Vittoria: i fanghi hanno inquinato la falda idrica. Chi si occupa della salute della popolazione?

ACQUE REFLUE CHE INVADONO LE VIGNE. INQUINAMENTO CHE RISTAGNA DAL 2011. IL MOTORE PER LA PRODUZIONE DI BIO GAS MAI USATO. IL DEPURATORE DI VITTORIA E’ UN DISASTRO. PROBLEMI ANCHE PER LA DISCARICA DI POZZO BOLLENTE, ORMAI SATURA. LA SPIAGGIA DI MARINA DI ACATE RIDOTTA A DISCARICA. MA SI PUO’ GESTIRE COSI’ UNA CITTA? L’ABBIAMO CHIESTO A GIAMPIERO TRIZZINO

Abbiamo chiesto a Giampiero Trizzino, parlamentare di Sala d’Ercole del Movimento 5 Stelle e presidente della quarta Commissione dell’Ars (Ambiente e Territorio) il perché di questo loro “arrivo a sorpresa” a Vittoria e il suo parere su quanto visto all’interno dell’impianto di depurazione.

“Abbiamo deciso di fare questa ispezione a Ragusa perché sappiamo che esistono, in alcuni centri, situazioni critiche sotto il profilo ambientale. Problemi che vanno dalla gestione dei rifiuti a quella delle acque reflue. Noi spesso ci rechiamo a valutare i diversi casi che possono rappresentare un problema per la popolazione, proprio per valutarne la gravità”.

Si dice che in Sicilia manchino gli impianti di depurazione delle acque.

“Non è vero. In realtà gli impianti ci sono, ma vengono gestiti male. Da un lato esiste l’incapacità obiettiva di alcune Amministrazioni comunali, dall’altro esistono svariate motivazioni”.

Quali problemi avete riscontrato nel depuratore di Vittoria?

“In questo depuratore esistono due linee di depurazione, una delle quali non è in uso dal 2011 e contiene fanghi che in tre anni sono andati in putrescenza e l’odore che ne vien fuori è davvero spaventoso. La cosa più impressionante è il digestore anaerobico che non è mai stato attivato per la produzione di biogas. Questo avrebbe coperto le spese di gestione di tutto il depuratore. Il motore a gas è stato soltanto collaudato negli anni ’90, ma non è mai stato utilizzato e ormai pare sia diventato obsoleto e sembra che sia più costoso farlo riparare che non acquistarne nuovo. Il costo sarebbe di 150 mila euro che per un bilancio regionale potrebbe anche essere una cifra esigua. Ma siamo davanti ad una gestione fallimentare, perché non si capisce come si faccia a far ‘invecchiare’ un motore come questo, senza averlo mai usato una sola volta. E’ incredibile!”.

Il digestore anaerobico era rivestito con lana di roccia e lamiera verdastra per renderlo meno impattante a livello visivo. Dalle denunce si evince una strana fine di questa sorta di rivestimento…

“Sì, pare che la copertura dell’edificio sia stata divelta dal vento e che il Comune si sia rivenduto le parti in alluminio. Questo è un fatto gravissimo, da denuncia. E infatti le denunce pare siano arrivate. La lana di roccia, che a quanto pare è irritante per la gola, è stata seppellita all’interno dell’area e non bene: una parte infatti è scoperta e rappresenta un pericolo per gli operai che vi lavorano e che respirano questo schifo, con tutto ciò che ne consegue”.

Ci sono responsabilità secondo lei?

“Il problema non è soltanto la lana di roccia, ma anche i ‘fanghi’ che tracimano e che finiscono nella falda. C’è un problema di inquinamento davvero molto importante e questo accade ad un impianto ‘comunale’ ed esiste una responsabilità diretta del gestore, anche in considerazione del fatto che tutto questo è stato denunciato in passato, altre volte.”

Cosa pensate di fare a livello politico?

“Vanessa Ferreri ed io faremo delle interrogazioni, attraverso le quali chiederemo al Governo regionale le motivazioni del fermo della linea. Io voglio sapere cosa ne è stato dei fanghi prodotti quando l’impianto era chiuso e dove sono stati sepolti dopo essere tracimati dall’impianto. E voglio sapere anche, attraverso carotaggi dell’Arpa, che fine hanno fatto anche le acque reflue che, essendo più liquide, una volta tracimate, si diffondevano più celermente nelle vigne vicine all’impianto”.

E gli altri impianti di questa zona?

“La discarica ha un grosso problema che è quello dei ‘fondi post mortem’. Ricordiamo che la discarica di Pozzo Bollente è ormai satura. Dovrebbe essere bonificata, visto che non è più in grado di contenere i rifiuti della città. Ma, a quanto pare, i fondi sono stati distratti e destinati ad altro. Credo che la magistratura stia indagando. Bisogna comunque recuperare i fondi e pensare al percolato che continua, ovviamente, a fare il suo percorso. Il mese scorso ho consegnato, sotto forma documentale, tutte le problematiche riguardanti le Srr a Marco Lupo (il dirigente generale del dipartimento regionale Acqua e Rifiuti ndr) e questi, basandosi sui documenti prodotti, ha concesso un’ulteriore proroga solo per quelle società che avessero bisogno di prolungare i tempi per il loro start-up ed anche questa discarica ha ottenuto la proroga. Questa è comunque l’ultima volta che si esprimono pareri positivi per ulteriori commissariamenti, perché la legge 9 del 2010 prevede un solo commissariamento ed è stato prorogato per cinque volte e questo non accadrà più. Quindi o le Srr si decidono a partire o dovremo denunciare il fallimento delle Società di regolamentazione rifiuti. E poi c’è questa cosa assurda della piattaforma per la differenziata che non può partire perché i rifiuti impediscono l’accesso all’impianto. Perché non ripuliscono e mettono la gente a lavorare?”.

Per quanto riguarda il compostaggio?

“L’impianto è ultimato, mancano solo pochi dettagli, ma le gare vanno deserte. Il motivo per cui vanno deserte le gare è un brutto problema. E’ ovvio che se manca la frazione umida io non ho molto da conferire in discarica. Quindi bisognerebbe che le Srr monitorassero tutto quello che accade, che l’amministrazione giudiziaria controllasse le gare che vanno o non vanno deserte. E poi ci vogliono amministratori coraggiosi! Gli amministratori sanno cosa fare”.

La giornata dei due deputati dell’Ars si è conclusa sulla spiaggia “Macconi” di Marina di Acate, dove hanno potuto riscontrare il degrado di questo tratto di costa del Ragusano divenuta ricettacolo di montagne di plastica “camuffate”da dune sabbiose. Anche per questo problema Vanessa Ferreri presenterà delle interrogazioni al Governo per capire cosa lo stesso intenda fare per restituire questo tratto di costa alla popolazione.

 

 

 

 

 

 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]