Trapani, prima banca in amministrazione giudiziaria «Soggetti vicini a Cosa nostra nell’istituto di Paceco»

La banca di credito cooperativo di Paceco a disposizione della famiglia Coppola, legata a Cosa Nostra trapanese, in particolare ai boss Vincenzo Virga e Matteo Messina Denaro. È questa l’ipotesi della Direzione distrettuale antimafia di Palermo che ha chiesto e ottenuto dal Tribunale di Trapani che l’istituto di credito trapanese venga messo in amministrazione giudiziaria per sei mesi. Il primo caso in Italia per una banca. 

Sottoposta a ispezioni della Banca d’Italia nel 2010 e nel 2013, la banca avrebbe ignorato o rispettato solo formalmente le raccomandazioni di via Nazionale. In particolare sarebbero stati ignorati gli obblighi della normativa antiriciclaggio e le raccomandazioni, provenienti sempre dalla Banca d’Italia, sulle concessioni di fidi ed extrafidi. Tra i dipendenti dell’istituto bancario, come responsabile dell’ufficio rischi, figura Rocco Coppola, fratello di Filippo Coppola, condannato per associazione mafiosa con sentenza definitiva. Quest’ultimo è detto il professore, perché negli anni scorsi ha insegnato pedagogia e lettere, ed è indicato come vicino ai boss Virga e Messina Denaro. Lo scorso aprile i carabinieri di Trapani gli hanno sequestrato beni del valore di tre milioni di euro. Secondo gli inquirenti la sua ingerenza avrebbe portato personaggi collegati a Cosa Nostra trapanese a gestire la banca di Paceco. 

Determinante nelle indagini è stato un software chiamato Molecola, in grado di incrociare i dati di chi aveva rapporti con l’istituto di credito. Su 1.600 soci, 326 avrebbero avuto precedenti penali e undici di questi sarebbero legati alla criminalità organizzata. Tra i casi clamorosi scoperti, un prelievo in contanti di 120mila euro fatto dalla cognata del pentito di mafia Francesco Milazzo. Ancora più assurda la risposta dell’istituto di credito trapanese alla Banca d’Italia che chiedeva spiegazioni: l’operazione era stata consentita perché «era prevalsa la conoscenza del carattere della cliente suggestionata dalle notizie sulla crisi dei mercati». Altra operazione che ha fatto scattare l’allarme degli investigatori è stata la transazione concessa a Pietro Leo, per gli inquirenti indiziato di mafia, che aveva stipulato un mutuo di 237mila euro e ha ottenuto di restituirne 135mila in dieci anni. La figlia era dipendente della banca.

Le indagini sono state condotte dal colonnello Francesco Mazzotta della Guardia di finanza e coordinate dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Bernardo Petralia. Adesso ad amministrare la banca sarà Andrea D’Anna e la società di consulenza Pricewaterhouse. L’istituto di credito ha una sede a Paceco e cinque filiali: a Paceco, Trapani, Dattilo, Napola e Marsala. «I correntisti non rischiano nulla – precisano gli inquirenti – anzi sono tutelati da possibili situazioni di pericolo che avrebbe potuto correre la banca se fosse proseguita quella gestione».

«Il provvedimento del tribunale di Trapani – ha commentato il procuratore Lo Voi – che accoglie una nostra istanza, prosegue la linea che da tempo perseguiamo e che punta sul rafforzarsi delle indagini finanziarie, sulla ricerca dei flussi illeciti e sull’approfondimento degli strumenti finanziari leciti e illeciti che usa la criminalità organizzata».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]