Il progetto per trasformare gli ulivi e i carrubi secolari in monumenti siciliani

«Ulivi e carrubi monumentali fanno parte della storia della Sicilia». Da questa consapevolezza è nata l’iniziativa di un disegno di legge che è stato presentato all’Assemblea regionale siciliana dal Partito democratico e che vede come primo firmatario il deputato ragusano Nello Dipasquale. Diciannove articoli con l’obiettivo di «tutelare gli ulivi e i carrubi monumentali siciliani, che hanno una età plurisecolare». Per farlo, il progetto è quello di istituire un elenco regionale che li identifichi per consentirne il monitoraggio e la cura. Non solo, alla base del ddl, c’è anche l’idea di promuoverli dal punto di vista turistico con iniziative specifiche ideate e realizzate dagli assessorato al Turismo e all’Agricoltura. «Sono elementi peculiari e caratterizzanti della storia, della cultura e del paesaggio della nostra isola e, in quanto tali, devono essere tutelati», commenta Dipasquale. La proposta di legge, inoltre, prevede anche l’istituzione della menzione speciale Olio extravergine degli ulivi secolari di Sicilia, che potrà essere utilizzata da tutti i produttori di olio proveniente da ulivi e uliveti monumentali inseriti nell’elenco regionale. Una menzione speciale che può essere associata a quella prevista da marchi di Denominazione di origine protetta (Dop) o di Indicazione geografica protetta (Igp).

«Anche il loro valore sotto il profilo naturalistico è inestimabile. Per questo – sottolinea il deputato del Partito democratico – serve un progetto di tutela che punti anche alla valorizzazione turistica di questo patrimonio nel quadro di un impianto normativo organico che prevede pure l’istituzione di un apposito capitolo nel bilancio della Regione». In effetti, tra i simboli universalmente riconosciuti della Sicilia ci sono anche queste due piante tipiche della macchia mediterranea. Alcuni, talmente antichi o rappresentativi, da potere essere considerati veri e propri monumenti che «come quelli realizzati dagli uomini, sono archivio (botanico), testimonianza (di resilienza) e riserva (di biodiversità) – si legge nel ddl – Riconoscere gli alberi monumentali come beni naturali (architetture viventi) significa riconoscere il patrimonio artistico naturale alla stregua del patrimonio artistico antropico». Non solo, in alcuni territori, ulivi e carrubi secolari rappresentano un valore per la comunità in quanto diventano anche custodi di memorie. «Valorizzare un albero – viene spiegato nel disegno di legge del Pd – a volte, può creare le condizioni affinché spazi in declino o che hanno perduto il significato possano recuperare un carattere relazionale e culturale».

Per attribuire il carattere di «monumentalità» a una piante, nel ddl, vengono elencati dei precisi criteri: innanzitutto l’albero deve avere un’età plurisecolare (deducibile dalle dimensioni del tronco); poi deve possedere un «accertato valore storico-antropologico» per citazione in documenti o rappresentazioni iconiche-storiche ma anche per il valore simbolico attribuito da una comunità. Per le valutazioni, infatti, è prevista l’istituzione di una commissione tecnica che avrà sede all’assessorato regione dell’Agricoltura. Tutti gli alberi che verranno inseriti nell’elenco, saranno automaticamente sottoposti a vincolo paesaggistico «in quanto assimilati a beni diffusi del paesaggio e, come tali, devono essere individuati negli strumenti urbanistici comunali». Ovviamente – eppure è stato necessario inserire nel disegno di legge un articolo su questo punto – è «vietato il danneggiamento, l’abbattimento, l’espianto e il commercio degli ulivi e dei carrubi monumentali». Vietato anche destinare e trasportare le piante per scopi sia vivaistici che ornamentali. A questo aspetto potranno essere concesse delle deroghe ma soltanto dopo avere acquisito il parere vincolante della commissione tecnica che deve valutare «la sussistenza delle condizioni che possono consentire l’espianto, le sue finalità, la documentata inesistenza di soluzioni alternative e l’esistenza di un apposito progetto di reimpianto». Infine, gli imprenditori agricoli proprietari di terreni con ulivi e carrubi monumentali «hanno priorità nei finanziamenti regionali, nazionali e comunitari per la realizzazione di progetti con finalità di mantenimento in coltura, il miglioramento qualitativo del prodotto, il recupero e la manutenzione del paesaggio rurale».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Ulivi e carrubi monumentali fanno parte della storia della Sicilia». Da questa consapevolezza è nata l’iniziativa di un disegno di legge che è stato presentato all’Assemblea regionale siciliana dal Partito democratico e che vede come primo firmatario il deputato ragusano Nello Dipasquale. Diciannove articoli con l’obiettivo di «tutelare gli ulivi e i carrubi monumentali siciliani, […]

«Ulivi e carrubi monumentali fanno parte della storia della Sicilia». Da questa consapevolezza è nata l’iniziativa di un disegno di legge che è stato presentato all’Assemblea regionale siciliana dal Partito democratico e che vede come primo firmatario il deputato ragusano Nello Dipasquale. Diciannove articoli con l’obiettivo di «tutelare gli ulivi e i carrubi monumentali siciliani, […]

«Ulivi e carrubi monumentali fanno parte della storia della Sicilia». Da questa consapevolezza è nata l’iniziativa di un disegno di legge che è stato presentato all’Assemblea regionale siciliana dal Partito democratico e che vede come primo firmatario il deputato ragusano Nello Dipasquale. Diciannove articoli con l’obiettivo di «tutelare gli ulivi e i carrubi monumentali siciliani, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]