WCAPES, il progetto che connette Nft con criptovalute e società di calcio

Un progetto rivoluzionario che vede protagonisti due icone del calcio: Roberto Carlos, leggenda del Real Madrid e campione del mondo con il Brasile e Walter Zenga, pluripremiato portiere dell’Inter e della nazionale Italiana, uniti per aiutare i giovani talenti di tutto il mondo a diventare calciatori professionisti. Si chiama WCAPES, il progetto di business che connette mondo NFT con criptovalute e società di calcio e che promette di rivoluzionare un settore finora inaccessibile agli investitori.

«Ho deciso di aderire al progetto WCAPES perché so bene cosa significa avere talento ma non avere i mezzi, quando la tua famiglia fa fatica e non può sostenere il tuo sogno di diventare un calciatore professionista», dichiara il testimonial internazionale del progetto, Roberto Carlos. «Sono cresciuto a Garça, una piccola città nello Stato di San Paolo in Brasile, ho sempre voluto giocare a calcio però mi è capitato di pensare che non ce l’avrei fatta e che forse avrei dovuto iniziare a lavorare anziché allenarmi, perché – continua – in casa mancavano i soldi. In quei momenti sarebbe stato fantastico avere qualcuno che, visto il mio talento e la mia serietà, supportasse finanziariamente il mio percorso”, continua, sottolineando che in Brasile ho visto e vedo tanti giovani dotati di grandissime capacità, ma che non ce la fanno perché non ne hanno possibilità economiche. Così quando mi hanno proposto il progetto WCAPES ho pensato: ecco, proprio quello che è sempre mancato per aiutare i giovani estrosi ma in difficoltà. Tra poco – aggiunge – il giorno che precede i mondiali, sarà possibile acquistare i miei NFT tramite un’asta e il ricavato sarà investito nei giovani”, dichiara il leggendario terzino sinistro del Real».

«Penso che il progetto WCAPES sia geniale perché, oltre ad aiutare i giovani, valorizza le figure degli scouters che girano per il mondo in cerca di nuovi talenti», dichiara Walter Zenga, oggi allenatore e tra i primi sostenitori di WCAPES. «Io devo la mia fortuna proprio a uno scouter che, quando ero ancora giovanissimo, mi ha scoperto sui campi della Macallese e mi ha portato all’Inter. La mia famiglia ha potuto sostenermi, ma è chiaro che non tutti avevano e hanno la mia fortuna, perché il problema è sempre lo stesso: la mancanza di fondi che permetta alle nuove leve di concentrarsi solo sugli allenamenti», spiega Zenga, affascinato dalla potenza del mondo crypto e NFT: «Ora sembra finalmente sia possibile poter colmare questo divario. Per questo, insieme ad altri famosissimi calciatori, ho accettato di entrare nel progetto addirittura trasformando la mia immagine in quella di una simpatica scimmietta».

«A breve – spiega Zenga – uscirà anche la mia collezione, inserita nella VIP gallery del progetto, acquistabile tramite un ’asta per tutta la durata del mondiale. La creazione di NFT è un’idea nata per dare grande visibilità al progetto con beneficio di tutti, sia dei giovani calciatori che andremo a sostenere con i proventi delle vendite sia degli holder dei miei NFT che daranno diritto di partecipare attivamente alle decisioni e agli utili della società che investirà nei diritti d’immagine di questi giovani talentuosi».

Direttamente dal mondo del calcio, a Roberto Carlos e Walter Zenga si aggiunge Cristiana Girelli, attaccante della Juventus e della nazionale italiana, in qualità di testimonial del progetto. Il calcio non è più un mercato a esclusivo appannaggio di società e procuratori; WCAPES, il progetto di business made in Italy nato un anno fa da un’idea di Daniele Mangano, che ha tra i suoi fondatori Luca Picasso, connette il mondo NFT con monete digitali e società legate al calcio, intende rivoluzionare un settore finora inaccessibile agli investitori. WCAPES rappresenta un’opportunità inedita per gli appassionati di calcio e di blockchain, ma anche un progetto con finalità benefiche a favore dei giovani atleti e dello sport. «Sfruttiamo le enormi possibilità generate da NFT e monete digitali per creare una società di gestione dei diritti d’immagine incentrata sui talenti under 18 e sui calciatori con disagi economici – spiega Mangano – La società introdurrà un modello decisionale rivoluzionario basato su un consiglio di amministrazione tradizionale e su una piattaforma DAO (Piattaforma democratica decentralizzata) in cui tutti i possessori di token potranno partecipare, ricevere parte dei guadagni della stessa e votare sulle diverse questioni aziendali».

Il token WCAè acquistabile fino al 18 Novembre 2022 a un prezzo scontato di prevendita attraverso il portale www.wcapes.com; dal 19 novembre andrà a mercato e sarà acquistabile solo attraverso Lbank.com e sui principali exchange che trattano criptovalute.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]