Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, bando rifiuti: i nodi di Energetikambiente
Futuro legato ai debiti e ai crediti di mamma Aimeri

Entro novembre si conosceranno le aggiudicazioni degli appalti nel Trapanese. Valore: 233 milioni di euro. La società del gruppo Biancamano è subentrata ad Aimeri e il Tribunale di Milano dovrà decidere a breve sul concordato preventivo in continuità aziendale. Un passaggio da cui potrebbe dipendere la solidità della ditta

Pamela Giacomarro

Alle battute finali le operazioni di affidamento del servizio di raccolta rifiuti in provincia di Trapani. Entro il mese prossimo, si dovrebbe avere un quadro più completo delle aggiudicazioni dei diversi lotti, come previsto dal bando pubblicato lo scorso mese dalla Srr Trapani Nord per un valore complessivo di circa 233 milioni di euro. Quattro le aziende rimaste in gioco. Tra queste, l’ex Aimeri, ovvero la Energetikambiente. 

La ditta milanese ha presentato due offerte: una per il lotto di Trapani, l’altra per quello di Marsala (dove è l’unica a concorrere). La società - controllata al 100 per cento da Aimeri Ambiente e appartenente al gruppo Biancamano, di proprietà dei fratelli Pier Paolo e Giovanni Battista Pizzimbone - è attualmente al centro di un’operazione di fusione tra le due aziende, come previsto dal concordato preventivo in continuità aziendale presentato da Aimeri Ambiente al tribunale di Milano. Il documento non è ancora stato approvato. 

L’assemblea dei creditori per la discussione e la votazione si terrà il prossimo 20 di novembre. Energetikambiente - che da giugno dello scorso anno ha affittato per intero Aimeri, firmando un contratto di locazione per una durata di cinque anni - ha attualmente un capitale sociale di diecimila euro. Particolare che non è passato inosservato al consigliere comunale marsalese del Psi Michele Gandolfo, che lo scorso 14 settembre ha chiesto chiarimenti al sindaco, ipotizzando che la ditta che aveva presentato l’unica offerta per il lotto di Marsala, non fosse in possesso dei requisiti necessari. 

«È tutto in regola», aveva chiosato allora il sindaco Alberto Di Girolamo. I dubbi però rimangono. La proposta di concordato prevede l’aumento di capitale della Energetikambiente. L’operazione è però legata all’incasso dei crediti da parte di Aimeri Ambiente, come si legge nel documento. La ditta milanese inoltre, sempre in virtù del concordato, si impegna ad estinguere i debiti contratti da Aimeri. Debiti che ammontano a svariati milioni di euro. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×