Aci Castello, buco da oltre 2milioni e mezzo L’inchiesta della commissione consiliare

Il Comune di Aci Castello è alle prese con un grave buco economico. Da ente florido con un avanzo di bilancio di circa 377mila euro relativo al 2001, oggi sconta un disavanzo di circa due milioni e mezzo di euro nel bilancio consuntivo del 2008. Un balzo dal positivo al negativo in meno di dieci anni che si riferisce al periodo in cui il Comune castellese era governato da Michele Toscano, – dieci mesi a cavallo tra il 2002 al 2003 – ucciso in Comune un anno dopo l’elezione da un ex dipendente comunale, il commissario straordinario in sua sostituzione, Claudio Sammartino – anni 2003 2004 – e Silvia Raimondo, vedova di Michele Toscano – dal 2004 al 2009.

«La colpa non è di questo o di quello, – si legge nella relazione redatta dalla commissione d’inchiesta consiliare – ma della cattiva gestione degli attivi e passivi», ovvero delle entrate o le spese accertate o impegnate, ma non riscosse o pagate entro l’anno finanziario relativo. Non solo: la responsabilità sarebbe imputabile anche alla gestione e alla sorveglianza del servizio di riscossione da parte della Serit e delle consulenze.

Una grave situazione con cui si fanno i conti ancora oggi, seppure il sindaco Filippo Drago, rieletto lo scorso giugno, ha dichiarato a Ctzen di avere molto ridotto il disavanzo durante la sua prima sindacatura, e che è stata rilevata dalla prima commissione d’inchiesta consiliare nella storia del Comune di Aci Castello. Molte delle persone della squadra comunale degli anni passati comunque fanno parte della squadra di governo di oggi, quasi fossero in eredità insieme alla gestione del Comune.

Nata nel 2011 per volontà dei consiglieri Antonio Guarnera del Csa – Cambiamento, poi nominato anche presidente della della commissione stessa – e da Paolo Castorina della lista civica Cittadini in Comune, i lavori si sono conclusi nel 2014.
Si è atteso quasi tre anni per l’avvio dei lavori che hanno attestato il motivo del disavanzo, perché lo stesso bilancio consuntivo 2008, nel quale il disavanzo è stato rilevato, è stato approvato con un ritardo di quasi due anni. L’amministrazione di allora infatti, quella guidata da Silvia Riamondo, non ha completato la procedura burocratica entro l’anno solare di riferimento. L’anno successivo, nel giugno del 2009, il compito di stilare il bilancio consuntivo è passato al nuovo sindaco Filippo Drago. Neanche tutto il 2009 e buona parte del 2010 però, sono sufficienti all’approvazione del consuntivo che quindi arriva alla fine del 2010. Un anno dopo si avvia l’analisi della questione. «Abbiamo chiesto quasi subito una commissione che chiarisse la situazione economica che avevamo ereditato, ma abbiamo dovuto attendere i tempi burocratici», spiega Guarnera.

La commissione indaga un periodo di quindici anni, dal 1993 al 2008, attraverso la «verifica di varie testimonianze incrociate con i supporti documentali», con particolare riferimento alle relazioni dei revisori dei conti. Ciò che rileva è una sorta di balletto delle cifre a partire dal 2002 e un vero e proprio salto tra il 2007 e il 2008 quando si passa da un avanzo di circa 53mila euro, a un disavanzo di oltre due milioni e mezzo. Un balzo notevole che fa pensare che in realtà il disavanzo sia un problema precedente al 2008, ma rilevato con ritardo.

Una preoccupazione condivisa anche dai revisori dei conti, che già partire dal 2003 puntualizzavano che «materialmente il fondo cassa al 31 dicembre 2003 è pari a zero in quanto l’Ente usufruisce di anticipazioni di tesoreria». Nella relazione finale del 2006, i revisori sostengono l’importanza di mantenere «la corrispondenza tra funzioni e risorse al fine di assicurare l’efficienza e l’efficacia dell’attività amministrativa che deve essere maggiormente verificata attraverso le procedure del controllo di gestione». Suggeriscono quindi all’amministrazione una serie di iniziative da intraprendere per raggiungere lo scopo tra cui: il contenimento della crescita della spesa corrente, il miglioramento degli accertamenti tributari, il minore ricorso alle consulenze esterne salvo casi specifici, nonché «una puntuale ricognizione di tutti i residui attivi e passivi».

L’invito a una ricognizione dei residui viene reiterato anche l’anno successivo, il 2007, con l’invito in «via cautelativa a non utilizzare l’avanzo di amministrazione emergente dal conto consuntivo in esame e di non attivare alcuna procedura di indebitamento senza prima avere espletato tali operazioni di verifica». Il fine è indicato dagli stessi revisori: «potere accertare un maggiore avanzo di amministrazione o contenere un eventuale disavanzo».

Nulla però sembra cambiare e così nel 2008 si arriva all’evidenza del buco. L’amministrazione è costretta a stralciare dal conto di bilancio un somma che supera i sette milioni di euro in ordine ai residui attivi e passivi provocando il grande disavanzo.
«Abbiamo fatto un lavoro immane ed evidenziato una grave situazione ai danni dei cittadini», afferma il consigliere del Csa cambiamento nonché presidente della commissione, Antonio Guarnera. «Si è passati da un avanzo di tre miliardi di lire nel 1993 a un disavanzo di circa due milioni e mezzo di euro nel 2008, sembra una situazione paradossale ed invece è semplicemente quello che è accaduto nel nostro Comune – continua e promette – Dopo le valutazioni politiche andremo oltre».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un disavanzo importante registrato nell'anno 2008, ma frutto di una gestione amministrativa poco accurata degli anni precedenti. Sotto accusa l'organizzazione delle spese e delle entrate registrate in bilancio, ma anche le molte consulenze esterne e il servizio di riscossione. E' quanto ha rilevato la prima commissione d'inchiesta consiliare nella storia del Comune rivierasco, passato in meno di dieci anni dall'essere florido a malridotto

Un disavanzo importante registrato nell'anno 2008, ma frutto di una gestione amministrativa poco accurata degli anni precedenti. Sotto accusa l'organizzazione delle spese e delle entrate registrate in bilancio, ma anche le molte consulenze esterne e il servizio di riscossione. E' quanto ha rilevato la prima commissione d'inchiesta consiliare nella storia del Comune rivierasco, passato in meno di dieci anni dall'essere florido a malridotto

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]