Trapani, le nuove accuse dietro il sequestro ai Morace Cene, regali e assunzioni: tutto appuntato in 18 diari

Il 19 maggio del 2017 per Trapani è un giorno a suo modo storico nella sua tragicità. In manette finiscono il candidato più accreditato a diventare sindaco da lì a qualche settimana, Girolamo Fazio, e l’imprenditore Ettore Morace, rappresentante della famiglia di imprenditori più potente della città. Tra gli indagati c’è anche Salvatrice Severino, dirigente pro tempore dell’Assessorato regionale ai Trasporti. In quel momento l’accusa degli inquirenti alla funzionaria è di aver creato un bando per il trasporto marittimo, quello del 2014, su misura per la società dei Morace, la Ustica Lines. Ma quel giorno, dalla perquisizione a casa di Severino, i carabinieri portano via una mole di documenti che si rivelerà determinante per fare luce su un arco temporale molto più ampio. Diciotto diari manoscritti, relativi agli anni dal 2000 al 2017, in cui il marito della donna appunta e commenta quanto succede nella sua famiglia e come le vicende della moglie e della figlia si intrecciano con i milionari appalti della Regione per garantire i collegamenti tra la Sicilia e le isole minori.

Tra gli appunti dell’uomo finiscono viaggi e cene pagate da Vittorio Morace e preziosi regali alla sua «Salvy». 3 settembre 2008: «ore 13.40 siamo andati a pranzo, abbiamo mangiato zuppa d’aragosta, squisita. Ha pagato Morace». 23 dicembre 2008: «ore 20, Morace ha relagato una cesta con dentro una collana di perla con susta con brillanti». 21 dicembre 2010: «ore 11, arrivata cesta natalizia (Morace) con collana zircone con brillantini di un quarto di carato». 20 dicembre 2013: «Morace – cesta natalizia più ricca dell’anno scorso. Collana con pietre preziose più anello oro con pietre preziose». Ma anche «due borse per il compleanno, di cui una Chanel già usata. Bella figura!».

I diciotto diari, per i giudici di Palermo, rappresentano «una vera e propria miniera investigativa, che consente finalmente di ricostruire nel dettaglio la reale natura dei rapporti illeciti intrapresi e portati avanti per anni dalla dirigente con l’armatore Vittorio Morace». È soprattutto su questi nuovi documenti che si fonda il sequestro scattato ieri a carico di società – il 97 per cento della Liberty Lines e il 50 per cento del Trapani calcio – di beni mobili e immobili dell’imprenditore trapanese, per un valore complessivo di oltre 10 milioni di euro, cioè l’equivalente delle somme che l’uomo, grazie alla complicità di Severino, avrebbe ottenuto illecitamente dalla Regione nel periodo compreso tra il 2008 e il 2014.

In questo arco temporale Severino è la responsabile dei due bandi di gara contestati, «che sembrano – scrive il giudice motivando il sequestro – essere stati confezionati su misura, tenendo conto della concreta capacità operativa della Ustica Lines, come se la Regione avesse individuato, ancora prima di predisporre il bando di gara, il futuro contraente». In particolare «l’individuazione e l’elaborazione dei costi di produzione/esercizio dei servizi marittimi con riferimento alla flotta della Ustica Lines, e non a tipologie generali di navi veloci ritenute idonee allo svolgimento del servizio appaltato».

Inoltre il bando di gara avrebbe permesso di non effettuare i controlli necessari sui servizi effettuati dalla compagnia. «In sostanza, la Regione ha sistematicamente rimborsato Ustica Lines le spese per costi mai sostenuti, relativamente a corse programmate che non sono state poi effettuate, né successivamente recuperate». Soldi che, stando ai calcoli della Procura condivisi dal Gip, ammontano a 10 milioni 108mila euro, cioè il valore del patrimonio finito sotto sequestro.

Ampio spazio nell’indagine, così come nei diari del marito della dirigente Severino, trova il caso dell’assunzione in Ustica Lines della figlia della coppia, Maria Grazia Naccari. L’ingaggio avviene nel 2008. 8 gennaio: «Ore 16 – annota il marito della funzionaria nel suo diario – appuntamento con il comandante Morace. Tutto ok Marika lavorerà da lunedì 14 presso Ustica Lines, stipendio iniziale 1.020-1.030 euro». Tre giorni dopo, 11 gennaio: «Mi ha telefonato Salvina. Marika ha la casa, acqua e luce pagati da Morace. Bella notizia». E ancora, 17 dicembre: «Vado a Trapani. Marika ha il piacere di festeggiare il suo contratto, invitandoci tutti al ristorante (i Morace + noi)».

Tutto va avanti senza intoppi per sei anni. La notizia diventa motivo di scontro, anche politico, nel 2014 quando, prima Nello Musumeci nella veste di presidente dell’Antimafia Regionale denuncia pubblicamente il fatto, e poi il governatore Rosario Crocetta e l’allora assessore alle Infrastrutture Nico Torrisi presentano un esposto all’autorità giudiziaria. Severino, avvertito il clima pesante relativo anche al nuovo bando, chiede di essere spostata in un altro dipartimento. E i fatti continuano a riempire i diari di famiglia: «16 febbraio 2014, ore 12 appuntamento a Trapani con Morace. Il comandante ci ha rassicurato. Marika è intoccabile, comunque vadano le cose resterà sempre a lavorare con noi».

Quando i pm di Palermo interrogano le due donne, madre e figlia forniscono una versione diversa del modo in cui la giovane è stata assunta dai Morace: Severino ammette di essersi rivolta all’imprenditore «per una raccomandazione», con l’obiettivo di contattare il direttore del carcere di Favignana, dove la figlia avrebbe potuto lavorare come psicologa. «A quel punto – mette a verbale la dirigente – Morace di sua iniziativa mi chiese informazioni su mia figlia e mi disse di fargli avere un curriculum della ragazza». Versione diversa, invece, quella raccontata da Mariagrazia Nicari che riferisce di aver inoltrato autonomamente il proprio curriculum a Ustica Lines, informando solo dopo la madre.

Quando le due donne si incontrano nella sala d’attesa del pubblico ministero e capiscono di aver raccontato due storie che non coincidono, hanno un acceso dialogo, puntualmente captato dalle cimici piazzate dagli inquirenti. «Mamma mi cunfunnivu, ora minchia mi hanno inculato perché gli ho detto sta cosa. Ho fatto una minchiata?», chiede la giovane. «Sì, la verità si deve dire – replica la dirigente -. Non è questione di incuriosire. Ti hanno preso per opera dello Spirito Santo. Non siamo credibili, altrimenti. La verità». Quindi Severino ordina alla figlia di tornare dentro e rettificare. «Gli dici: “mi sono ricordata, voglio rettificare, me l’ha detto la mia mamma“». Su quel giorno il diario di famiglia tace.

Aggiornamento del 6 marzo 2023
In relazione all’accusa di corruzione, nel 2019 il gup del Tribunale di Palermo ha deciso il non luogo a procedere nei confronti di Vittorio Morace. Nel 2021 i giudici della sezione misure di prevenzione di Palermo hanno disposto il dissequestro dei beni dell’armatore, per 10 milioni di euro, sequestrati dalla Dia.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]