Una raccolta fondi per realizzare il sogno di Shapoor «Salvare la sua famiglia dal pericolo dell’Afghanistan»

Valentina ha donato 10 euro, Rocco 5, un anonimo invece ne ha versati 350. Ognuno secondo le proprie possibilità con un unico obiettivo: portare la famiglia di Shapoor, lo chef afgano di Moltivolti, a Palermo. Di euro ne servono diecimila tra visti da ottenere, biglietti aerei e spese quotidiane di vitto e alloggio. Sono in dieci: la sorella di Shapoor e i nipoti. Sei donne, due bambini e due uomini. Già in Pakistan, grazie all’intermediazione dell’ambasciata italiana e del comune di Palermo. Tra loro anche un noto giornalista. Sono partiti senza niente, dopo la presa talebana, lasciando un paese in fiamme nell’angoscia di vivere una dittatura sanguinaria.

«Senza tanti soldi, un appoggio politico – spiega Shapoor a Vanity Fair – di qualche ambasciata di un Paese confinante, un pezzo di famiglia pronta ad accoglierti da qualche parte nel mondo e che riesce a inviarti denaro, è impossibile lasciare l’Afghanistan. Noi stiamo procedendo con una regolare richiesta di visti attraverso l’ambasciata italiana in Pakistan e con un regolare ingresso in Europa, acquistando un biglietto aereo. Sarebbe stato impossibile fare tutto questo da solo». A prendere l’iniziativa, senza nemmeno pensarci un po’, il locale per cui Shapoor lavora da più di sette anni: Moltivolti. «Shapoor in quei giorni ci raccontava che la sua famiglia era in estrema difficoltà – spiega Claudio Arestivo, co-fondatore di Moltivolti, a MeridioNews – avevano paura, si nascondevano, lì ci siamo detti “proviamo a fare qualcosa”».

Mohamed Shapoor arriva a Palermo nel 2009. Ex comandante dell’esercito afgano, lascia il suo paese nel lontano 2000. Da Kabul arriva in Pakistan, poi in Turchia, Calabria e, prima di stabilirsi a Palermo, gira anche il nord dello stivale. «Il suo percorso migratorio – racconta Arestivo – lo ha visto cucinare nelle cucine dei paesi che ha dovuto attraversare per arrivare in Italia. Si è pagato il viaggio così: lavorando nelle cucine. Viaggio che poi si è concluso con una traversata in barcone». Uomo dalle mille competenze, Shapoor entra a far parte della squadra di Moltivolti sin da subito come tuttofare. «Ne sa di falegnameria, di elettronica, è veramente un tutto fare – spiega il co-fondatore di Moltivolti – abbiamo colto al balzo la possibilità di assumerlo. È diventato aiuto cuoco e poi negli anni, con un percorso di apprendimento sul campo, chef». A Palermo tantissima gente conosce e stima Shapoor. «È una persona di enorme cuore – spiega Arestivo – sempre disponibile. Negli anni ha coltivato tante relazioni, è sempre disposto a dare una mano su tutto. In tantissimi a Palermo gli vogliono bene».

L’amore sembra corrisposto anche dal cuoco di Moltivolti, che ammette: «Io ho deciso di restare a Palermo per Moltivolti. Senza, la mia vita non sarebbe la stessa. Qui ho trovato una casa e una famiglia. il calore di questa città con chi è diverso o ha bisogno di un aiuto è grandissimo. Ballarò e il centro storico sono dei luoghi in cui l’integrazione multiculturale esiste davvero e non solo a parole». Non sono solo parole, e a dimostrarlo è la partecipazione alla raccolta fondi, che ad oggi conta oltre mille condivisioni. Manca veramente poco al raggiungimento della somma prevista. «Con l’entrata dei talebani le nostre televisioni sono state invase di immagini terribili – osserva il co-fondatore di Moltivolti – tutti noi siamo rimasti colpiti. Adesso, oltre che piangere per la tragedia, possiamo fare qualcosa di concreto, in questo momento possiamo strappare dieci persone dal pericolo». Un gesto concreto, attivo, quello richiesto a chi manifesta sensibilità per il tema. «C‘è bisogno che le singole persone si attivino, anche con poco – conclude Arestivo – in questo momento con cinque euro si ha la possibilità di mettere in salvo delle persone».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]