Taormina, tanto Casinò per nulla La sala da gioco rimane un sogno

Fosse un film sarebbe Un casinò chiamato desiderio. È il destino di Taormina e della sala da gioco, un sogno atteso ormai da mezzo secolo. Sembrava la volta buona. A marzo l’Assemblea regionale siciliana aveva approvato la legge voto per la nascita di due casinò, rispettivamente nei comuni di Palermo e Taormina. Con il solo voto contrario dei 12 deputati del Movimento 5 stelle e cinque astenuti, la proposta di legge era stata salutata con entusiasmo dall’allora assessore al Turismo Michela Stancheris. A luglio la notizia dell’assegnazione alle commissioni riunite Affari costituzionali e Finanze e tesoro. Poi più nulla. «La legge non è stata ancora discussa – conferma Lino Leanza, primo firmatario – Bisogna sollecitare i siciliani al parlamento e al governo. Nei prossimi giorni insieme al sindaco di Taormina faremo un appello».

Eppure Taormina un casinò ce l’ha avuto: dal febbraio 1963 al gennaio 1965 villa Mon Repos divenne, seppur per breve tempo, il salotto per eccellenza dell’aristocrazia e del bel mondo internazionale. In un panorama mozzafiato la sala da gioco fu lo scenario perfetto per una dolce vita di felliniana memoria in salsa sicula. Ma intervenne la polizia a spezzare il sogno degli aristocratici locali, chiudendo il casinò in applicazione di una legge del periodo fascista che vieta il gioco d’azzardo non tanto per questioni di moralità quanto per il rischio di possibili turbamenti all’ordine pubblico

Però lo stesso trattamento non è stato riservato alle quattro case da gioco del Nord, che continuano regolarmente a operare, seppur in perdita costante. La sala da gioco di Saint-Vincent, in Val d’Aosta, subì a un certo punto la stessa sorte di quello di Taormina ma venne dissequestrata con un atto amministrativo del governo di quella regione, per di più successivamente ratificato in vari gradi di giudizio, fino al pronunciamento favorevole della Corte di Cassazione. 

E allora, sostengono i tifosi del casinò di Taormina, cos’ha la Sicilia in meno? Ricordando come la regione a statuto speciale potrebbe legiferare da sé l’immediata riapertura. Anche la Corte Costituzionale per ben due volte, nel 1985 e nel 2001, ha sollecitato con le proprie sentenze lo Stato italiano a riparare le iniquità. Ma nei fatti nulla s’è mosso. Fino a oggi. Ad ogni legislatura parlamentare non si contano i disegni di legge in tal senso. «Sarebbe un’opportunità unica per la Sicilia – sostiene Leanza – Moltissimi turisti non andrebbero più a Malta ma rimarrebbero da noi». 

Le ricadute economiche e occupazionali, però, non sembrano interessare più di tanto i cittadini taorminesi. Facendo un giro in centro, molti commercianti sostengono che aiuterebbero più la defiscalizzazione e un maggior numero di servizi che il casinò. «I turisti qui ci sono – dice la titolare di un negozio d’abbigliamento – solo che non rimangono soddisfatti di come ci prendiamo cura di loro».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]