Unict, 12 dirigenti costano un milione e mezzo di euro Il ministero dell’Economia bacchetta l’ateneo

Un capitolo di spesa che negli anni ha sfiorato i due milioni di euro per una struttura che la norma in materia di pubblica amministrazione non prevede, bacchettata ufficialmente dagli organi di controllo. Il sistema dirigenziale dell’ateneo di Catania è terreno di scontro per una battaglia che va avanti da tempo e al centro delle cronache universitarie da cinque mesi, da quando il rettore Giacomo Pignataro e il Consiglio d’amministrazione hanno ufficializzato una revisione del comparto. La riforma amministrativa era stata avviata assieme all’ex direttore generale Federico Portoghese, ma è stata bloccata a causa del reintegro di Lucio Maggio. Il quale ha ribadito, nei fatti, l’attaccamento alla sua visione di gestione nominando una giunta di quattro super dirigenti. Il magnifico, dal canto suo, ha assicurato nel messaggio natalizio che «nessuna delle delibere d’indirizzo approvate dagli organi collegiali potrà essere ignorata», inserendo la questione riforma nell’ordine del giorno del cda di lunedì 29 dicembre. 

La voce di bilancio che contraddistingue i dirigenti di prima e seconda fascia – rispettivamente a tempo indeterminato e determinato – è decisamente consistente. Tra il 2008 e il 2013 il totale è oscillato tra oltre un milione 500mila euro a un milione 900mila euro, per meno di venti dipendenti – direttore generale (che prima si chiamava amministrativo) compreso – in un periodo nel quale le retribuzioni dei docenti di tutte le fasce sono state bloccate. Tra membri di prima fascia e di seconda, a guadagnare più di tutti – il massimo che la normativa permette – è il direttore Maggio: oltre 196mila euro. Un contratto già da tempo contestato, anche dai sindacati, superiore per importo pure a quello dello stesso ministro dell’Istruzione Stefania GianniniNel 2014 tra gli undici dirigenti a tempo indeterminato lo stipendio è ai massimi livelli anche per l’ex direttore Portoghese (196mila euro). Seguono i membri della giunta Maggio – Rosanna Branciforte (133mila euro), Vincenzo Reina, Armando Conti e Giuseppe Caruso (127mila euro) – per i quali non è specificato se il nuovo incarico comporterà anche un corrispettivo in busta paga. 

Proprio i quattro super dirigenti hanno presentato il mese scorso un ricorso al Tar contro l’università etnea e il rettore Pignataro per annullare la delibera di luglio. L’accusa è di «eccesso di potere per incongruenza della motivazione e difetto dell’istruttoria, sviamento di potere, violazione dell’articolo 97 della Costituzione (articolo che regola la pubblica amministrazione, ndr)». I loro contratti, sostengono, prevedono mansioni e retribuzioni da prima fascia: non è possibile retrocedere attraverso una semplice delibera del Consiglio. Nello stesso periodo con una nota Giacomo Pignataro ha avvisato i ministeri dell’Economia e dell’Istruzione che il direttore generale ha bloccato la riforma amministrativa, nominando una giunta composta da dirigenti di primo livello con il compito di coordinare altri dirigenti considerati sottoposti. 

Sul’intera questione incombono alcuni pareri giunti in momenti diversi che bocciano la struttura dirigenziale dell’università di Catania. A marzo l’Avvocatura dello Stato ha raccomandato ai rappresentanti dell’ateneo di adeguarsi alle indicazioni degli organi di controllo. Unict, analizzano i legali, «non poteva conferire incarichi di livello generale o equivalente (o di prima fascia) perché, alla radice, non poteva istituire strutture complesse». Nonostante l’autonomia di cui godono gli enti universitari, dunque, non è possibile creare delle gerarchie di questo genere e, ancor meno, permettere il transito di personale dalla seconda alla prima e ambitissima fascia. L’ultima bacchettata è giunta il mese scorso, quando il ministero dell’Economia ha inviato una nota – inoltrandola anche alla Corte dei Conti – nella quale si mettono in luce irregolarità nel conto annuale 2013 proprio per l’ammontare degli stipendi dei dirigenti di seconda fascia. 

In tutto questo incombe ancora la presentazione al collegio dei Revisori del bilancio preventivo 2015. Un documento stilato da Federico Portoghese, ma che dovrà essere firmato da Lucio Maggio, attuale direttore generale. Sui conti pesano – ancora una volta – tre contratti dirigenziali imprevisti. Giuseppe Verzì, andato in pensione, riceverà un incarico esterno. E, infine, le riconferme di Piergiorgio Ricci e Mario Cullurà, le due nomine riconfermate da Maggio che hanno portato al licenziamento del direttore giudicato poi illegittimo dal tribunale del lavoro


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Negli ultimi anni il capitolo di spesa relativo ai vertici universitari ha sfiorato i due milioni di euro. Una struttura complessa, che secondo gli organi di controllo non potrebbe esistere, ma che il direttore generale Lucio Maggio continua ad avallare. Tra ricorsi al Tar e pareri inviati alla Corte dei Conti, il rettore Giacomo Pignataro prova a ridimensionare il bilancio. Guarda l'infografica

Negli ultimi anni il capitolo di spesa relativo ai vertici universitari ha sfiorato i due milioni di euro. Una struttura complessa, che secondo gli organi di controllo non potrebbe esistere, ma che il direttore generale Lucio Maggio continua ad avallare. Tra ricorsi al Tar e pareri inviati alla Corte dei Conti, il rettore Giacomo Pignataro prova a ridimensionare il bilancio. Guarda l'infografica

Negli ultimi anni il capitolo di spesa relativo ai vertici universitari ha sfiorato i due milioni di euro. Una struttura complessa, che secondo gli organi di controllo non potrebbe esistere, ma che il direttore generale Lucio Maggio continua ad avallare. Tra ricorsi al Tar e pareri inviati alla Corte dei Conti, il rettore Giacomo Pignataro prova a ridimensionare il bilancio. Guarda l'infografica

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]