Viale del Fante, 300mila euro per un muro perimetrale Comitati civici: «Presentato un esposto in procura»

Una cifra esorbitante sulla quale non si riesce a fare chiarezza. Si tratta di circa 300 mila euro, 286.811,69 per l’esattezza, che il Comune di Palermo ha stanziato per riparare e ripristinare il muro perimetrale di viale del Fante, quello che recinta il campo rom. Nel tabellone di inizio lavori, che campeggiava lo scorso anno, c’era scritto che la durata doveva essere di circa un anno e l’alta sorveglianza era affidata ai Beni culturali, trattandosi di un bene di interesse storico artistico e culturale.

A lasciare assai perplesso Giovanni Moncada, un cittadino che percorre quotidianamente la strada, era stata proprio la cifra. «Qualcosa non tornava – racconta a MeridioNews – e tramite i consiglieri della VI Circoscrizione, il 25 giugno scorso, è stata presentata da parte del consiglio di circoscrizione, su impulso dell’associazione Comitati civici di Palermo di cui faccio parte, un’interrogazione con risposta scritta al settore Opere pubbliche e manutenzioni del comune di Palermo. Il 10 luglio scorso l’ingegnere Bellomo del settore Opere pubbliche ha inoltrato la nostra richiesta al settore Città storica. Non ci è mai arrivata una risposta in merito. Non ci siamo persi d’animo – continua Moncada – e abbiamo inoltrato il 24 settembre scorso ennesima richiesta di spiegazioni, indirizzata questa volta al sindaco di Palermo Leoluca Orlando e al vicesindaco, nonché assessore alle Opere pubbliche, Emilio Arcuri. In risposta, anche questa volta, solo silenzio».

I cittadini volevano conoscere i dettagli della spesa, apparsa a prima vista troppo onerosa. Nelle varie istanze hanno chiesto anche di sapere se i lavori fossero stati completati, considerato lo stato in cui versa ancora il muro (le foto risalgono a giugno, ma la situazione è ad oggi la stessa). Sono passati 90 giorni dalla presentazione delle richieste e così tre giorni fa hanno presentato un esposto alla Procura di Palermo, chiedendo le spiegazioni non fornite da chi di dovere. «Confidiamo in una sollecita risposta che possa rassicurare i cittadini contribuenti circa il buon uso dei loro soldi – aggiunge Moncada -. Passo per quella strada ogni giorno e ho seguito i lavori. Vedevo che andavano avanti a correnti alternate. Hanno iniziato a mettere delle pietre di tufo, cercando di ripristinare l’antico muro perimetrale dei tempi dei Borboni. Hanno tappato alcuni buchi e poi ripristinato le parti di muro che erano crollate, in totale circa 45 metri, poi si sono stoppati. La fine dei lavori era per maggio 2015 ma i lavori non erano ultimati, c’era del nastro arancione e poi è stato tolto. Noi non siamo né architetti né abbiamo un titolo di studio specifico, ma da profani pensiamo che sia assurdo il modo in cui è stato rifatto quel muro antico, un bene storico, per altro per una cifra assolutamente esagerata. C’era anche un direttore tecnico del restauro, ma di che restauro parliamo? Vogliamo sapere se sussistano anomalie». 

Nell’esposto chiedono in particolare di sapere quali sono i criteri che hanno sovrinteso alla gara d’appalto, il numero dei soggetti partecipanti e il ribasso con cui la ditta vincitrice si sarebbe aggiudicata la gara. Inoltre chiedono chiarimenti su termini e condizioni del capitolato d’appalto, perché, secondo i Comitati civici, il lavoro potrebbe non essere stato completato a regola d’arte e di indicare lo stato attuale dei lavori e nonché quello dei pagamenti erogati alle ditte Ati Omega Build Srl (capogruppo) e Methodos (mandante) e di altre ditte eventualmente interessate.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Nel tabellone di inizio lavori c'era scritto che la durata doveva essere di circa un anno e l'alta sorveglianza era affidata ai Beni culturali, trattandosi di un bene di interesse storico artistico e culturale. «Noi non siamo architetti - dice a MeridioNews un cittadino, Giovanni Moncada -, ma da profani pensiamo che sia assurdo il modo in cui è stato rifatto e per una cifra assolutamente esagerata» LE FOTO

Nel tabellone di inizio lavori c'era scritto che la durata doveva essere di circa un anno e l'alta sorveglianza era affidata ai Beni culturali, trattandosi di un bene di interesse storico artistico e culturale. «Noi non siamo architetti - dice a MeridioNews un cittadino, Giovanni Moncada -, ma da profani pensiamo che sia assurdo il modo in cui è stato rifatto e per una cifra assolutamente esagerata» LE FOTO

Nel tabellone di inizio lavori c'era scritto che la durata doveva essere di circa un anno e l'alta sorveglianza era affidata ai Beni culturali, trattandosi di un bene di interesse storico artistico e culturale. «Noi non siamo architetti - dice a MeridioNews un cittadino, Giovanni Moncada -, ma da profani pensiamo che sia assurdo il modo in cui è stato rifatto e per una cifra assolutamente esagerata» LE FOTO

Nel tabellone di inizio lavori c'era scritto che la durata doveva essere di circa un anno e l'alta sorveglianza era affidata ai Beni culturali, trattandosi di un bene di interesse storico artistico e culturale. «Noi non siamo architetti - dice a MeridioNews un cittadino, Giovanni Moncada -, ma da profani pensiamo che sia assurdo il modo in cui è stato rifatto e per una cifra assolutamente esagerata» LE FOTO

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]