Tangenti Sigonella, solo un militare risponde al giudice Silenzio di Làera sugli incontri nella sede de La Sicilia

Uno è rimasto in silenzio, l’altro invece si è detto completamente estraneo all’accusa. Si sono chiusi così, davanti alla giudice per le indagini preliminari Marina Rizza, gli interrogatori di Giuseppe Làera e Matteo Mazzamurro. I due militari dell’aeronautica militare che da sabato trascorrono le giornate nel carcere di Bari, dove sono stati rinchiusi dopo l’arresto per istigazione alla corruzione. L’indagine della procura di Catania riguarda l’iter di esproprio di un vasto terreno nei pressi della base di Sigonella. L’area di proprietà della Sater, società dell’editore de La Sicilia Mario Ciancio Sanfilippo, sarebbe servita per consentire l’ampliamento della pista principale e i lavori per la realizzazione di una secondaria. 

L’accusa per Làera e Mazzamurro è di avere proposto al legale rappresentante di Sater, Michele Micale – che ha poi denunciato tutto alla guardia di finanza – il pagamento di una mazzetta per garantire all’impresa una valutazione maggiore dei terreni, oltre che la garanzia che il ministero della Difesa ne espropriasse una porzione maggiore rispetto a quella prevista in un primo tempo. Nello specifico da 60 a 76 ettari, così come chiesto da Ciancio per evitare di rivolgersi al Tar. Per quanto riguarda invece la somma da ricevere, secondo Làera, dai 17.800 euro a ettaro stimati dall’Agenzia del demanio ci si sarebbe potuti spingere fino a oltre 30mila. In cambio della cortesia, però, bisognava soddisfare le aspettative di chi stava a Roma. La percentuale da pagare come tangente, secondo quanto prospettato da Làera al legale rappresentante, sarebbe oscillata tra l’uno e il tre per cento. Per oliare l’intero iter, inoltre, il luogotenente aveva suggerito il nome di un professionista etneo che avrebbe contatti diretti con il ministero.

Al momento, però, Làera ha preferito non dire nulla sugli incontri avuti con Micale nello stabile che ospita anche il quotidiano La Sicilia. Uno di questi è stato monitorato dai militari della finanza (vedi foto) negli attimi precedenti all’ingresso del luogotenente nella struttura di viale Odorico da Pordenone a Catania. L’interrogatorio si è svolto in videoconferenza. «Fa parte della strategia difensiva non rispondere alla giudice per il momento – ha spiegato a caldo a MeridioNews il legale di Làera, l’avvocato Marco Grattagliano – Finora, non ho avuto modo di confrontarmi di presenza con il mio assistito e prima di ogni cosa bisogna ricostruire bene la vicenda». L’avvocato annuncia il ricorso al tribunale del Riesame: «Ritengo che, una volta che sono stati sequestrati i documenti da parte degli organi inquirenti, la misura cautelare in carcere sia sproporzionata». 

A scegliere di rispondere alla gip è stato, invece, il tenente colonnello Mazzamurro, il superiore di Làera che, insieme a quest’ultimo, ha incontrato il collaboratore di Ciancio a Catania, cenando con lui in un ristorante sul lungomare. Una serata in cui Micale in più di un’occasione ha alluso alle modalità che l’impresa avrebbe dovuto seguire per pagare la tangente, non ricevendo però particolari risposte da Mazzamurro. Il tenente colonnello, dal canto suo, l’indomani parlando con Làera aveva commentato con stizza l’insistenza del legale rappresentante di Sater. «Il mio assistito ha chiarito la sua posizione e si è dichiarato estraneo ai fatti – è il commento dell’avvocato Marco Rutigliano – Ha fornito al giudice tutti gli elementi per fare capire che di quello che apparentemente sembra un circolo vizioso lui sicuramente non faceva parte. Non era consapevole di quello che stava accadendo».

Intanto, l’inchiesta della procura etnea è tutt’altro che chiusa. Sul tavolo dell’aggiunta Agata Santonocito ci sarebbero già altri episodi simili a quelli capitati alla Sater. Il sospetto, quindi, è che i comportamenti adottati dai militari dell’aeronautica facessero parte di uno schema già replicato. A farne parte sarebbero stati anche referenti attivi a Roma. La guardia di finanza, in tal senso, già nei giorni scorsi ha effettuato una serie di perquisizioni e sequestri. Tra le persone controllate c’è anche Angelo Mastrangeli, 65enne capo della sezione Espropriazioni del ministero della Difesa. Gli uomini delle fiamme gialle, a margine della perquisizione, hanno portato via documenti, cellulare e computer.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]