Vittoria: si rompe rete fognaria, liquami in ospedale La direzione: «Colpa soltanto del violento temporale»

Un violento temporale, la rete fognaria che va in tilt e il pronto soccorso dell’ospedale Guzzardi di Vittoria invaso dai liquami. È successo domenica mattina, intorno alle 11, quando una bomba d’acqua si è abbattuta sulla città causando un reflusso e lo sversamento nella parte più bassa dell’ospedale. Decisamente non una bella scena quella che medici e operatori si sono trovata davanti e che hanno dovuto cercare di arginare e tamponare. Disagi e odori a dir poco nauseabondi per i tanti cittadini che in quel momento attendevano di ricevere le loro cure.

«C’era stato un guasto nei bagni qualche giorno prima – spiega Giovanni Di Natale, vicedirettore sanitario – ma era stato riparato mediante l’intervento di una ditta esterna, quindi escludiamo possa essere stata questa una delle cause. Il problema è stato l’evento meteorologico eccezionale che in pochi minuti ha portato giù una massa d’acqua impressionante. L’ufficio tecnico e l’impresa delle pulizie hanno agito il più velocemente possibile, ma siamo tornati pienamente operativi intorno alle 20. I locali, comunque, hanno continuato a operare. Ci siamo attrezzati come meglio abbiamo potuto per limitare al massimo i disagi agli utenti. Abbiamo spostato le attrezzature e lasciato aperta solo una delle due stanze normalmente usate per le visite e abbiamo aperto – continua Di Natale – quella dei codici bianchi e le ambulanze del 118 sono continuate ad arrivare regolarmente». Il responsabile, poi, ammette che «è naturale che ci siano state delle lamentele, in un ospedale si pretende il massimo dell’igiene, ma non è stata colpa di nessuno».

L’incidente probabilmente è stato il risultato di una pioggia battente su una struttura datata e su una rete fognaria che avrebbe urgente bisogno di manutenzione e pulizia. A tal proposito, alcuni anni fa era stato presentato un progetto da due milioni di euro per l’ammodernamento del pronto soccorso e del reparto di Radiologia, ma senza ottenere un finanziamento. Quei fondi – legati alle linee di finanziamento europee – sono andati persi e il direttore sanitario, Pino Drago, da tempo spera di potere creare le condizioni per recuperare le risorse da destinare a una nuova ala del pronto soccorso. «È un progetto redatto da esperti che per quell’incarico hanno già ricevuto il loro compenso e che è nelle mani dell’Asp – spiega – ma per il quale non ci sono stanziamenti. Il mio desiderio sarebbe quello di trovare una strada, ad esempio attraverso i risparmi derivanti dai ribassi d’asta di altre opere dell’Azienda, per poterlo attuare. Nelle more – sottolinea Drago – si potrebbe ovviare a una parte dei problemi attraverso un altro progetto, molto meno oneroso e di qualche mese fa, che prevede lo spostamento dell’ufficio ticket di fronte all’ospedale e l’ampliamento del pronto soccorso di circa centro metri quadrati. Questo – conclude – permetterebbe di dare respiro ai locali e di spostare i codici bianchi». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]