Teatro di Andromeda: il luogo dove il sole bacia la pietra «Ci portavo le pecore, oggi si assiste al solstizio d’inverno»

«Prima di tramontare nel mare africano, un raggio di sole penetrerà l’occhio bronzeo del portale restando sospeso tra terra, cielo e suoni ancestrali». Uno spettacolo a cui si può assistere dentro un teatro in pietra, a mille metri d’altezza e con lo sguardo rivolto al Canale di Sicilia. La cornice è quella del teatro di Andromeda – dedicato alla costellazione da cui prende il nome – un ambiente suggestivo immerso tra i monti Sicani nell’Agringentino, in contrada Rocca all’esterno delle mura perimetrali del borgo medievale di Santo Stefano Quisquina

Il creatore del teatro, Luciano Reina, cominciò a scolpire un recinto sacro alle 108 stelle visibili della Costellazione di Andromeda nel luogo dove originariamente portava, insieme a suo padre, le pecore al pascolo. Sono 108, infatti, i posti a sedere, tutti a forma di stella a otto punte. Mentre i tasselli che compongono la scena sono 365, come i giorni dell’anno. Il teatro è di forma ellittica. Un ambiente in cui la realtà diventa una visione quasi onirica, specie quando il sole investe l’arco in pietra del teatro, l’occhio bronzeo che dà accesso alla struttura all’aperto. I miracoli avvengono il 21 giugno e il 21 dicembre, quando, rispettivamente, la primavera dà spazio all’estate e l’autunno saluta l’ingresso dell’inverno

Col solstizio d’inverno, il sole raggiunge la sua minima declinazione a mezzogiorno, raggiugendo il punto più basso rispetto a tutti gli altri giorni, inoltre l’arco che compie da est a ovest è il più breve in assoluto. Nel teatro di Andromeda il sole filtra dal portale, mentre gli spettatori assistono allo spettacolo gustando tisane calde, vin brulè e ciliegie sciroppate. L’idea di Reina, appassionato di storia e filosofia, è di offrire uno spettacolo in quelli che erano i pascoli dell’entroterra agrigentino dove ha potuto apprendere l’arte della pastorizia tramandata da suo padre. Nel teatro di Andromeda il visitatore compie un viaggio, avvolto dal silenzio, mentre si trova sospeso a mille metri, ammirando un panorama dove lo sguardo si perde all’interno di una struttura che «ha una forma di un’astronave», come la definisce Reina. Oltre a filtrare per il portale, i raggi passano anche dalla bocca della maschera della parola, una delle sculture realizzate da Reina.

«Mio padre mi voleva pastore – racconta – così ho passato la mia infanzia tra pecore e cani e un solo libro. Di notte scolpivo alabastri in una stalla dove riposavano altri pastori, che mi urlavano di andare a dormire. Scolpivo al lume di un pezzo di stoffa immersa nella nafta e, quando le mie narici si riempivano di polvere e di fumo, uscivo fuori a respirare sotto le stelle. Una notte chiesi al cielo di non farmi mai sazio della mia arte e sono stato ascoltato». Reina così abbandona il suo pascolo e si lascia guidare dall’aura misteriosa e affascinante del luogo

«È scritto che lo Spirito, come il vento, soffia dove vuole e ha soffiato qui – spiega – dove alla fine del 1970 portavo le pecore al pascolo e, al tramonto, le ho viste più volte ruminare in pace, ferme come nell’immobilità della pietra. Sentivo che in questo luogo dimoravano spiriti santi e, così, ho deciso di costruire qui un teatro di pietra. Molti anni dopo, ho saputo che la Galassia M31 della costellazione di Andromeda entrerà in collisione con la nostra Galassia tra circa quattro miliardi e mezzo di anni e ho cominciato a scolpire un recinto sacro – aggiunge – ispirato alle 108 stelle visibili della costellazione di Andromeda. Un incontro tra due galassie, così come il teatro: luogo di condivisione e di unione», conclude. Il teatro conta circa 12mila visitatori l’anno, tra spettacoli ed eventi culturali. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]