A Raddusa, il custode dei grani antichi di Sicilia

C’è un custode di grani antichi in Sicilia che, con determinazione, porta avanti la sua idea di retro-innovazione e di rivoluzione della cerealicoltura. Lui è Giuseppe Li Rosi, contadino di Raddusa (in provincia di Catania) e presidente dell’associazione culturale Simenza – Cumpagnìa siciliana sementi contadine

A 30 anni – oggi ne ha 55 – con una laurea in Lingue e letterature straniere in tasca e un futuro tutto da scrivere, Li Rosi ha deciso di innestare il suo bagaglio culturale umanistico nell’azienda agricola di famiglia di cui ha preso le redini, Terre frumentarie. «Ho puntato – racconta a MeridioNews – sul recupero dei grani che erano stati perduti e messi da parte perché c’erano frumenti più produttivi». Per partire dall’inizio, bisogna tornare al 1999 «quando cominciai a introdurre in azienda i primi grani antichi, per capire di cosa avessero bisogno e come si comportavano. Oggi – spiega soddisfatto – coltiviamo con metodo esclusivamente biologico e tradizionale Margherito, Timilía, Senatore Cappelli, Strazzavisazzi e il grano tenero Maiorca». Un impegno produttivo che va oltre l’imprenditoria e guarda alla protezione dall’estinzione di un patrimonio unico: la biodiversità cerealicola siciliana.

In Sicilia, infatti, ci sono 52 varietà di grano autoctone che costituiscono il patrimonio più importante di Italia, Europa e uno dei più importanti del Mediterraneo. Giuseppe Li Rosi, che è stato anche commissario della stazione sperimentale di granicoltura di Caltagirone (centro di ricerca dove sono conservati 49 ecotipi di grani locali), oggi se n’è fatto custode anche attraverso la distribuzione di sementi e di prodotti lavorati e derivati.

«L’agricoltura, negli anni, è stata ridotta solo a produrre materia prima – dice Li Rosi – e ha perso quel ruolo primario che aveva nella produzione del cibo finito. La nostra rivoluzione sta proprio nel far riguadagnare alla terra e all’agricoltura la loro dignità e il loro posto». E proprio da questo profondo desiderio di difendere i grani antichi e soprattutto la biodiversità, è nata l’idea di fondare, nel 2016, l’associazione culturale Simenza. «Siamo partiti in pochi – ricorda – con l’idea di difendere la biodiversità cerealicola. Sin da subito, però, l’idea è stata sposata da altri agricoltori, allevatori, panificatori, pastai e valorizzatori vari. Tutto questo ci ha sostenuto nel pensare che, in fondo, la biodiversità da difendere, quella per eccellenza, è proprio quella umana». E così, a quattro anni dalla sua istituzione, l’associazione ha già 180 soci e cresce basandosi sul mantenimento delle diversità al suo interno, ispirandosi al modello agricolo messo in atto dai cerealicoltori siciliani.

«Noi di Simenza auspichiamo un nuovo tipo di contatto con l’agricoltura ispirato all’antico. Vogliamo tracciare la nostra strada – spiega Li Rosi – e tenere il nostro passo che ha bisogno di tempi più lunghi e si basa su un orologio diverso, fatto di pazienza». E di metodo biologico e sostenibile. «In un campo di grano moderno, dove viene applicata la chimica, le spighe sono tutte uguali perché si tende all’omogeneità e allo standard. Noi, invece, ci ispiriamo al campo evolutivo-partecipativo, quello che, grazie allo scienziato Salvatore Ceccarelli, abbiamo sperimentato nei nostri terreni. Seminiamo e coltiviamo – conclude – miscugli di migliaia di varietà e riusciamo a introdurre anche centinaia di incroci con il risultato di una distesa di grano dove non c’è una spiga uguale all’altra: la più bassa sostiene la più alta e la più alta difende la più bassa dagli infestanti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]