Spaccio in viale Nitta e via Capopassero: un appartamento trasformato in market della droga

L’appartamento di una palazzina in viale Nitta, a Catania, è stato trasformato in un market di spaccio di sostanze stupefacenti ad opera di un giovane pregiudicato arrestato dai carabinieri di Fontanarossa. A seguito di un capillare controllo nella zona, i militari hanno raggiunto lo stabile e, approfittando della presenza di un un acquirente dello spacciatore davanti alla porta, sono riusciti ad entrare in casa cogliendo il pusher in flagranza di reato. Il 23enne è stato bloccato, mentre armeggiava vicino ad un tavolo su cui sono stati trovati due involucri contenenti rispettivamente due grammi di crack e 4,5 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e materiale vario per il confezionamento della droga. Il pusher ha consegnato ai carabinieri, prelevandoli da una tasca dei pantaloni, la somma di 100 euro di vario taglio, provento dello spaccio, sequestrata insieme alla droga e ad alcuni alcuni foglietti manoscritti con l’indicazione delle sostanze stupefacenti, segnate con i nomi “cosa” e fum.   

Al termine dell’ispezione dei locali dell’appartamento, i militari hanno anche trovato un monitor collegato ad una microcamera ben nascosta nell’interruttore della luce posto all’esterno della porta di ingresso, che consentiva al giovane un’ampia visuale di tutto il pianerottolo.  Il pusher è stato posto agli arresti domiciliari. Controlli anche in via Capo Passero, dove un gruppo di giovani, intenti ad armeggiare qualcosa, avvistata la volante dei carabinieri sono scappati gettando a terra una busta di plastica contenente 258 grammi di marijuana, sottoposta a sequestro a carico di ignoti. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo