adesso posso scrivere le mie canzoni senza paure, da donna libera e non in carcere, come qualcuno sperava».


Dalla stessa categoria

I più letti

«“Mamma, ma tu sei mafiosa?”. Me lo hanno chiesto i miei figli, un giorno, tornati da scuola». Agata Arena, 29 anni, tre bambini e un matrimonio archiviato definitivamente, giura che con il mondo della musica neomelodica ha chiuso per sempre. Niente più canzoni sul quartiere dormitorio Librino. Basta ai video con pistole finte, mitra e […]

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]