Stanziati 60mila euro per la creatività urbana Sei progetti dalle librerie alla storia della città

«Siamo felicissimi, è il primo progetto che presentiamo e che vinciamo. Adesso ci metteremo subito a lavoro per realizzare la nostra biblioteca all’aperto». Daniele Cavallaro, uno dei fondatori dell’associazione Gammazita, non sperava nella vittoria del bando comunale sulla Valorizzazione della creatività urbana. La sua associazione riceverà 10mila euro per attuare entro il 26 dicembre in piazza Federico di Svevia una serie di attività di promozione della lettura, «con confronti, letture pubbliche, un mercatino. Tutto per fare in modo che la piazza sia vissuta», racconta Daniele. I soldi verranno dal progetto denominato Pari – acronimo di Partecipazione autonomia impresa responsabilità -, promosso dalla Direzione cultura e dalle Politiche giovanili del Comune di Catania e vinto da Gammazita e da altre cinque realtà catanesi molto attive sul territorio: l’Arci Catania con un progetto per la valorizzazione di San Berillo; Manomagia che realizzerà una serie di burattini giganti per raccontare ai bambini la storia del centro storico cittadino; l’associazione Quadrivium promuoverà delle iniziative musicali; Catania Lab punterà alla zona compresa tra via San Michele e piazza Manganelli, e infine Officine culturali che si prenderà cura di via Biblioteca.

«Avremmo fatto tutto comunque, ma i fondi ci semplificheranno molto le cose», spiega il rappresentante dell’associazione che ha creato Ursino Buskers. Una considerazione che sembra condivisa da uno dei referenti del progetto presentato da Catania Lab, legata all’emittente Radio Lab, Alessandro Giacomo Fangano. Tutto si basa sull’esperienza maturata da Centrocontemporano, di cui Fangano è uno degli ideatori, per portare nell’area di piazza Manganelli «laboratori e progetto sulla rigenerazione urbana, entrambi rivolti a giovani da 16 a 35 anni. I primi risultati verranno poi illustrati nel corso di Centrocontemporaneo, in programma domenica 7 dicembre», spiega Fangano. Le attività, che andranno avanti fino a dopo Natale, avranno anche un risvolto pratico: «Noi metteremo tutto su un sito internet e su una mappa cartacea. Ma vorremmo organizzare una tavola rotonda con le altre associazioni che hanno partecipato al bando», conclude Fangano.

E la disponibilità a una collaborazione nei progetti arriva già da Officine culturali, associazione nota in città per il suo ruolo di promozione dell’ex Monastero dei Benedettini. «Cercheremo di rendere fruibile il giardino di via Biblioteca: è uno spazio pubblico, l’unico piccolo parco del centro storico oltre alle ville Bellini e Pacini, ed è poco noto ai catanesi», spiega Francesco Mannino, presidente dell’associazione culturale. Anche per lui, come per Gammazita, si tratta «del primo bando vinto a livello comunale», e anche in questo caso «le attività le avremmo fatte anche senza i fondi», spiega Mannino. Nell’area pedonale antistante la biblioteca Ursino Recupero verranno realizzate visite al museo della fabbrica del monastero, un workshop sul quartiere insieme al comitato Antico Corso, al centro Iqbal masih e alla comunità di Sant’Egidio. «Faremo anche del giardinaggio, e probabilmente concluderemo tutto con un concerto», spiega Mannino. Che lancia un appello: «Sarebbe bello se tutti i partecipanti rendessero pubblici i rendiconti delle proprie spese e condividessero la propria esperienza a fine progetto».

Un appello che sembra essere già recepito dalla Consulta giovanile del Comune di Catania, che ha promosso il bando. «Siamo riusciti a portare nel territorio catanese risorse che si rischiava di perdere, in un periodo dove le risorse scarseggiano, dividendo i soldi su sei realtà valutate con trasparenza da una commissione tecnica che ha rispettato dei parametri rigidi», spiega Pierangelo Spadaro, presidente della consulta giovanile e consulente del sindaco Enzo bianco sulle politiche giovanili. Che annuncia: «Il Pari in totale è un progetto da 230 mila euro: 69 mila euro saranno dati agli studenti come contributi alle borse di studio. 40 mila serviranno per pagare gli alloggi agli studenti in graduatoria Ersu. Altri 50 mila euro verranno impiegati sempre dall’Università di Catania per promuovere le startup», conclude Spadaro. E una proposta arriva anche da un altro membro della consulta, Mirko Viola, già ideatore di Catania Source: «Sarebbe bello alla fine dei progetti creare un momento di racconto, una occasione per trovare volontari per dare una mano nelle buone pratiche». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]