Tfa, il bilancio dopo le prove di accesso Lo scopo dei quesiti eliminare candidati

Le ostinate speranze di chi desidera diventare insegnante in Italia – per amore di formazione o per fame di denaro – somigliano tanto a quelle del Dorian Gray di Oscar Wilde, morto nella peggiore delle maniere dopo essersi illuso per anni di poter raggiungere l’obiettivo tanto agognato.

Dall’arsenale del Sant’Uffizio di viale Trastevere, dopo la sansoniana Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario – nata e defunta nel giro di un decennio, trascinando con sé centinaia di vittime incolpevoli –  e dopo tre lunghi anni di interregno trascorsi al motto del Conte di Montecristo – «aspetta e spera» – ecco fare la sua apparizione il Decreto Ministeriale 11/11/2011: il Tirocinio Formativo Attivo.

Il nuovo strumento di supplizio ministeriale, ancora una volta, non ha alcun interesse a stabilire se il candidato docente sia effettivamente in grado di barcamenarsi nell’arduo compito della formazione scolastica, e se dunque l’esaminando somigli più ad un frizzante Gilderoy Allock digiuno di latino o ad una preparata Adelaide Rottenmaier empatica quanto un tronco di pino.

Di contro, al grido che fu di Duncan MacLeod – «ne resterà solamente uno» – le prove preliminari di accesso sembrano mosse da un unico, prevedibile, principio: eliminare più pretendenti possibili. I posti disponibili in tutta Italia, del resto, sono quelli che sono: 20.067 tra scuola media e superiore, troppo pochi per un numero di aspiranti che avrebbero convinto persino Leonida ad una onorevole ritirata. Che il principio sia proprio quello dell’eliminazione ad ogni costo lo chiariscono gli stessi quesiti sottoposti agli esaminandi.

La prova di ammissione per la classe di filosofia, psicologia e scienze dell’educazione (A036), richiedeva esplicitamente al candidato una perfetta conoscenza dell’opera di Massimo Cacciari (quesito 6): filosofo italiano, pubblicò nel 1976 “Krisis. Saggio sulla crisi del pensiero negativo da Nietzsche a Wittgenstein”; un po’ come canonizzare Heidegger in un libro di filosofia del 1920. E se Don Abbondio aveva i suoi problemi con Carneade, d’ora in poi molti ricorderanno a vita i nomi di Amafinio (quesito 9) e di Ermarco (quesito 20), il primo commentatore di Epicuro e il secondo suo successore.

Meglio non se la sono vista gli aspiranti insegnanti di lingua e letteratura francese (A246), convinti per un attimo di trovarsi agli esami d’ammissione del Centro internazionale di epistemologia genetica di Jean Piaget: oltre a non essere tenuti alla conoscenza di uno psicologo sovietico quale Lev Semënovi? Vygotskij (quesito 1), non si capisce quale rapporto intercorra tra l’area del cervello scoperta da Paul Broca e la letteratura francese (quesito 7). Certamente alcun rapporto – tra cervello e letteratura intendiamo – nel caso degli autori delle domande: se “A une passante” non fa certamente parte dei “Piccoli poemi in prosa” di Baudelaire (quesito 17) è indiscutibile che non ne faccia parte nemmeno “L’invitation au voyage”, contenuta invece ne I fiori del male!

Arduo, del resto, trovare una sola definizione corretta di filologia nella quaterna di castronerie del quesito 54, riguardante “La nascita della tragedia” di Nietzsche. E a proposito di questioni e di capri, ecco la pericolosissima scivolata sull’ortografia di ambigues (quesito 33), liberamente tracciabile con la dieresi sulla lettera ë come sulla lettera ü.  Nessuno, legittimamente, dovrebbe comunque sentirsi colpevole di non conoscere il nome del creatore del Festival teatrale di Avignone (quesito 26) né quello da nubile della moglie del poeta Paul Éluard (quesito 25). Di surreale, qui, ci sono solo i quesiti.

Fondamentale, invece, per un candidato alla classe di materie letterarie e latino nei licei e nell’istituto magistrale (A051), la conoscenza della geografia dell’Africa sub-sahariana (quesito 30): è importante, infatti, sapere che il Mali non confina con la Nigeria; oltre a non essere mai stato provincia romana, essendo all’epoca parte integrante dell’Impero del Ghana, inattaccabile anche dal più sprovveduto degli imperatori. Interessante, ma non vitale, sapere come il Colorado non confini con il Tennessee, a meno che un antenato di John Fante non fosse un ex guerriero sannita ribelle fuggito in barca, approdato nel New Jersey e giunto fin lì dopo una gita sulle Montagne Rocciose.

Pur non avendo alcun motivo di far parte di una batteria di quiz riguardante materie letterarie e latino, alcuni avranno appreso che la Costituzione americana nasce nel 1789 (quesito 24) e che l’antico regno del Siam oggi è la Thailandia (quesito 29), mentre qualche latinista col pallino della politica internazionale potrebbe legittimamente far osservare che il BRIC (Brasile, Russia, India, Cina) del quesito 32 è in realtà il BRICS – fu BIC – con sommo scorno del Sudafrica,  dissanguatosi due anni fa per ospitare i mondiali e già buttato nel dimenticatoio dai cervelloni del ministero. Luigi Meneghello è stato certamente un grande partigiano, ma in un sistema scolastico dove per miracolo si riesce ad arrivare a Ungaretti, non individuare in lui l’autore di Libera nos a Malo (quesito 1) è forse meno di un peccato veniale, come non conoscere un componimento dell’unica raccolta poetica uscita dalla penna del grande Primo Levi (quesito 11).

Infine, conoscere i titoli delle due pratextae attribuite a Nevio (quesito 37) può essere encomiabile, pur sapendo che a scuola non potrai mai parlarne, un po’ perché irrimediabilmente perdute e un po’ perché, visti gli esordi, negli istituti molti andranno solo per accompagnare i propri figli.

 

 

[Foto di bluelephant]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il cognome della moglie del poeta Paul Éluard e nozioni di geografia dell'Africa sub-sahariana. Ma anche il nome del creatore del Festival di Avignone e del primo commentatore di Epicuro. I primi test di accesso al Tirocinio formativo attivo, i corsi per ottenere l’abilitazione per l’insegnamento nelle scuole medie e superiori, si sono rivelati a dir poco ostici e in qualche caso fuorvianti o errati. Ve ne proponiamo una selezione curata da Gherardo Fabretti

Il cognome della moglie del poeta Paul Éluard e nozioni di geografia dell'Africa sub-sahariana. Ma anche il nome del creatore del Festival di Avignone e del primo commentatore di Epicuro. I primi test di accesso al Tirocinio formativo attivo, i corsi per ottenere l’abilitazione per l’insegnamento nelle scuole medie e superiori, si sono rivelati a dir poco ostici e in qualche caso fuorvianti o errati. Ve ne proponiamo una selezione curata da Gherardo Fabretti

Il cognome della moglie del poeta Paul Éluard e nozioni di geografia dell'Africa sub-sahariana. Ma anche il nome del creatore del Festival di Avignone e del primo commentatore di Epicuro. I primi test di accesso al Tirocinio formativo attivo, i corsi per ottenere l’abilitazione per l’insegnamento nelle scuole medie e superiori, si sono rivelati a dir poco ostici e in qualche caso fuorvianti o errati. Ve ne proponiamo una selezione curata da Gherardo Fabretti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]