Aeroporto: 4,5 milioni per collegarlo al centro città Ferrovia interrata per realizzare la nuova pista

All’indomani della chiusura della Conferenza nazionale sulla Mobilità sostenibile, ma soprattutto a conclusione della visita del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, l’amministrazione catanese annuncia lo sblocco di alcuni interventi strategici che riguardano gli spostamenti urbani. Novità sono in vista per l’aeroporto Fontanarossa, il porto e il raddoppio ferroviario tra la stazione centrale e quella di Acquicella. Almeno stando alle promesse fatte dal sindaco Enzo Bianco, durante una conferenza stampa appositamente convocata per comunicare gli interventi che nei prossimi quattro anni potrebbero facilitare lo spostamento dei cittadini. 

Come spiegato a MeridioNews dall’assessore regionale Giovanni Pizzo, grazie ad un finanziamento di 4 milioni e mezzo di euro la città potrebbe disporre di un collegamento ferroviario che collega il centro città con Fontanarossa, sfruttando in parte l’esistente linea ferroviaria. La fermata disterà 700 metri dall’aeroporto. Sarà collegata alla stazione centrale, da cui i passeggeri potranno transitare per arrivare in treno verso lo scalo etneo. La futura stazione di Fontanarossa sarà collegata alle partenze da un people mover. «Questo intervento permetterà al nostro aeroporto di assumere valore europeo – comunica il sindaco Bianco – ambito in cui sono di rilievo solo le infrastrutture ben collegate con il resto delle reti di trasporto. Il ministro Delrio ha annunciato di voler spingere Catania verso un posizionamento all’interno delle Ten-T». E’ l’acronimo di Trans-European Network-Trasport, ovvero le infrastrutture ritenute dall’Europa strategiche. 

Andrà a favore delle attività di Fontanarossa anche lo sblocco del progetto d’interramento della linea ferroviaria Catania-Palermo che attualmente blocca la nascita della nuova pista aeroportuale. Rivedendo i capitoli di spesa, Ferrovie Italiane ha promesso d’intervenire per procedere all’intervento e allo spostamento della stazione di Bicocca. Il tutto per un’operazione da 180 milioni di euro. «Nel giro di due anni l’opera potrebbe essere conclusa – evidenzia l’amministratore Sac Gaetano Mancini – tutto dipende però dalla tempestività delle Ferrovie». La società che gestisce l’aeroporto di Catania sarebbe disponibile a finanziare una parte dell’opera, a una condizione: «Non è stato quantificato lo sforzo che ci viene richiesto, ma questo è un problema secondario – dichiara il presidente Salvatore Bonura -. Se ci viene chiesto il dieci, venti per cento di finanziamento in più va bene, l’importante che questo sforzo rientri negli accordi di programmazione con l’Enac».

Riqualificazione e messa in sicurezza del molo foraneo è il progetto che dovrebbe interessare il porto. «Il Nepal non è poi così lontano – ha dichiarato il commissario dell’Autorità portuale Cosimo Indaco -. Il nostro territorio è a rischio sismico, per questo serve mettere in sicurezza e riqualificare questa parte del porto. Agiremo complessivamente, tramite un intervento che doterà il molo di pavimentazione e arredo urbano, per una somma pari a 5 milioni di euro (in conferenza stampa Indaco parla di 5 miliardi sbagliando ndr)». Indaco ha specificato l’importanza di un’azione tempestiva, necessaria a non perdere il denaro che è attualmente disponibile per le operazioni. 

Potrebbe essere sbloccato anche l’intervento per il raddoppio ferroviario tra la stazione centrale e quella di Acquicella, che è stato inserito nel decreto Sblocca Italia come facente parte del più ampio progetto di velocizzazione della linea ferroviaria Catania-Palermo-Messina. Sulla questione il sindaco ha ammesso le difficoltà incontrate nel far partire il nuovo progetto, quello che scongiura definitivamente il passaggio dei treni sopra gli Archi della Marina e in alcuni parti del centro storico. «Rispetto a questo finanziamento – annuncia il sindaco di Catania – il ministro Delrio ha dato indicazioni perentorie alle Ferrovie dello Stato perché si proceda». A progetto ultimato – si stima nel 2026 – gli Archi della marina potrebbero diventare un nuovo spazio pedonale. Una futura High line catanese. 


Dalla stessa categoria

I più letti

All'indomani dell'incontro con il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, il sindaco Enzo Bianco annuncia passi avanti per importanti progetti che riguardano lo scalo di Fontanarossa e il porto. Quest'ultimo dovrebbe essere interessato da lavori di messa in sicurezza sismica. Novità anche per il raddoppio ferroviario tra la stazione centrale e Acquicella

All'indomani dell'incontro con il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, il sindaco Enzo Bianco annuncia passi avanti per importanti progetti che riguardano lo scalo di Fontanarossa e il porto. Quest'ultimo dovrebbe essere interessato da lavori di messa in sicurezza sismica. Novità anche per il raddoppio ferroviario tra la stazione centrale e Acquicella

All'indomani dell'incontro con il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, il sindaco Enzo Bianco annuncia passi avanti per importanti progetti che riguardano lo scalo di Fontanarossa e il porto. Quest'ultimo dovrebbe essere interessato da lavori di messa in sicurezza sismica. Novità anche per il raddoppio ferroviario tra la stazione centrale e Acquicella

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]