Via Pipitone Federico e l’albero della discordia Sospeso il taglio, «serve un altro sopralluogo»

«Non sai con chi stai parlando, non sai chi hai davanti». E in effetti Alberto non lo sa. Non sa che quello a cui sta chiedendo risposte precise, che taglia corto e si allontana mettendo un punto al confronto appena avvenuto, è l’assessore al Verde Sergio Marino. Una chiusa piuttosto accesa, che ha messo fine all’incontro avvenuto oggi pomeriggio in via Pipitone Federico fra cittadini, membri del Comitato per il bene collettivo, e amministrazione. Un incontro nato dalla decisione di transennare l’imponente Chorisia e di annunciarne l’abbattimento per domani. «Poiché mi sono esposto sulla questione alberi della città, per ritorsione domani vogliono abbattere questa splendida Chorisia sotto il mio studio, quella per cui lotto da due anni», scrive l’architetto Fabio Alfano nel post di Facebook col quale ha chiamato tutti a raccolta. Non si è tirato indietro nemmeno Domenico Musacchia, dirigente del settore verde e territorio per il Comune, che si è recato sul posto.

«Tutto sospeso». Malgrado i cartelli e i tipici nastri a strisce, l’albero resta al suo posto. Per ora, almeno. L’assessore Marino, forse preso alla sprovvista dal nutrito gruppetto di cittadini che con animo oggi ha preteso spiegazioni e risposte a questa decisione, ha optato per un temporaneo dietrofront. «Domani sarà effettuato un sopralluogo – spiega a MeridioNews – Mi spiace per le persone che aggrediscono. Noi qua siamo venuti con tutto l’ufficio oggi, bisognerebbe apprezzare almeno questo». Il prossimo passo, nell’attesa di decidere il destino dell’imponente arbusto, sarà chiedere una relazione al professore Rosario Schicchi, nominato a febbraio direttore dell’Orto botanico: «Vediamo che dice, ci comporteremo poi di conseguenza – continua Marino – Faremo una riunione anche, ma non in mezzo alla strada, non voglio più prestarmi a queste cose».

Ma qualora l’albero, reo secondo un inquilino – che ha già chiesto 40mila euro di risarcimento – di causare problemi di umidità, dovesse essere per forza tagliato, ecco pronta una soluzione alternativa per continuare a tutelarlo: «Se si potrà eradicarlo, allora lo faremo e lo sposteremo in un luogo più adatto», dice l’assessore, che sembra convinto dell’assenza di alternative al taglio: «L’arbusto è pendente, ha anche creato problemi d’infiltrazione d’acqua al palazzo. E il marciapiede è disconnesso proprio per via delle radici, quindi è probabile che tutto sia stato causato dall’albero. Adesso valuteremo ogni soluzione», promette. Malgrado il confronto, però, i cittadini restano titubanti.

«All’estero sollevano di poco i marciapiedi pur di non tagliare le radici degli alberi, un po’ come è stato fatto con le passerelle in via delle Magnolie», dice un cittadino intervenuto all’incontro. «Il problema qua è che tutto quello che dicono i politici non è più credibile, soprattutto di fronte a episodi simili», gli fa eco un anziano, che si sfoga: «Per anni tutti i gruppi ambientalisti si sono confrontati con loro sul problema del verde e su come viene trattato a Palermo, ma tutti gli incontri non hanno portato a nulla, anzi hanno alzato ancora di più il tiro, hanno abbattuto molti alberi e hanno potato in maniera assurda. I confronti non sono serviti a niente. E per tutta risposta contro il verde palermitano c’è stata un’escalation che non trovo normale».

«Posso anche essere d’accordo sul fatto che non andava piazzato qui un albero di questo tipo, ma ormai c’è e dobbiamo tutelarlo, soprattutto se non c’è un motivo valido per levarlo – aggiunge infine anche l’architetto Alfano – Stanno pigliando tempo. Ma oggi alzare un po’ la voce forse a qualcosa è servito. Non so quanto durerà però, non c’è da stare tranquilli. Se c’è un problema reale, mi levo il cappello e lascio fare. L’unione fa la forza, continueremo a fare pressione».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]