Vittoria, imprenditore agricolo si toglie la vita La crisi e la paura di dovere vendere l’attività

Vittoria città in crisi, Vittoria città in lutto. Ha lasciato attoniti e sgomenti la morte di Giovanni Viola, titolare dell’azienda agricola di famiglia che conduceva insieme al padre. Alti e bassi, tra le serre sulla Vittoria-Scoglitti, e la possibilità di dovere interrompere l’attività. Per cercare un altro mestiere oppure reinventarsi come bracciante agricolo. 

«Ma lui un altro lavoro non era affatto sicuro di riuscire a trovarlo, anche a causa di alcuni problemi che lo affliggevano da tempo», fa sapere Angelo Giacchi, portavoce del Comitato anticrisi agricoltura, diventato una realtà a Vittoria, Gela, Comiso, Niscemi, Pachino e Santa Croce Camerina. «Conosco il padre – continua – una famiglia onesta, umile, un dramma immenso. Domani mattina come comitato saremo tutti presenti ai funerali». Il gruppo dirigente del comitato ha indetto per domani sera un incontro per stabilire in quale modo portare avanti eventuali nuove forme di protesta. Venerdì sarà a Palermo, su invito del presidente della Regione, Nello Musumeci, che sta per istituire il tavolo regionale anticrisi. Due settimane fa, il gruppo ha occupato per due giorni i Comuni di Vittoria, Santa Croce e Pachino, protesta poi conclusasi in occasione della visita del governatore a Palazzo Iacono. «Il suicidio dell’agricoltore di Vittoria, qualunque sia stata la causa scatenante, costituisce comunque una tragedia per la comunità e carica di ulteriore tensione un clima già abbastanza teso – dichiara Musumeci in una nota -. Il governo regionale ha risposto subito al grido di allarme dei produttori orticoli e sta adoperandosi in tutte le direzioni, pur nell’aridità delle norme vigenti in materia di crisi di mercato. Alcune iniziative le abbiamo già previste nella Finanziaria che andrà in aula a giorni. I produttori debbono sapere che non li lasceremo soli. Questa battaglia si vince o si perde assieme».

Nel frattempo, nel silenzio delle campagne, si continua a lavorare. La plastica sulle serre viene alzata e abbassata, la terra irrigata, tutti chini a raccogliere, per poi vendere sottoprezzo al mercato di contrada Fanello. Il ciliegino si aggira sui 50 centesimi, la melanzana intorno ai 30-40, le zucchine non oltre i 20. Sopra l’euro non si trova quasi nulla e i commissionari chiedono ai produttori di lasciare la merce sulle piante il più possibile, nella speranza che qualcosa si sblocchi. Quello dei commissionari è peraltro un capitolo a parte. «Quello del mercato al quale vendevo è fallito – racconta un agricoltore che preferisce restare anonimo -. Non gli hanno pagato alcune commesse di merce già inviata. Così, a cascata, non ha pagato noi fornitori. Tra questo, l’annata che non è andata bene e il pomodoro che viene pagato 30 centesimi al chilo, quest’anno sono già sotto di centomila euro. Non so come fare a rientrare e pagare i ragazzi». 

Di storie come questa l’Ipparino ne è pieno, chi ha ancora un’età che glielo consente vende e va via, chi rimane sa di farlo a proprio rischio e pericolo. Il sindaco di Vittoria, Giovanni Moscato, si è recato stamani in visita alla camera ardente insieme al presidente del consiglio comunale, Andrea Nicosia, dopo avere annullato gli eventi in programma e  proclamato per domani il lutto cittadino: «Un dolore immenso ha colpito nelle ultime ore la nostra città – ha scritto sulla sua pagina Facebook – Un ragazzo che decide di togliersi la vita è un dramma. Un ragazzo che per paura di perdere la propria terra, e quindi il futuro, decide di togliersi la vita è un dramma sociale».

Silenzio chiede anche Mariano Ferro, il leader dei Forconi, che cita e ricorda anche Giovanni Guarascio, l’uomo che decise di farla finita dopo la notizia del pignoramento della casa. «Silenzio per gridare a quest’Italia tutta la rabbia che abbiamo in corpo», dichiara il leader dei Forconi. Anche il gruppo parlamentare del M5s all’Ars esprime vicinanza e cordoglio ai familiari di Viola. «È stato oltrepassato un punto di non ritorno – scrive l’onorevole Stefania Campo -. Non ci sono parole idonee a rimediare a ciò che è successo e a nulla varrebbe indicare possibili responsabili di questa ennesima tragedia. La politica non può restare indifferente a tragedie come questa. Il governo regionale metta in atto misure radicali».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]