Via D’Amelio, ancora agli albori processo per calunnia Fiammetta Borsellino: «Sono delusa dalle lungaggini»

«Non posso nascondere una certa delusione per questo rinvio delle questioni preliminari a un’ennesima data, che è quella del 26 novembre». Sono amare le parole pronunciate da Fiammetta Borsellino, figlia del magistrato ucciso nella strage di via D’Amelio, fuori dall’aula di corte d’assise Giuseppe Alessi del tribunale di Caltanissetta, dove si sta celebrando il processo per concorso in calunnia aggravata ai poliziotti Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei. Oggi, infatti, si è proceduto nuovamente con l’esame delle richieste di costituzione di parte civile, seguite dalla decisione del giudice di rinviare a fine mese. «Mi aspetto celerità perché è già passato troppo tempo e sinceramente il fatto che oggi non sia stato presentato neanche un calendario delle udienze, considerato che in questo processo ci sono più di cento testimoni e le liste sono tra l’altro conosciute dal collegio, mi fa un po’ stare male – ribatte Fiammetta Borsellino -. Perché il passaggio del tempo in questa vicenda processuale è stato deleterio e purtroppo ha fatto comodo a tutti coloro che questa verità non vogliono cercarla, quindi sinceramente oggi mi sarei aspettata più celerità, un rinvio delle questioni preliminari non a un’udienza che è fine mese ma un rinvio ad horas. Su questo la famiglia vigilerà molto e ci opporremo a qualsiasi ulteriore perdita di tempo».

                    

Intanto, nel corso dell’udienza le difese hanno già anticipato le loro mosse rispetto alle richieste avanzate oggi, palesando una spaccatura sostanziale. «Crediamo che la presenza della parte civile possa essere utile per ricercare la verità. Non ci siamo opposti alla richiesta di costituzione di parte civile dei poliziotti e degli eredi dei poliziotti morti perché abbiamo difficoltà a concepire i poliziotti come parte processuale avversa a Mario Bo, devono essere presenti nel processo per vedere di ricostruire insieme la verità, ciò che accadde in quegli anni e durante quelle indagini. Non sono i poliziotti morti o i loro eredi i nostri avversari» osserva l’avvocato Nino Caleca, che insieme al collega Roberto Mangano rappresenta Bo. «Per quanto riguarda il ministero dell’Interno riteniamo che sia giustamente individuato come responsabile civile perché deve difendere i suoi uomini, dubito invece che possa essere contestualmente parte civile contro gli stessi poliziotti».

Di altro avviso l’avvocato che difende gli altri due imputati, Giuseppe Seminara, che ha manifestato l’intenzione di opporsi a tutte le costituzioni di parte civile, fatta eccezione per due: «Non mi opporrò a quella dei due soggetti che sono inseriti nel nostro capo d’imputazione, cioè Gaetano Scotto e i parenti di Salvatore Profeta, perché è un processo di calunnia aggravata, non è un processo di depistaggio – ci tiene a precisare a più riprese -. È una norma che è stata introdotta recentemente quella sul depistaggio e non può essere contestata per fatti che hanno più di 20 anni». I tre poliziotti, coinvolti a vario titolo nelle indagini per la strage di via D’Amelio, fecero parte del gruppo capeggiato all’epoca da Arnaldo La Barbera, capo della squadra mobile e tra i primi a indagare sui fatti del 19 luglio ’92. E per i quali la procura ha chiesto, in fase di udienza preliminare, l’aggravante del 416 bis comma 1 per aver agito con l’intenzione di favorire Cosa nostra. Un processo davvero senza precedenti, quello che – anche se a rilento – sta prendendo le mosse a Caltanissetta, dove un pezzo dello Stato si ritrova imputato di aver favorito la mafia, la stessa che ha alcuni suoi ex esponenti che chiedono ora di costituirsi parte civile.

È vero che, come ha sottolineato in più occasioni la difesa, l’accusa nei loro confronti non è propriamente di depistaggio. Ma è tutto lì il cuore dei fatti di sangue di via D’Amelio e, soprattutto, di quelli che seguirono all’indomani della strage. Una tela di bugie, omissioni, occultamenti, torture. Tutto parte dello stesso depistaggio che non ha permesso ancora, dopo 26 anni, di conoscere la verità su quel giorno e che ha partorito personaggi come quello di Vincenzo Scarantino, il finto pentito di via D’Amelio istruito ad arte anche da quei funzionari che oggi devono rispondere di concorso in calunnia aggravata. Tra loro, non a caso, c’è Fabrizio Mattei, che – per sua ammissione nel corso del processo Borsellino e per verifica di un’accurata perizia grafologica – ha scritto di suo pugno dei post-it per aggiustare la versione che il finto pentito avrebbe dovuto ripetere, attribuendosi fintamente quegli scritti.

«I processi Borsellino 1 e 2 sono stati processi deviati, nel senso che si sono indirizzati verso un canale falso e fondato su presupposti falsi, che hanno portato alla condanna di soggetti innocenti rispetto alla strage di via D’Amelio – afferma in aula anche la pubblica accusa -. Non è stato un percorso errato, diciamo oggi, ma un processo che senza le dichiarazioni di Gaspare Spatuzza nel 2008 non sarebbe mai arrivato a questo. Il giusto cammino non è stato percorso perché alcuni servitori dello Stato non hanno in realtà servito lo Stato, ma hanno fatto in modo che a Palermo non si arrivasse alla verità. Si imputa ai tre soggetti di aver deviato, occultato, impedito di poter arrivare proprio a quella verità».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]