Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Roccalumera, crowdfunding per la prima Rugby jam
Pure Roy Paci e i Tinturia sostengono la campagna

«Un rugbysta non muore, al massimo passa il pallone». È una scritta bianca su una ringhiera del lungomare della cittadina ionica a sottolineare lo spirito dell'evento in programma per il 13 agosto. Una giornata di musica e rugby in ricordo di Giuseppe Mastroeni, scomparso a marzo di quest'anno

Luisa Santangelo

«Un rugbysta non muore, al massimo passa il pallone». Una scritta bianca apparsa su una ringhiera del lungomare di Roccalumera e una dedica: a PP. Pippo Peppe, il modo in cui tutti gli amici chiamavano Giuseppe Mastroeni, ingegnere informatico, musicista e rugbysta della squadra dei Briganti di Librino, un quartiere alla periferia Sud di Catania. Quando Peppe se n'è andato, dopo una malattia, la chiesa di Roccalumera - il paese dove è nato e cresciuto - era gremita. La folla riempiva una piazza e la strada. «Guarda cosa ha lasciato», dicevano in molti. Adesso sono gli amici di sempre, con il fratello, a volerlo ricordare attraverso le sue più grandi passioni: lo sport (il rugby) e la musica (il reggae). L'appuntamento con la Rugby jam - Terzo tempo per Pippo Peppe è fissato per il 13 agosto a Roccalumera e per organizzarlo è stata lanciata una raccolta fondi online.

«Non vogliamo ricordarlo in un modo triste, ma in un modo che gli sarebbe piaciuto», dicono gli amici. Così a metà agosto la spiaggia di Rocca ospiterà tre tornei di beach rugby e un concerto di musica dal vivo. Sulla sabbia si sfideranno sei squadre femminili e sei maschili, che potranno iscriversi tramite il sito Rugbyjam.it. Dopo le partite sarà il momento della musica. A partire dall'esibizione di danze popolari dei Canterini della riviera jonica, di cui Peppe ha fatto parte, e da quella degli Uaripat, la band che ha contribuito a fondare e di cui è stato batterista. «Il calendario degli appuntamenti si arricchisce continuamente - spiegano gli organizzatori - Noi ce la stiamo mettendo tutta e il crowdfunding che abbiamo lanciato serve a sostenere le spese e a fare beneficenza».

Oltre a magliette, medaglie e costi legati al palcoscenico e alla musica, la campagna online servirà a mettere da parte un po' di soldi che serviranno per sostenere due cause: quella dei Briganti rugby di Librino, che stanno lottando per conquistare un prato nuovo per il campo San Teodoro liberato, dove si allenano; e quella dall'associazione Salus D'Agostino, che da sei anni lavora all'interno del reparto di Oncologia medica dell'ospedale san Vincenzo di Taormina, dove Giuseppe è stato ricoverato per un periodo. «L'idea è che questo sia solo il primo di una serie di eventi per Pippo Peppe - dicono gli amici - Abbiamo fatto un primo passo. Lui avrebbe sempre voluto organizzare un torneo di rugby sulla spiaggia ma non ha fatto in tempo, così ci abbiamo pensato noi». Pur vivendo tutti a chilometri di distanza gli uni dagli altri: a Roma, Milano, Lugano, Catania e Roccalumera. Un'organizzazione che è riuscita ad attirare l'interesse anche di Roy Paci e dei Tinturia, che hanno promosso l'evento sui social network.

«Abbiamo scelto il 13 agosto perché sarebbe stato più facile esserci tutti. Più facile per le squadre di rugby che vengono da fuori e che così potranno organizzarsi, e più facile per gli amici volati anche per lavoro in altre parti d'Italia, che così potranno partecipare». Ma il numero che campeggia nel logo dell'iniziativa non è il 13, bensì il 23. Il numero della maglia rossa di Pippo Peppe quando scendeva in campo con i Briganti di Librino. E che adesso non potrà più essere indossata. «In suo ricordo, abbiamo deciso di ritirare la sua maglia, il 23 - spiega Angelo Scrofani, capitano della squadra e amico di Giuseppe - Per noi Briganti questo evento sarà un modo per ricordare e festeggiare Peppe e credo che sarà una megafesta non per Peppe ma con Peppe».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×