Uno scherzo da ragazzi

 Cosa c’è nelle facce dei ragazzi macellai di Verona? Che cosa si trova nelle facce da bullo dei compagni di scuola di Viterbo? Normalità, visi normali, sguardi normali, la violenza banale, la banalità del male, direbbe Hannah Arendt. Perché? Cos’altro dovremmo trovarvi? Segni di appartenenza, borchie, rasature, tatuaggi? Ma qui quella che si esprime è invece la provincia dell’anima. Il provincialismo che ha bisogno del gruppo per sfogarsi, che ha bisogno della vittima a portata di mano per divertirsi o per affermarsi appena un po’, in discoteca, al pub, a scuola.

Sono facce per bene, facce d’angelo, ma dall’altro canto anche il protagonista di Arancia Meccanica, spogliato del travestimento, era un povero sfigato. La sua punizione sembrava quasi non avere nulla a che fare con la sua mediocrità, con la sua pochezza.

Di cosa sono frutto queste facce? Della camera dei ragazzi con i puffi, magari mescolati con qualche bandiera di destra, magari no, del mammismo italiano, del provincialismo del benessere, di un’Italia ormai tutta diventata provincia, uscita dal mondo rurale che ha conquistato le città piccole e medie e vi si esprime con i mezzi che può: pettegolezzo, piccole meschinità, senso del noi, del noi rozzo e minuto, quello del dialetto inteso come esclusione di tutti gli altri.

E’ un sentimento normale, in fin dei conti che male c’è a essere provinciali, domestici, a pensare che tutto è casa nostra, e guai a chi ci sporca lo zerbino. E’ la meschinità normale di chi prende la badante per la vecchia mamma e poi però la disprezza perché ci toglie il lavoro a noi, di chi va a nigeriane, ma le disprezza perché non sono come noi.

Piccolo mondo antico su cui i politici giocano i propri slogan, convinti di avere a che fare con chi sa quale potenziale e poi ritrovandosi nelle mani un paese immaturo, ritardato mentalmente e culturalmente. E’ l’idiozia dei film di Lars Von Trier, dei cattivi che non sanno nemmeno di esserlo, perché l’anima non si sono mai accorti di averla. E’ la provincia di tutta Italia che diprezza gli intellettuali, a destra e a sinistra, che pensa che i libri complicano la vita e che sapere le lingue serva a rimorchiare e indirizza i propri figli verso una cornice che non li allontani mai troppo dalle gonne di mamma.

Queste facce sono le stesse al nord e al sud, somigliano ai figli dei mafiosi e dei camorristi, anche loro immersi nel bambagiume di un benessere che i loro padri hanno raccolto. Queste facce puliscono le vite dei loro padri e delle madri, proprio come si ripulisce il denaro sporco investendo in boutique e pub. Sono facce non diverse da quelle adolescenziali che campeggiano nei grandi cartelloni della moda.

Sono casa, scuola, paese, sono anticittà, soino la crudeltà della campagna che non ha mai sopportato altro che i rapporti controllati e i territori controllati, sono la ferocia dei fighi, di quelli che sanno sempre essere cool, ma poi non troppo, c’è sempre una mamma che perdona da qualche parte.

Se è vero che la prima cosa che quelli che entrano per reati di mafia all’Ucciardone si fanno tatuare sul braccio è un asso di bastone con su scritto “Mamma Perdona”, allora questo motto vale per tutta l’Italia di oggi. La crudeltà è uno scherzo da ragazzi, in fin dei conti non si cade mai fuori dal giro, nemmeno ammazzando un compagno di banco. Sono facce che si somigliano tutte e che per un momento il fuoco della cattiveria illumina, ma che ricadono subito dopo nel pozzo patetico della inutilità del benessere.

[Fonte: La Repubblica – 06/05/2008]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]