Terremoto, sono decine le chiese chiuse e inagibili Pure quella di Santa Venerina, da poco ristrutturata

Il campanile crollato, così come parte della facciata, nella chiesa di Fleri. La statua di sant’Emidio in frantumi a Pennisi. Nel terremoto che la notte di Natale ha stravolto la vita di migliaia di persone alle falde dell’Etna, le chiese rientrano tra le strutture che hanno avuto la peggio. Sono decine quelle chiuse, o perché già dichiarate inagibili o al momento solo per precauzione. Le diocesi di Acireale e Catania hanno già fatto un primo censimento, dopo i sopralluoghi svolti nelle ultime 48 ore insieme ai vigili del fuoco e ai tecnici della protezione civile. 

Il simbolo del sisma è la chiesa Maria Santissima del Rosario a Fleri. Sono state dichiarate inagibili sia la vecchia struttura, usata negli ultimi dieci anni come locale per attività pastorali, che la moderna chiesa costruita accanto all’inizio degli anni ’90. Dell’antica chiesa, dopo il terremoto del 2004, erano rimaste solo la facciata e le pareti esterne. «Dopo quel sisma – spiega Grazia Spampinato, vicedirettrice dell’ufficio Beni culturali della diocesi di Catania – il progetto di restauro portò alla costruzione di una nuova struttura interna, lasciando solo l’involucro antico fatto dalla facciata. Il tetto ad esempio fu interamente rifatto con criteri antisismici e infatti ha resistito. Ma il crollo della parte più antica ha compromesso l’intera struttura». Al momento l’ipotesi più plausibile è l’abbattimento integrale dell’edificio. Discorso diverso per la moderna chiesa costruita a inizio anni ’90. «La zona delle celebrazioni è spaccata in due – continua Spampinato – e ci sono molte crepe al primo piano, ma abbiamo margini di recupero».

Rimanendo nel territorio della diocesi di Catania, l’altra chiesa chiusa e dichiarata inagibile è quella di Pisano, frazione di Zafferana Etnea. Qui se all’esterno è visibile solo la caduta di qualche calcinaccio, è all’interno che si riscontrano i danni maggiori: l’abside è infatti spaccato in più punti. Nessun problema strutturale alla chiesa madre di Zafferana Etnea, dove sono in corso ulteriori verifiche al campanile, ma al momento si registra solo qualche intonaco venuto giù. In generale non desta preoccupazione e rimane regolarmente aperta. 

Ben più lungo l’elenco delle chiese chiuse nella diocesi di Acireale. L’unica che è stata dichiarata ufficialmente inagibile è quella della frazione di Pennisi, insieme a Fleri il territorio più ferito dal terremoto e oggi praticamente vuoto, visto che quasi tutti i residenti sono stati costretti a lasciare le proprie case. Sono state invece chiuse per precauzione le seguenti chiese: Santa Maria della Misericordia a Piano d’Api, Santa Maria del Monte Carmelo e San Giuseppe ad Aci Platani, Santa Maria delle Grazie a Fiandaca, Santa Maria La Stella, Santa Lucia e la Consolazione ad Aci Catena (dove invece la chiesa madre è chiusa per ordinanza del sindaco ma avrebbe subito lievi danni, non strutturali che però metterebbero a rischio i festeggiamenti dell’11 gennaio per la Madonna della Catena), Maria Santissima del Rosario e Maria Vergine a Cosentini, e la chiesa di Linera

A queste si aggiungo due chiese a Santa Venerina: Santa Venera e Sacro Cuore. I danni peggiori si registrano nella prima, mentre nella seconda – oltre al crollo di una statua dalla facciata principale, visibile già nei momenti immediatamente successivi alla scosa – sono emerse anche lesioni interne. Si tratta della chiesa che aveva già subito pesanti danni dal terremoto del 2002 e che era stata riaperta al culto nel 2014, dopo dodici anni.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]