Tutto scontato, tranne il Catania

Come l’anno scorso un gol di Del Core, un panchinaro, catapultava in serie A il Catania oggi un gol di Rossini, uno che di partite quest’anno ne ha giocate veramente poche e mai decisive, salva il Catania da una retrocessione che i più davano per scontata (bastava dare un’occhiata alle quote Snai, o ai sondaggi scandalosi della Gazzetta per toccarsi in ogni dove). Un gol seguito dal raddoppio di un altro rincalzo, il difensore Mauro Minelli.

Una vittoria di cuore che sa di finale play off. Un out out che Pasquale Marino ha saputo interpretare nel migliore dei modi, azzeccando 2 sostituzioni su 2, concedendo pochissimo a un Chievo agguerrito che non ha mai giocato per il pareggio. Un pesantissimo 2 a 0 condanna così il Chievo (ma chi se ne frega) a una retrocessione su cui nessuno avrebbe scommesso, dato che all’undici di Del Neri bastavano 2 risultati su 3 (pareggio e vittoria). E per le vie del centro è il delirio, un delirio contenuto, ma gli immancabili caroselli di auto, bandiere e sciarpe, sanno molto di una nostalgica promozione vecchia di un anno.
 
Il presidente del Catania sembra un ragazzino, seduto a gambe incrociate sul prato, attendendo spasmodicamente il triplice fischio dell’arbitro.

Ovviamente i risultati – scontati alla nausea – dagli altri campi, da subito (già al ventesimo del primo tempo con il vantaggio della Reggina sul Milan e del Siena sulla Lazio) condannavano una delle 2 squadre a una sicura retrocessione. Un sussulto al pareggio della Lazio sul campo del Siena, ma poi il Siena torna nuovamente in vantaggio e la faccia del presidente del Chievo è scioccata, perché il Catania conduce già per 2 reti a 0. Al Chievo servirebbe un miracolo, ma la sfiga del Catania di quest’anno ci ha abituati a tutto. Quindi soffriamo. Soffriamo fin quando l’arbitro non decide che è finita.

E anche per l’anno prossimo il Catania giocherà nella massima serie, una massima serie che rivedrà per l’occasione la vecchia signora (o i gobbi, che dir si voglia). A meno di altri scandali estivi, ma ormai siamo abituati a tutto. Da un paio d’anni il campionato non finisce mai a maggio. Ma il nostro, quello del Catania, si spera si sia concluso con quel gol di testa di Fausto Rossini. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Come da pronostico degli scommettitori: Milan e Lazio si squagliano davanti a Reggina e Siena. Il campionato di serie A sembrava avviato a un finale prevedibile e falsato. Ma i gol di due panchinari rossazzurri lo hanno riscritto- Il Catania resta in A, meritatamente di Andrea Leserri- Step1 porta bene al Catania! Ecco le 'gufate' dei nostri lettori di Redazione

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]