U mari spurtusatu del golfo di Gela Tra le trivelle dell’Eni e pale eoliche

In un’intervista al Corriere della Sera rilasciata a luglio il premier Renzi era stato chiaro. «E’impossibile andare a parlare di energia e di ambiente in Europa – dichiarava allora il presidente del Consiglio – se nel frattempo non sfrutti l’energia e l’ambiente che hai in Sicilia e Basilicata […], potrei raddoppiare la percentuale del petrolio e del gas in Italia e dare lavoro a 40mila persone e non lo si fa per paura delle reazioni di tre, quattro comitatini». Eppure sono quei «comitatini» che al momento in Sicilia hanno promesso battaglia. Tutti uniti per difendere uno specifico tratto di mare, ovvero l’insenatura del golfo di Gela. Un litorale bistrattato e poco considerato, nonostante le ricchezze archeologiche e paesaggistiche, per via dell’incombente presenza della Raffineria. E sul quale l’Eni ha mostrato decisamente di puntare attraverso ben due progetti.

Il primo si chiama Offshore ibleo ed è stato presentato nell’istanza di concessione di coltivazione idrocarburi d3G.C.-.AG al largo della costa di Licata. A parte la palese svista geografica, il decreto VIA (valutazione d’impatto ambientale) n. 149/14 sancisce, con prescrizioni, la compatibilità ambientale del progetto. Se i due pozzi esplorativi sono «a distanza di sicurezza», oltre i 20 km dalla costa, altrettanto non si può dire per le attività di coltivazione. Inoltre è prevista la realizzazione di alcuni oleodotti. Ossia una serie di trivellazioni sulle quali Greenpeace ha manifestato parecchi dubbi. Con uno studio, risalente a luglio, il cui titolo è già piuttosto esplicativo: «Come autorizzare le trivelle nel mare siciliano senza valutare i rischi ambientali e gli impatti socio-economici».

Anche la Regione Siciliana aveva dato parere negativo. Ma è stata scavalcata dall’autorizzazione, seppur con alcune prescrizioni, del ministero dell’Ambiente. Per questi motivi gli attivisti di Greenpeace presenteranno a giorni un ricorso al Tar, con l’adesione di vari comuni, associazioni e altre istituzioni. «Siamo piuttosto soddisfatti – dichiara Alessandro Giannì, direttore delle Campagne Greenpeace Italia. Purtroppo, resta il problema del signor Crocetta. Leggo che avrebbe dichiarato che dopo la VIA del Ministro dell’Ambiente non c’è nulla che la Regione possa fare. Ricordando che non sarebbe la prima volta che il signore in questione straparla, è evidente che la Regione potrebbe (come noi e tanti altri) ricorrere al TAR per bloccare un procedimento che tra l’altro la prende ampiamente per i fondelli».

Non è l’unico progetto di trivellazione a mare da parte del cane a sei zampe. Sempre a luglio, mentre gli operai gelesi lottavano per difendere il posto di lavoro dal rischio chiusura degli impianti a terra, l’Eni inoltrava la richiesta per un nuovo pozzo esplorativo denominato Lince 1, con lo scopo di individuare a mare nuovi giacimenti di gas potenzialmente sfruttabili. Anche qui coinvolti i territori che vanno da Gela a Licata.

Un tratto di mare che ormai in molti definiscono «u mari spurtusatu», visto che alle trivelle dovrebbe aggiungersi un parco eolico offshore (PEOS): 38 pale per un investimento da 150 milioni di euro, con un’altezza massima per ciascuna di 135 metri e a circa 4 chilometri dalla costa. Troppo pochi per i comitati No Peos locali, che con un’azione congiunta hanno promosso un ricorso al Tar di Palermo il quale si è espresso non competente in materia in quanto le risorse costiere e marittime appartengono di competenza ai ministeri. Proprio mentre scriviamo si attende la pronuncia del Tar del Lazio, prevista per oggi.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

In attesa che si sblocchi lo stallo per la Raffineria, l’Eni punta sulle trivelle a mare. Con una richiesta di procedura per la valutazione d’impatto ambientale che riguarda il golfo di Gela. Già interessato dal progetto denominato offshore ibleo, sul quale invece c’è l’assenso del ministero dell’Ambiente. Lo stesso litorale sul quale la società ligure Wind Mediterranean Offshore intende costruire 38 pale eoliche

In attesa che si sblocchi lo stallo per la Raffineria, l’Eni punta sulle trivelle a mare. Con una richiesta di procedura per la valutazione d’impatto ambientale che riguarda il golfo di Gela. Già interessato dal progetto denominato offshore ibleo, sul quale invece c’è l’assenso del ministero dell’Ambiente. Lo stesso litorale sul quale la società ligure Wind Mediterranean Offshore intende costruire 38 pale eoliche

In attesa che si sblocchi lo stallo per la Raffineria, l’Eni punta sulle trivelle a mare. Con una richiesta di procedura per la valutazione d’impatto ambientale che riguarda il golfo di Gela. Già interessato dal progetto denominato offshore ibleo, sul quale invece c’è l’assenso del ministero dell’Ambiente. Lo stesso litorale sul quale la società ligure Wind Mediterranean Offshore intende costruire 38 pale eoliche

In attesa che si sblocchi lo stallo per la Raffineria, l’Eni punta sulle trivelle a mare. Con una richiesta di procedura per la valutazione d’impatto ambientale che riguarda il golfo di Gela. Già interessato dal progetto denominato offshore ibleo, sul quale invece c’è l’assenso del ministero dell’Ambiente. Lo stesso litorale sul quale la società ligure Wind Mediterranean Offshore intende costruire 38 pale eoliche

In attesa che si sblocchi lo stallo per la Raffineria, l’Eni punta sulle trivelle a mare. Con una richiesta di procedura per la valutazione d’impatto ambientale che riguarda il golfo di Gela. Già interessato dal progetto denominato offshore ibleo, sul quale invece c’è l’assenso del ministero dell’Ambiente. Lo stesso litorale sul quale la società ligure Wind Mediterranean Offshore intende costruire 38 pale eoliche

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]